Alex Jones testimonia nel processo per diffamazione che il massacro di Sandy Hook è stato “reale al 100%”

Teorico della cospirazione Alex Jones Mercoledì ha testimoniato di aver capito che era irresponsabile dichiarare una bufala il massacro della scuola elementare di Sandy Hook e che ora crede che fosse “reale al 100%”.

Parlando il giorno dopo che i genitori di un bambino di 6 anni ucciso nell’attacco del 2012 hanno testimoniato, Sofferenza, minacce di morte e molestie Hanno resistito a causa delle stronzate di Jones sulle sue piattaforme mediatiche, l’ospite di InfoWars ha detto a un’aula di tribunale del Texas che pensa decisamente che l’attacco sia avvenuto.

“Soprattutto perché ho incontrato i genitori. È vero al 100%”, ha detto Jones durante la sua udienza per determinare quanto lui e la sua società di media Free Speech Systems devono per diffamazione di Neil Hesslin e Scarlett Lewis. Il loro figlio Jesse Lewis era tra i 20 studenti e sei educatori uccisi nell’attacco a Newtown, nel Connecticut, la peggiore sparatoria in una scuola nella storia degli Stati Uniti.

Alex Jones entra in aula
Alex Jones entra in aula di fronte a Scarlett Lewis e Neal Heslin, genitori della vittima di tiro di Sand Hook di 6 anni, Jesse Lewis, al tribunale della contea di Travis il 28 luglio 2022 ad Austin, in Texas.

Brianna Sanchez/Piscina


Ma Heslin e Lewis hanno detto martedì che le scuse non erano sufficienti e che Jones dovrebbe essere ritenuto responsabile per aver diffuso ripetutamente bugie sull’attacco. Stanno cercando almeno $ 150 milioni.

La testimonianza nella seconda settimana del processo si è conclusa a mezzogiorno di mercoledì.

Durante le discussioni conclusive mercoledì pomeriggio, l’avvocato di Jones, Andino Reynal, ha affermato che i querelanti non avevano dimostrato che le azioni e le parole del suo cliente hanno causato danni reali a Heslin e Lewis. Ha detto che era ragionevole presumere che qualcun altro avesse “armato” ciò che Jones aveva detto su Sandy Hook e “li avesse convinti che Alex Jones fosse responsabile della loro miseria”.

Solo Jones ha testimoniato in sua difesa. Il suo avvocato gli ha chiesto se ora avesse capito che era “assolutamente irresponsabile” fare false affermazioni che non c’era stato alcun massacro e che nessuno era morto.

Jones ha detto, ma ha aggiunto che “loro (i media) non mi permetteranno di riprenderlo”.

Si è anche lamentato di essere stato “tipoggiato come qualcuno che va in giro a parlare di Sandy Hook, che fa soldi con Sandy Hook, che è ossessionato da Sandy Hook”.

Sotto interrogatorio dell’avvocato Mark Bankston, Jones ha ammesso di aver fatto affermazioni di cospirazione relative ad altre tragedie di massa, dagli attentati di Oklahoma City e dalla maratona di Boston alle sparatorie di massa a Las Vegas e Parkland, in Florida.

Bankston ha inseguito la credibilità di Jones, mostrando un videoclip di InfoWars la scorsa settimana in cui lui, non Jones, ha affermato che il processo era stato truccato e presentava una foto del giudice in fiamme. Arriva un’altra clip in cui Jones chiede se la giuria è stata scelta da un gruppo di persone che “non sanno su quale pianeta” vivono. Jones ha detto che in realtà non ha detto quella parte.

Bankston ha affermato che Jones non ha rispettato gli ordini del tribunale di fornire messaggi di testo ed e-mail per raccogliere prove preliminari. Jones ha detto: “Non uso la posta elettronica” e ne è stato mostrato uno raccolto da un’altra fonte dal suo indirizzo e-mail. Ha risposto: “Avrei dovuto dettarlo”.

A un certo punto, Bankston disse a Jones che i suoi avvocati avevano erroneamente inviato a Bankston gli ultimi due anni di messaggi dal cellulare di Jones.

L’avvocato ha anche mostrato alla corte un’e-mail in cui si diceva a Jones che la società aveva incassato $ 800.000 nelle vendite dei suoi prodotti in un giorno, il che ammonterebbe a quasi $ 300 milioni in un anno. Jones ha detto che l’azienda ha avuto il suo giorno migliore in termini di vendite.

La testimonianza di Jones è arrivata il giorno dopo che Hesslin e Lewis hanno detto in un’aula di tribunale ad Austin, dove hanno sede Jones e le sue società, che Jones e la falsa bufala affermano che lui e Infowars hanno fatto carriera. “L’inferno vivente” di minacce di morteAbusi e molestie online.

Martedì hanno portato a una giornata di testimonianza di impeachment, in cui il giudice ha rimproverato Jones per non essere sincero in alcune delle sue affermazioni sotto giuramento.

Nello scambio di grappling, Lewis ha parlato direttamente con Jones, che era seduto a 10 piedi di distanza. All’inizio di quel giorno, Jones ha detto al suo pubblico durante la sua trasmissione che Heslin era “lento” e veniva manipolato da cattivi.

“Sono una madre prima e so che sei un padre. Mio figlio lo era”, ha detto Lewis a Jones. “Non sono profondo… so che lo sai… eppure uscirai da quest’aula e lo ripeterai nel tuo show.”

A un certo punto, Lewis ha chiesto a Jones: “Pensi che io sia un attore?”

“No, non penso che tu sia un attore”, ha risposto Jones, che è stato incaricato dal giudice di rimanere in silenzio fino a quando non viene chiamato a testimoniare.

Heslin e Lewis sono tra le numerose famiglie di Sandy Hook che hanno intentato cause legali sostenendo che le affermazioni sulla bufala di Sandy Hook di Jones hanno portato ad anni di abusi da parte sua e dei suoi seguaci.

“Quello che è stato detto su di me e Sandy Hook risuona in tutto il mondo”, ha detto Heslin. “Con il passare del tempo, ho capito quanto fosse pericoloso”.

Jones ha saltato la testimonianza di Hesslin martedì mattina mentre era nello show – liquidando Hesslin come “vigliacca” – ma è venuta in aula per una parte della testimonianza di Scarlett Lewis. Era accompagnato da diverse guardie private.

“Oggi è molto importante per me. È passato molto tempo da quando ho affrontato Alex Jones per quello che ha detto e fatto a me. Per ripristinare l’onore e l’eredità di mio figlio”, ha detto Heslin quando Jones non era presente.

Hesslin ha detto alla giuria di aver tenuto suo figlio con un foro di proiettile in testa, descrivendo anche l’entità del danno al corpo di suo figlio. Un pezzo chiave del caso è stata una trasmissione InfoWars del 2017 che affermava che Heslin non aveva la custodia di suo figlio.

Nel 2017, Hesslin è andato in televisione, dicendo a CBS News, Per affrontare direttamente i negazionisti di Sandy Hook. “Ho perso mio figlio, ho seppellito mio figlio, ho messo una pallottola nella testa di mio figlio”, ha detto.

Dopo di che, le molestie sono peggiorate, ha detto Heslin.

“Ho ricevuto molte minacce di morte” Heslin ha detto a CBS News nel 2018. “La gente dice: ‘Devi avere un proiettile in testa.'”

Alla giuria è stata mostrata una foto scolastica di un Jesse sorridente scattata due settimane prima di essere ucciso. I genitori non hanno ricevuto la foto fino al termine delle riprese. Hanno raccontato come Jesse divenne noto ai compagni di classe come “Odu”. Avrebbe potuto salvare vite.

Jones in seguito ha preso posizione martedì e inizialmente si è scontrato con il giudice, che gli ha chiesto di rispondere a una domanda del suo stesso avvocato. Jones ha testimoniato che desiderava da tempo scusarsi con i querelanti.

Più tardi, il giudice ha mandato la giuria fuori dalla stanza e ha rimproverato Jones per aver detto alla giuria che era fallito, anche se non l’aveva fatto. Gli avvocati dei querelanti erano furiosi per il riferimento al fallimento di Jones, cosa che temono potesse contaminare le conclusioni della giuria sui danni.

“Questo non è il tuo spettacolo”, ha detto il giudice Maya Guerra a Gamble Jones. “Le tue convinzioni non rendono vero nulla. Hai fatto un giuramento.”

Lo scorso settembre, un giudice ha ammonito Jones nella sua sentenza di contumacia per non aver restituito i documenti richiesti dalle famiglie di Sandy Hook. Un tribunale del Connecticut ha emesso una sentenza di contumacia simile contro Jones per ragioni simili in un caso separato promosso da altri genitori di Sandy Hook.

Quanto Jones pagherà è in gioco nelle indagini. I genitori hanno chiesto alla giuria di assegnare $ 150 milioni di danni per diffamazione e inflizione intenzionale di stress emotivo. La giuria valuterà se Jones e la sua azienda debbano risarcire i danni punitivi.

Jones ha detto alla giuria che oltre 2 milioni di dollari di danni ci avrebbero “sopraffatto”, ma ha aggiunto: “Penso che sia appropriato comunque tu decida cosa vuoi fare”.

Jones ha già cercato di proteggere finanziariamente le organizzazioni per la libertà di parola. La società ha presentato istanza di protezione fallimentare federale la scorsa settimana. Le famiglie di Sandy Hook hanno intentato cause separate per le affermazioni finanziarie di Jones, sostenendo che la società stava cercando di proteggere milioni di persone che appartenevano a Jones e alla sua famiglia attraverso società di comodo.

READ  Voli per il Regno Unito in Ruanda: il giudice autorizza il primo volo per inviare richiedenti asilo in Ruanda

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply