Attenzione agli avvistamenti di aurore “frontali”, dicono gli scienziati

Secondo un nuovo studio, gli scienziati devono prevedere gli “shock interplanetari” che colpiranno frontalmente il campo magnetico terrestre per proteggere qualsiasi infrastruttura che conduca elettricità. Pubblicato Oggi Frontiere dell’astronomia e della scienza spaziale.

La comparsa di spettacolari spettacoli di aurore verdi, rosse, viola e blu come una tempesta geomagnetica globale il 10 maggio potrebbe segnalare l’arrivo di forti correnti sulla Terra che potrebbero danneggiare le linee di trasmissione di energia, oleodotti e gasdotti, ferrovie e sottomarini. Cavi.

shock planetari

Uno shock planetario, che può portare a vedere le bellissime aurore boreali e australi, è un disturbo nel vento solare. È causata dall’espulsione di massa coronale dal Sole. Una CME è una nuvola di campi magnetici e particelle cariche provenienti dal Sole che viaggiano nello spazio a velocità fino a 3.000 chilometri al secondo.

Questo disturbo restringe la bolla magnetica protettiva della Terra, spesso innescando le aurore. Tuttavia, la ricerca suggerisce che l’angolo di impatto degli shock interplanetari è fondamentale per la forza delle correnti.

Questo è importante perché gli shock interplanetari sono più comuni durante il massimo solare, che secondo gli scienziati sta accadendo ora.

Le correnti indotte geomagneticamente possono danneggiare le infrastrutture di trasmissione dell’elettricità. Più potente è lo shock interplanetario, più potenti saranno le correnti e le aurore. Se gli scienziati riuscissero a prevedere che uno shock interplanetario in arrivo sarà capovolto, piuttosto che un colpo di osservazione, ciò potrebbe aiutare a proteggere le infrastrutture prima di un attacco, dicono i ricercatori.

Cime elevate

Lo studio rileva che gli shock che colpiscono la Terra frontalmente, anziché ad angolo, innescano forti correnti geomagneticamente indotte. Utilizzando un database di shock interplanetari e riferimenti incrociati con misurazioni di correnti indotte geomagneticamente da un gasdotto a Mantsala, in Finlandia, gli scienziati hanno scoperto che nella “zona dell’aurora” gli shock frontali causano grandi picchi nelle correnti geomagneticamente indotte. Perché comprimono maggiormente il campo magnetico.

Hanno anche scoperto che i picchi più intensi si verificavano alla “mezzanotte magnetica”, l’ora della notte (mezzanotte vera, ora locale) quando il Polo Nord si trovava tra il Sole e Mantsala sul lato notturno della Terra.

Meteo spaziale

“Aurore e correnti indotte geomagneticamente causate da fattori meteorologici spaziali simili” disse L’autore principale è il dottor Denny Oliveira del Goddard Space Flight Center della NASA. La meteorologia spaziale è il flusso di particelle cariche provenienti dal Sole: il vento solare. “L’aurora è un avvertimento visivo che le correnti nello spazio possono generare queste correnti geomagneticamente indotte sulla terra.”

Lo spettacolo dell’Aurora del 10 maggio è stato particolarmente intenso. L’aurora appare come un ovale attorno alle regioni polari, ma in quella data l’ovale si è espanso a causa dell’arrivo di molte CME. “Durante le intense tempeste geomagnetiche la regione aurorale può espandersi notevolmente”, ha detto Oliveira. “Di solito, il suo confine meridionale è a circa 70 gradi di latitudine, ma durante eventi estremi può arrivare a 40 gradi o più, il che sta sicuramente accadendo. Tempesta di maggio 2024: la tempesta più violenta degli ultimi due decenni.

Ti auguro cieli sereni e occhi spalancati.

Prendi i miei libri Osservare le stelle nel 2024, Un programma di osservazione delle stelle per principiantiE Quando sarà la prossima eclissi?

READ  Guida definitiva per acquistare una stendibiancheria elettrici nel 2022 - I migliori 40 compilati!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply