Ghalibaf è tra i sei la cui candidatura alle elezioni presidenziali iraniane è stata approvata Notizie di politica

Il presidente del parlamento Mohammad Baqir Qalibaf e altri cinque governatori hanno deciso di candidarsi alle elezioni con voto anticipato il 28 giugno.

Teheran, Iran – Sei persone, tra cui il presidente del parlamento Mohammad Baqir Qalibaf, sono state autorizzate a candidarsi alle elezioni presidenziali anticipate previste per il 28 giugno, in seguito alla morte del presidente Ebrahim Raisi in un incidente in elicottero.

Il Consiglio dei Guardiani, un organo di controllo costituzionale, ha approvato la candidatura dell’ex negoziatore nucleare Saeed Jalili e del sindaco di Teheran Ali Reza Zakani, ma altri 74 non lo hanno fatto, segnando un’altra elezione con diffusa squalifica dei candidati.

Ghalibaf, 62 anni, è un ex comandante dell’aeronautica militare della Guardia rivoluzionaria iraniana, è stato presidente del parlamento per quattro anni, è stato sindaco di Teheran dal 2005 al 2017 e prima ancora capo della polizia. . Si candidò alla presidenza nel 2005, 2013 e 2017, quando si ritirò in favore di Raisi.

Jalili, che è il rappresentante diretto della Guida Suprema, l’Ayatollah Ali Khamenei, presso il Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale del Paese, si è ritirato dalle elezioni del 2021 a favore di Raisi, che ha vinto quasi incontrastato.

Le esclusioni più importanti includono Mahmoud Ahmadinejad, l’ex presidente populista, nonché il candidato moderato e tre volte ex presidente del parlamento Ali Larijani – entrambi non si sono qualificati per candidarsi neanche nel 2021.

Saeed Jalili, ex capo negoziatore sul nucleare, parla in una conferenza stampa dopo essersi registrato come candidato per le elezioni presidenziali presso il Ministero degli Interni, a Teheran, il 30 maggio 2024. [Majid Asgaripour/WANA via Reuters]

L’Iran avrebbe dovuto tenere le elezioni presidenziali nel 2025, ma il voto è stato anticipato dopo la morte di Raisi il 19 maggio in un incidente in elicottero nel nord dell’Iran. Raisi, 63 anni, avrebbe dovuto ottenere un altro mandato ed era un nome di spicco legato alla successione dell’85enne leader supremo iraniano.

READ  Gli attivisti per il clima prendono di mira le lattine di zuppa Campbell progettate da Andy Warhol alla National Gallery australiana | Andy Warhol

Anche altri sette, tra cui il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdullahian, sono rimasti uccisi nell’incidente, che secondo i militari in un rapporto preliminare del mese scorso non era il risultato di attività criminale.

Zakani, diventato sindaco di Teheran dopo essersi ritirato a favore di Raisi nella corsa del 2021, ha dichiarato in un post sul sito X dopo la sua qualificazione domenica che voleva “continuare il percorso” del defunto presidente.

Il parlamentare Masoud Pezeshkian, ex ministro degli Interni e della Giustizia Mostafa Pourmohammadi, e Amir Hossein Ghazizadeh Hashemi, capo della Fondazione Martiri Iraniani, sono in cima alla lista dei sei candidati approvati.

Il settantenne Pezeshkian, deputato veterano da cinque mandati ed ex ministro della Sanità, è l’unico candidato che rappresenta le fazioni moderate e riformiste significativamente deboli della scena politica iraniana.

Eshaq Jahangiri, ex primo vicepresidente nell’amministrazione del presidente moderato Hassan Rouhani, è stato tra gli esclusi dal Consiglio dei Guardiani, insieme all’ex capo della banca centrale Abdel Nasser Hemmati, a cui è stato concesso di candidarsi nel 2021 e ha ricevuto l’8% del totale. . voti, ovvero 2,42 milioni di voti.

Gli altri candidati rappresentano fazioni politiche conservatrici e intransigenti, che hanno acquisito crescente importanza dopo il crollo dell’accordo nucleare iraniano del 2015 con le potenze mondiali dopo il ritiro unilaterale degli Stati Uniti nel 2018.

Anche Ghazizadeh è stato approvato nel 2021 e ha ricevuto il 3,45%, meno di 1 milione di voti. Raisi ha vinto le presidenziali con circa 18 milioni di voti contro un’affluenza del 48,8%.

Si prevede che il programma nucleare iraniano e l’economia iraniana che deve affrontare le sfide dell’elevata inflazione e delle sanzioni saranno tra le questioni da discutere durante cinque cicli di dibattiti di quattro ore che la televisione di stato intende ospitare in vista delle elezioni.

READ  Il leader dell'opposizione bielorussa afferma che Lukashenko è "più debole" a causa del suo sostegno alla guerra di Putin

La partecipazione alle elezioni presidenziali e parlamentari è diminuita costantemente dal 2020, con le elezioni parlamentari del marzo 2024 che hanno visto una partecipazione pari al 41%, la percentuale più bassa dalla rivoluzione islamica del 1979.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply