Gli studenti di Harvard escono durante la cerimonia di inizio

La reazione negativa contro la lettera e la lentezza della risposta di Harvard alle richieste che Hamas condannasse gli attacchi come terrorismo hanno portato a scontri nel campus. Gli studenti filo-palestinesi furono tassati, i loro nomi e i loro volti furono sparsi sui camion in giro per il campus; Gli studenti ebrei sono stati bombardati da insulti antisemiti sui social media; E i ricchi donatori hanno recuperato i loro soldi.

A gennaio, Claudine Kay, il primo presidente nero di Harvard, fu costretta a dimettersi dopo le accuse di plagio nel suo lavoro accademico e la sua devastante testimonianza davanti a una commissione del Congresso. comportamento.

Anche una task force antisemita il cui co-presidente, Derek J. A polemizzare sulla scelta di Benzler c’era Derek J., professore di storia ebraica ad Harvard. Penzler lo ha criticato per aver sottovalutato il livello di antisemitismo nel campus.

L’ultima controversia sulla disciplina studentesca è iniziata venerdì dopo che Harvard ha dichiarato che ad alcuni studenti dell’ultimo anno che avevano lasciato la Palestina occupata non sarebbe stato permesso di diplomarsi. L’annuncio ha suscitato scalpore poiché i sostenitori degli studenti hanno affermato di essere stati puniti per aver protestato pacificamente. Sebbene Harvard non abbia fornito dettagli su ciò che gli studenti hanno fatto di sbagliato, i rapporti ufficiali indicano che i manifestanti hanno tagliato le serrature, molestato e minacciato il personale.

Alcuni sostenitori della facoltà si sono poi impegnati in una lotta burocratica sul destino degli studenti.

Lunedì la facoltà di Harvard ha annunciato che 13 studenti erano stati reintegrati nell’elenco ufficiale degli studenti idonei a laurearsi. Mercoledì successivo, la Harvard Corporation, l’organo di governo dell’università, ha licenziato la facoltà e ha nuovamente vietato agli studenti di laurearsi.

READ  Tempesta invernale a Buffalo: le squadre ripuliscono le strade innevate e vanno di porta in porta con il cibo

Quei 13 studenti possono presentare ricorso contro la decisione e chiedere la reintegrazione. Se lo saranno, l’università assegnerà loro i titoli immediatamente e non aspetterà la prossima cerimonia formale di convocazione, ha affermato la società.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply