Gli ungheresi si radunano contro le riforme di Orbán, scettici sul cambiamento

  • Urban aumenta le tasse sulle piccole imprese e abbassa i massimali sui prezzi delle utenze
  • Affrontare la sfida più dura dal 2010 a causa della guerra in Ucraina
  • L’ultima manifestazione anti-governativa attira una bassa affluenza alle urne
  • Alcuni manifestanti si chiedono se Orban cambierà rotta

BUDAPEST (Reuters) – Circa 1.000 ungheresi hanno manifestato sabato contro il governo del primo ministro Viktor Orban, l’ultima di una serie di piccole manifestazioni questa settimana da quando il suo partito di destra Fidesz ha approvato una legge che aumenta drasticamente le tasse sulle piccole imprese.

Il nazionalista Orban affronta la sua sfida più difficile da quando ha preso il potere con una frana nel 2010, con l’inflazione al livello più alto degli ultimi due decenni, il fiorino ai minimi storici e i fondi dell’UE nel limbo nel mezzo di una disputa sulle norme democratiche.

Il blocco di un ponte a Budapest martedì non è riuscito a bloccare l’approvazione di una proposta del governo per aumentare l’aliquota fiscale per centinaia di migliaia di piccole imprese, sfidando le critiche di alcuni gruppi imprenditoriali e partiti di opposizione.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Mercoledì, il governo di Orban ha anche tagliato un tetto ai prezzi delle utenze per le famiglie ad alto utilizzo, annullando una delle politiche del primo ministro 59enne negli ultimi anni sull’aumento dei prezzi dell’elettricità e del gas durante la guerra in Ucraina.

“Ho un conoscente che è riscaldato solo dall’elettricità”, ha detto Miklos Neri, 70 anni. “Finora la bolletta mensile dell’elettricità è stata di 30.000 fiorini (75 dollari), che non è molto, ma d’ora in poi pagherà 153mila”. – Il vecchio pensionato al raduno.

READ  Zelensky afferma che tutti coloro che hanno partecipato all'attacco di Kramatorsk saranno ritenuti responsabili

“È un pensionato, quindi la bolletta della luce mangerà la pensione e saranno lasciati al pascolo nel campo”, ha detto, aggiungendo che è improbabile che una protesta su piccola scala costringerà Orban a cambiare rotta.

La manifestazione di sabato è stata convocata dal sindaco di una piccola città Peter Markie Zee, lo sfidante indipendente di Orban, la cui coalizione di opposizione ha subito una schiacciante sconfitta alle elezioni parlamentari di aprile.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban siede davanti al giuramento del Parlamento a Budapest, Ungheria, il 16 maggio 2022. REUTERS/Bernadette Szabo

Il basso numero di manifestanti suggerisce che, nonostante il malcontento di fondo per le recenti riforme di sostegno fiscale di Orbán in Ungheria, il sentimento anti-governativo ha lottato per prendere slancio anche a Budapest, dove l’opposizione ha avuto la sua performance più forte ad aprile.

Anche Ildiku Hende, 52 anni, che lavora come addetto alle pulizie in una banca, si è lamentato della bassa affluenza alle urne alla manifestazione.

“Lavoro da oltre 30 anni, ma quello che sta succedendo in questo paese in questo momento è l’inferno incarnato”, ha detto.

Nonostante Orban abbia fissato un tetto ai prezzi del carburante e di alcuni generi alimentari di base, l’inflazione è balzata al livello più alto degli ultimi due decenni, all’11,7% su base annua a giugno, spingendo la banca centrale a entrare nel suo ciclo di riduzione dei tassi più ripido dal crollo del regime comunista. regola.

Tuttavia, il fiorino sta evitando minimi storici nei confronti dell’euro, alimentando le pressioni inflazionistiche.

“Voglio solo essere in grado di vivere una vita normale, senza dover pizzicare un soldo alla fine di ogni mese”, ha detto Hind. “I prezzi sono così alti che ti fa impazzire. Questo non è davvero sostenibile”.

READ  Un elefante uccide una donna anziana, poi torna a calpestare il suo corpo a un funerale in India

(1 dollaro = 397.2500 fiorini)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto Girgili Szakas) A cura di Clelia Oziel

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply