I dati declassificati del governo rivelano che un oggetto interstellare è esploso nel cielo nel 2014

Una palla di fuoco esplosa nel cielo della Papua Nuova Guinea nel 2014 era in realtà un oggetto in rapido movimento proveniente da un altro sistema stellare, secondo ultima nota Rilasciato dal Comando spaziale statunitense (USSC).

piccolo oggetto meteora Solo 1,5 piedi (0,45 metri) di lunghezza Sbarcareatmosfera l’8 gennaio 2014, dopo aver viaggiato nello spazio a più di 130.000 miglia orarie (210.000 km/h), una velocità che supera di gran lunga la velocità media delle meteore in orbita attorno al sistema solare, secondo uno studio del 2019 su Published body in prepress Banca dati arXiv.

Uno studio del 2019 ha affermato che la piccola velocità della meteora, combinata con la traiettoria della sua orbita, ha stabilito con il 99% di certezza che l’oggetto ha avuto origine lontano dalla nostra. Sistema solare – forse ‘dal profondo interno di un sistema planetario o da una stella nello spesso disco di via Lattea Galaxy”, hanno scritto gli autori.

Ma nonostante la quasi certezza, l’articolo del team non è mai stato rivisto o pubblicato su una rivista scientifica, poiché alcuni dei dati necessari per verificare i loro resoconti sono stati ritenuti classificati dal governo degli Stati Uniti, Secondo il vice.

Imparentato: Cosa succede nello spazio intergalattico?

Ora, gli scienziati dell’USSC hanno ufficialmente confermato i risultati del team. In una nota datata 1 marzo e pubblicata su Twitter il 6 aprile, il tenente generale John E. Shaw, vice comandante del Consiglio di sicurezza degli Stati Uniti, ha scritto che l’analisi della palla di fuoco del 2019 era “abbastanza accurata da confermare il percorso interstellare”.

READ  La sonda spaziale Voyager 1 sembra essere confusa sulla sua posizione

La nota aggiungeva che questa conferma retrospettiva rende il meteorite del 2014 il primo oggetto interstellare ad essere scoperto nel nostro sistema solare.

La scoperta dell’oggetto precede la scoperta “Oumuamu Il famigerato oggetto a forma di sigaro si sta anche muovendo troppo velocemente per aver avuto origine nel nostro sistema solare, fino a tre anni, secondo una nota dell’USSC. (A differenza della meteora del 2014, Oumuamua è stato rilevato lontano dalla Terra e sta già uscendo dal Sistema Solare, secondo Nasa.)

Amir Siraj, un astrofisico teorico dell’Università di Harvard e autore principale dell’articolo del 2019, ha detto a Vice che intende ancora pubblicare lo studio originale, in modo che la comunità scientifica possa riprendere da dove lui e i suoi colleghi si erano interrotti. Ha aggiunto che a causa dell’accensione della meteora nel Pacifico meridionale, è possibile che i frammenti del corpo siano caduti nell’acqua e da allora si siano depositati sul fondo del mare.

Sebbene trovare questi frammenti di detriti interstellari possa essere un compito quasi impossibile, Siraj ha detto che si sta già consultando con esperti sulla possibilità di una spedizione per recuperarli.

“La possibilità di acquisire il primo pezzo di materiale interstellare è abbastanza eccitante da poterlo verificare a fondo e parlare con tutti gli esperti mondiali di viaggi oceanici per recuperare meteoriti”, ha detto Siraj a Vice.

Maggiori informazioni su Meteor 2014 sul sito web Vice.com.

Contenuto relativo:

15 foto indimenticabili delle stelle

8 modi in cui sappiamo che i buchi neri esistono davvero

Le 15 galassie più strane dell’universo

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Scienza dal vivo. Leggi l’articolo originale qui.

READ  L'equipaggio di astronauti privati ​​Axiom Mission 1 si è sparso in sicurezza vicino alla Florida

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply