Il piano del Regno Unito di trasferire i richiedenti asilo in Ruanda suscita indignazione

Il governo conservatore britannico ha raggiunto un accordo con il Ruanda per inviare alcuni richiedenti asilo a migliaia di chilometri di distanza nel paese dell’Africa orientale, una mossa che i politici dell’opposizione e i gruppi di rifugiati hanno condannato come disumana, impraticabile e uno spreco di denaro pubblico.

Il ministro dell’Interno Priti Patel ha visitato giovedì la capitale ruandese, Kigali, per firmare quella che i due paesi hanno chiamato “Partenariato per lo sviluppo economico”. Il piano prevedeva che alcune persone arrivassero in Gran Bretagna come clandestine su camion o piccole imbarcazioni attraverso la Manica, prelevate dal governo del Regno Unito e percorse 4.000 miglia (6.400 km) in Ruanda, apparentemente per sempre.

I migranti hanno utilizzato a lungo il nord della Francia come trampolino di lancio per raggiungere la Gran Bretagna, nascondendosi in camion o traghetti, o – sempre più da quando la pandemia di coronavirus ha chiuso altre rotte nel 2020 – in barche e altre piccole imbarcazioni organizzate dai trafficanti. Più di 28.000 persone sono entrate nel Regno Unito su piccole imbarcazioni l’anno scorso, rispetto alle 8.500 del 2020. Dozzine sono morte, di cui 27 a novembre, quando una barca si è capovolta.

Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che è necessaria un’azione per fermare “i trafficanti di persone malvagie (che) abusano dei deboli e trasformano il canale in un cimitero acquoso”.

In un discorso vicino alla costa della Manica, Johnson ha affermato che “chiunque entri illegalmente nel Regno Unito … ora può essere trasferito in Ruanda”.

Il governo ruandese ha affermato che l’accordo sarebbe inizialmente durato cinque anni e che la Gran Bretagna aveva pagato 120 milioni di sterline (158 milioni di dollari) in anticipo per pagare le spese di alloggio e integrazione.

READ  I caccia americani F-22 arrivano negli Emirati Arabi Uniti dopo gli attacchi Houthi

Il ministro degli Esteri ruandese Vincent Perrota ha affermato che l’accordo “mira a garantire che le persone siano protette, rispettate e autorizzate a realizzare le proprie aspirazioni e stabilirsi permanentemente in Ruanda se lo desiderano”.

Ha detto che il suo paese ha già più di 130.000 rifugiati provenienti da paesi tra cui Burundi, Congo, Libia e Pakistan.

Johnson ha negato che il piano fosse “privo di empatia”, ma ha riconosciuto che avrebbe inevitabilmente affrontato sfide legali e non sarebbe entrato in vigore immediatamente.

Il Ruanda è il paese più densamente popolato dell’Africa e la competizione per la terra e le risorse ha alimentato decenni di tensioni etniche e politiche culminate nel genocidio del 1994 in cui furono uccisi più di 800.000 tutsi e hutu di etnia che cercavano di proteggerli. I gruppi per i diritti umani hanno ripetutamente criticato l’attuale governo del presidente Paul Kagame per essere repressivo.

Tuttavia, Johnson ha insistito sul fatto che il Ruanda è stato “totalmente trasformato” negli ultimi due decenni.

La Gran Bretagna afferma che le decisioni di reinsediamento non si baseranno sul paese di origine dei migranti, ma sul fatto che abbiano utilizzato “rotte illegali o pericolose” per raggiungere il Regno Unito da un paese sicuro come la Francia. Non tutti questi arrivi saranno ritenuti idonei per essere inviati in Ruanda; Non era chiaro quali fossero i criteri per prendere le decisioni.

Le precedenti politiche per inviare i richiedenti asilo all’estero sono state molto controverse.

Nel 2013, l’Australia ha iniziato a inviare richiedenti asilo che cercavano di raggiungere il Paese in barca in Papua Nuova Guinea e nel minuscolo atollo di Nauru, giurando di non permettere a nessuno di loro di stabilirsi in Australia. Questa politica ha quasi posto fine alla rotta del contrabbando oceanico di persone dal sud-est asiatico, ma è stata ampiamente criticata come un’insensibile abrogazione degli obblighi internazionali dell’Australia.

READ  Ultime notizie della guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Israele ha inviato diverse migliaia di persone in Ruanda e Uganda nell’ambito di un controverso e segreto programma “volontario” tra il 2014 e il 2017. Si ritiene che pochi siano rimasti lì, mentre molti hanno cercato di raggiungere l’Europa.

Steve Valdez-Symonds, direttore degli affari dei rifugiati presso Amnesty International UK, ha affermato che “l’idea incredibilmente sconsiderata del governo britannico sarebbe arrivata al punto di infliggere sofferenza sprecando enormi somme di denaro pubblico”.

L’amministratore delegato del Consiglio per i rifugiati con sede nel Regno Unito, Enver Solomon, ha descritto la questione come “pericolosa, crudele e disumana”.

La figura dell’opposizione ruandese Victoire Ingabere ha detto all’Associated Press che la decisione del suo governo di accogliere i migranti è discutibile, dato che il paese è anche una fonte di rifugiati.

“Il Ruanda si è costantemente classificato (come) uno dei paesi più sicuri al mondo, ma allo stesso tempo è sempre stato un paese triste”, ha detto.

I governi britannico e francese hanno lavorato per anni per fermare i voli attraverso i canali, senza molto successo, spesso scambiando accuse su chi fosse responsabile del fallimento.

Il governo conservatore britannico ha avanzato proposte, non tutte praticabili, inclusa la costruzione di una macchina a onde nel canale per riportare le barche. Johnson ha detto giovedì che la Royal Navy si sarebbe presa la responsabilità di rispondere ai piccoli attraversamenti in barca, ma l’idea di respingere le navi verso la Francia è stata respinta come troppo pericolosa.

Diverse località precedentemente proposte per l’invio di migranti nel Regno Unito, tra cui la remota isola dell’Ascensione, l’Albania e Gibilterra, sono state respinte, a volte con rabbia, dai paesi coinvolti.

READ  I manifestanti di Greenpeace Ucraina legano un kayak a una petroliera russa

Il piano del Ruanda deve affrontare ostacoli sia nel parlamento britannico che nei tribunali. Il governo conservatore di Johnson ha introdotto un nuovo e severo disegno di legge sull’immigrazione che renderebbe più difficile per le persone che entrano nel paese attraverso percorsi non autorizzati richiedere asilo e consentire ai richiedenti asilo di sottoporsi a screening all’estero. Deve ancora essere approvato dal Parlamento, poiché la Camera dei Lord cerca di commutare alcune delle sue disposizioni più dure.

I politici dell’opposizione hanno accusato il governo di cercare di distogliere l’attenzione da uno scandalo sui partiti di governo che hanno violato le regole del blocco pandemico. Johnson sta resistendo alle richieste di dimissioni dopo essere stato multato dalla polizia per politica di partito.

La deputata laburista Lucy Powell ha affermato che il piano per il Ruanda può soddisfare alcuni sostenitori conservatori e fare notizia, ma è “impraticabile, costoso e immorale”.

“Penso che non si tratti tanto di affrontare le piccole barche quanto di affrontare la barca che affonda del Primo Ministro”, ha detto Powell alla BBC.

___

Ignatius Ssuna di Kigali, Ruanda, e Andy Melderm di Johannesburg, in Sud Africa, hanno contribuito a questa storia.

___

Segui la copertura dell’Associated Press sui problemi di immigrazione su https://apnews.com/hub/migration

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply