Il portavoce repubblicano Johnson ha fatto una nuova spinta per gli aiuti all’Ucraina

  • Di Anthony Searcher
  • Corrispondente della BBC per il Nord America

fonte dell'immagine, Belle foto

Mike Johnson, il presidente repubblicano della Camera, ha un piano per far approvare dal Congresso nuovi aiuti militari all’Ucraina e per mantenere il suo potere.

Con i democratici cauti e la destra repubblicana che osserva l’apparente ribellione, Johnson può rapidamente svelare anche i piani migliori.

Il deputato della Louisiana ha detto a Fox News che spingerà la Camera a strutturare il nuovo sostegno all’Ucraina sotto forma di prestiti – il più piccolo concesso dalla maggioranza repubblicana.

Ha raccomandato di dare al governo degli Stati Uniti il ​​potere di sequestrare e vendere i beni russi che sono stati congelati dall’inizio della guerra in Ucraina.

“Se permettiamo agli ucraini di reagire utilizzando i beni sequestrati agli oligarchi russi, questa è solo poesia”, ha detto Johnson.

Si stima che circa 300 miliardi di dollari (239 miliardi di sterline) di asset della banca centrale russa siano stati congelati, sebbene la maggior parte di questi siano controllati da europei, non da americani.

Come ulteriore conforto per i suoi colleghi repubblicani, ha proposto di vincolare gli aiuti all’Ucraina alla legislazione che pone fine al divieto di nuove autorizzazioni di esportazione di gas naturale liquefatto. Il divieto è stato imposto dall’amministrazione Biden a gennaio per volere degli ambientalisti.

Non è la prima volta che i repubblicani tentano di collegare gli aiuti all’Ucraina – a cui si oppongono i crescenti elettori conservatori e un piccolo ma esplicito gruppo di legislatori – con una priorità politica estranea al partito. A febbraio, i repubblicani al Senato hanno negoziato con i democratici per includere finanziamenti per l’Ucraina insieme a riforme conservatrici sull’immigrazione e risorse per la sicurezza delle frontiere.

READ  Il telescopio James Webb della NASA sta per essere lanciato

Tuttavia, dopo che il candidato presidenziale repubblicano Donald Trump ha espresso la sua opposizione, i suoi sostenitori al Congresso – incluso Johnson – hanno annullato l’accordo.

La Casa Bianca afferma di aver ripetutamente avvertito che gli aiuti all’Ucraina, approvati all’inizio di quest’anno, sono finiti e che il Paese sta perdendo la guerra contro la Russia senza il continuo sostegno degli Stati Uniti.

Alla Camera dei Rappresentanti, i legislatori stanno raccogliendo firme a favore di una procedura parlamentare che innescherebbe un voto su una misura approvata dal Senato che autorizza nuovi aiuti a Ucraina e Israele.

L'ultima proposta del relatore potrebbe essere un modo per prevenire un'erosione diretta del suo potere di definire l'agenda legislativa.

Tuttavia, mentre Johnson è alle prese con come aiutare l’Ucraina, si trova su un terreno instabile. Il portavoce, che è subentrato dopo che il suo predecessore è stato estromesso da una ribellione di destra lo scorso anno, deve affrontare disordini simili da parte dell’estrema destra del suo partito.

I suoi negoziati con i democratici per evitare una chiusura del governo due settimane fa hanno spinto la deputata della Georgia Marjorie Taylor Green, una scintilla conservatrice, a presentare una mozione per metterlo sotto accusa. Anche se non si è mosso per forzare una votazione sulla questione, ha avvertito che se alla fine Johnson non verrà sostituito.

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine,

La Casa Bianca ha più volte avvertito che l’Ucraina sta perdendo terreno nella guerra contro la Russia a causa della mancanza di sostegno da parte degli Stati Uniti.

Alla fine di questo mese, il numero dei repubblicani alla Camera scenderà a 217, il che significa che saranno necessari solo due repubblicani per unirsi ai 213 democratici della Camera per lanciare un tentativo di estromettere Johnson.

Domenica sera, Johnson ha cercato di ridefinire le aspettative per la sua festa e di prendersi un po’ di respiro.

“Ora abbiamo la maggioranza più piccola nella storia americana”, ha detto. “Quindi non otterremo la legislazione che tutti noi vogliamo e desideriamo.”

Questa realtà matematica mette chi parla in una situazione delicata. Se riuscisse a far arrabbiare anche solo pochi repubblicani stringendo un accordo per aiutare l’Ucraina, ciò potrebbe scatenare una rivolta. Se non farà abbastanza per placare i democratici, questi potrebbero ancora una volta aiutare i conservatori ribelli a portare a termine il loro complotto.

Con le elezioni nazionali fissate per novembre per decidere la presidenza e il controllo di entrambe le camere del Congresso, Johnson – e i suoi colleghi repubblicani – non possono più apparire divisi e incapaci di governare.

“Non è un lavoro facile in questo momento”, ha detto Johnson.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply