Cosa sappiamo del raid che ha ucciso i lavoratori della World Central Kitchen a Gaza

Secondo l'organizzazione umanitaria e i funzionari sanitari di Gaza, sette operatori umanitari sono stati uccisi alla World Central Kitchen nella Striscia di Gaza quando il loro convoglio è finito sotto il fuoco lunedì notte.

L'organizzazione di soccorso in caso di catastrofe, fondata dallo chef spagnolo José Andres, ha detto che il convoglio è stato colpito in un raid israeliano. In una dichiarazione successiva all’attacco, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha fatto riferimento al “tragico caso in cui le nostre forze hanno colpito involontariamente persone innocenti”. Ha detto che Israele è in contatto con i governi stranieri riguardo all'incidente.

Ecco cosa sappiamo.

I dipendenti della World Central Kitchen stavano lasciando un magazzino a Deir al-Balah, una città situata nel centro della Striscia di Gaza, quando il loro convoglio, composto da due auto blindate e un terzo veicolo, è finito sotto il fuoco lunedì scorso, ha detto l'organizzazione in una nota.

L'organizzazione benefica ha affermato che l'esercito israeliano è stato informato dei movimenti degli operatori umanitari. Gli operatori umanitari avevano appena scaricato nel magazzino più di 100 tonnellate di cibo portato a Gaza via mare.

Video e foto verificati dal New York Times indicano che il convoglio è stato bombardato più volte. Le immagini mostrano tre veicoli bianchi distrutti, con i veicoli più a nord e a sud a circa un miglio e mezzo di distanza.

Il logo World Central Kitchen può essere visto sugli oggetti trovati all'interno degli interni carbonizzati delle auto nell'estremo nord e sud. L'auto al centro era rimasta con un grande buco sul tetto, che portava chiaramente il logo del gruppo. I tre veicoli, sebbene lontani l'uno dall'altro, si trovavano sulla strada costiera di Al-Rashid o nelle sue vicinanze.

READ  Elezioni francesi: gli elettori si recano alle urne nella corsa presidenziale

Martedì mattina non era chiaro quale tipo di munizioni avesse colpito le auto e se quegli esplosivi fossero stati lanciati da terra, da un aereo da guerra o da un drone.

World Central Kitchen ha affermato che uno dei morti aveva la doppia cittadinanza di Stati Uniti e Canada, mentre gli altri provenivano da Australia, Gran Bretagna, Gaza e Polonia. I loro nomi non sono stati menzionati.

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha identificato una delle vittime come Zomi Frankcom, cittadino australiano e dirigente della World Central Kitchen. “I tanti tributi a Zomi Zomi Frankcom raccontano la storia di una vita dedicata al servizio degli altri, compresi i suoi connazionali durante i disastri naturali”, ha detto il ministro degli Esteri Penny Wong. Mezzi sociali.

Damian Sobol, un operatore umanitario della città di Przemysl, nel sud-est della Polonia, è stato ucciso nell'attacco, secondo il sindaco della città, Wojciech Bacon. “Non ci sono parole per descrivere come si sentono in questo momento le persone che conoscevano quest'uomo meraviglioso”, ha detto in un post sui social media.

David Cameron, ministro degli Esteri britannico, Ha detto sulla piattaforma di social media X Tre degli operatori umanitari uccisi erano cittadini britannici ma i loro nomi non sono stati menzionati. Ha aggiunto di aver parlato con la sua controparte israeliana per sollevare preoccupazioni.

Secondo la Mezzaluna Rossa Palestinese, i paramedici palestinesi hanno recuperato i corpi delle sette vittime e li hanno trasportati in un ospedale a Deir al-Balah. Il gruppo ha affermato che era previsto il trasferimento dei corpi degli stranieri da Gaza all'Egitto.

Anche Saif Abu Taha, un 26enne di Gaza che lavorava come autista e traduttore per la World Central Kitchen, è stato ucciso nell'attacco. Suo fratello Shadi ha detto che il signor Abu Taha era un giovane avventuroso che lavorava nell'azienda di suo padre e parlava bene l'inglese.

READ  I manifestanti accusati di combustibili fossili dopo aver scaricato zuppa di pomodoro sui girasoli di Van Gogh alla fiera di Londra

Il signor Abu Taha e gli altri lavoratori della World Central Kitchen erano entusiasti di avere l'opportunità di scaricare gli aiuti alimentari tanto necessari. “Erano così emozionati, come se stessero andando a un matrimonio”, ha detto suo fratello. Questa fu l'ultima volta che lo vide.

“È essenziale che gli operatori umanitari siano protetti e possano svolgere il proprio lavoro”, ha affermato sui social media David Cameron, ministro degli Esteri britannico. Ha invitato Israele a “indagare immediatamente e fornire una spiegazione completa e trasparente di quanto accaduto”.

Secondo Jamie McGoldrick, un alto funzionario umanitario delle Nazioni Unite, almeno 196 operatori umanitari sono stati uccisi a Gaza e in Cisgiordania tra l’ottobre 2023 e la fine di marzo. “Questo non è un incidente isolato”, ha detto, aggiungendo poi: “Non c’è più un posto sicuro a Gaza”.

Martedì, in una dichiarazione video, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha fatto riferimento al “tragico caso delle nostre forze che hanno involontariamente danneggiato persone innocenti nella Striscia di Gaza”. Il signor Netanyahu non ha menzionato specificamente il nome della World Central Kitchen nelle sue dichiarazioni.

Ma un funzionario israeliano a conoscenza della vicenda, che ha parlato a condizione di anonimato perché il raid era ancora sotto inchiesta, ha chiarito che il primo ministro si riferiva al raid.

Netanyahu ha detto: “Questo accade in guerra, e stiamo studiando a fondo la questione, e siamo in contatto con i governi, e faremo di tutto affinché questa cosa non accada di nuovo”.

Un ufficiale militare israeliano, che ha parlato in condizione di anonimato per discutere di un'indagine interna, ha detto che l'esercito ha concluso che lui era responsabile dell'attacco al convoglio. Il funzionario ha detto che il generale Herzi Halevy, capo di stato maggiore dell'IDF, dovrebbe esaminare i risultati delle indagini preliminari sull'incidente martedì sera.

READ  Emergono dettagli sulle vittime di omicidi di massa in Canada

Il portavoce dell'IDF, l'ammiraglio Daniel Hagari, ha affermato che l'indagine è stata deferita al meccanismo di accertamento e valutazione dei fatti, un organismo militare incaricato di indagare sulle accuse e indagare sulle circostanze relative agli eventi sul campo di battaglia. Ha aggiunto: “Apriremo un'indagine per esaminare ulteriormente questo grave incidente”. “Questo ci aiuterà a ridurre il rischio che un simile evento si ripeta”.

L’esercito israeliano ha affermato che il meccanismo è un “organismo indipendente, professionale ed esperto”. I gruppi per i diritti umani hanno generalmente criticato la capacità dell'esercito israeliano di condurre indagini trasparenti su se stesso, considerando che le indagini sono spesso lunghe e raramente portano ad accuse.

Al momento dello sciopero, i lavoratori avevano scaricato 100 tonnellate di aiuti dalla Jennifer, una nave della World Central Kitchen che ha lasciato il porto cipriota di Larnaca lo scorso fine settimana ed è arrivata a Gaza lunedì. Martedì è previsto lo sbarco di altre 240 tonnellate, secondo Theodoros Gotsis, portavoce del ministero degli Esteri cipriota.

Jennifer ha invece lasciato Gaza per tornare a Larnaca martedì, ha detto Gotsis. Ha aggiunto che molte altre tonnellate di aiuti sono in attesa nei magazzini di Larnaca, ma non è chiaro quando e se saranno consegnati.

Patrick Kingsley, Rawan Sheikh Ahmed, Gabe Sobelmann, Matina Stevis-Grednev, Lauren Letherby E Nadir Ibrahim Ha contribuito segnalando a questo articolo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply