Vladimir Kara-Murza è stato arrestato a Mosca dopo un’intervista alla CNN in cui criticava Putin

Lunedì le autorità russe hanno arrestato Vladimir Kara-Murza, un eminente critico del Cremlino che ha scritto colonne per il Washington Post per protestare contro la guerra russa in Ucraina e le violazioni dei diritti umani.

Kara Morza è stato arrestato fuori dalla sua casa a Mosca, lo stesso giorno in cui ha riferito la CNN Colloquio In esso, ha descritto il governo di Vladimir Putin come un “regime omicida” e ha predetto che l’invasione russa dell’Ucraina avrebbe portato alla caduta del presidente russo.

Il critico di Putin, 40 anni, è sopravvissuto a due avvelenamenti nel 2015 e nel 2017, che secondo lui il Cremlino ha orchestrato in risposta alla sua richiesta di sanzioni occidentali contro il governo russo.

La Russia ha negato di essere stata la fonte degli avvelenamenti che hanno lasciato Kara-Murza in coma in entrambe le occasioni. Ma le indagini di organizzazioni indipendenti hanno scoperto che era seguito da membri della stessa agenzia federale che avrebbe avvelenato il critico del Cremlino incarcerato Alexei Navalny e almeno altre tre figure dell’opposizione.

Sua moglie, Yevgenia Kara-Morza, ha chiesto il suo rilascio immediato in un tweet alla fine di lunedì. Ha scritto: “Le autorità russe hanno tentato due volte di uccidere mio marito per aver chiesto punizioni per ladri e assassini, e ora vogliono gettarlo in prigione perché ha definito la loro sanguinosa guerra una guerra”.

Kara Morza è una collega di lunga data del defunto leader dell’opposizione russa Boris Nemtsov, assassinato fuori dal Cremlino nel 2015. Kara Morza è una scrittrice, regista di documentari ed ex candidata al parlamento russo, ed è stata vice leader di un’organizzazione politica , il Partito della Libertà Popolare.

READ  Cimitero delle Nazioni Unite a Busan dove i veterani coreani chiedono di essere sepolti

Ha svolto un ruolo chiave nel persuadere gli Stati Uniti, l’Unione Europea, il Canada e la Gran Bretagna ad adottare nel 2012 leggi penali, note come Magnitsky Act, che prendono di mira le persone in Russia e altrove che sono complici di violazioni dei diritti umani.

Kara Morza ce l’ha Ha scritto dozzine di colonne criticando il governo russo Per la sezione Global Opinions del Post negli ultimi anni, inclusa una recentemente critica al Cremlino soppressione dei media indipendenti e opposizione. Il mese scorso il parlamento russo ha promulgato una legge che impone pene detentive fino a 15 anni per aver diffuso quelle che considera “false” notizie sui militari, inclusa la definizione di “invasione” dell’invasione dell’Ucraina.

“Uno per uno, i media che hanno osato denunciare onestamente l’attacco di Putin all’Ucraina sono stati bloccati e i loro siti Web sono stati bloccati”, ha scritto Kara Morza il 7 marzo.

L’editore del Post, Fred Ryan, ha rilasciato martedì una dichiarazione elogiando il coraggio di Cara Morza. “Dopo gli avvelenamenti e altre gravi minacce, questo vergognoso arresto è l’ultimo passo negli sforzi in corso di Vladimir Putin per mettere a tacere Kara Morza e nascondere la verità sulle atrocità che Putin sta commettendo in nome del popolo russo”, ha detto Ryan. “Nessuno dovrebbe essere ingannato dalle accuse inventate e dalla diffamazione del governo russo, e Kara-Murza deve essere rilasciato immediatamente”.

Kara-Murza è stato uno dei pochi dissidenti rimasti in Russia dopo la guerra e la repressione dei media. “Il regalo più grande… che possiamo fare al Cremlino sarà a quelli di noi che si oppongono al regime di Putin, e possiamo arrenderci e scappare”, ha detto lunedì in un’intervista a CNN Plus, il nuovo servizio di trasmissione della rete. “Questo è tutto ciò che vogliono da noi.”

READ  La morte della regina Elisabetta e le sue reazioni

L’organizzazione russa per i diritti umani OVD-Info ha affermato che Kara-Murza è stata arrestata lo stesso giorno e tenuta in una “prigione amministrativa” per 15 giorni.

Secondo quanto riferito, è stato accusato di “comportarsi in modo inappropriato davanti agli agenti di polizia, di aver cambiato la direzione dei suoi movimenti, di aver accelerato il passo e di aver cercato di nascondersi quando gli è stato chiesto di fermarsi”. OVD-Info ha citato la squadra di difesa di Kara Morza, che ha detto che stava solo scendendo da un’auto vicino a casa sua.

Kara Morza è la terza scrittrice associata a The Post ad affrontare l’arresto e la persecuzione per mano di un governo straniero negli ultimi anni.

Jamal Khashoggi, uno scrittore e dissidente saudita, ha contribuito alle opinioni mondiali quando è stato assassinato nell’ottobre 2018 da agenti sauditi nel consolato di quel paese a Istanbul. La CIA ha concluso che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha ordinato l’assassinio di Khashoggi, conclusione successivamente confermata dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani dopo un’indagine di sei mesi.

Jason Rezaiancorrispondente del Washington Post a Teheran dal 2012 al 2016, ha trascorso 544 giorni in prigione in Iran senza processo prima di essere rilasciato all’inizio del 2016. Rezaian è ora uno scrittore per Global Opinions.

La CNN, che ha mandato in onda l’intervista a Kara Morza, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Questo articolo è stato aggiornato con nuove informazioni e commenti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply