Il presidente ucraino Zelensky ospita colloqui con il segretario generale delle Nazioni Unite, leader della Turchia

Lviv, Ucraina (AP) – In qualità di potenziale intermediario energetico, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan utilizzerà la sua prima visita in Ucraina dallo scoppio della guerra quasi sei mesi fa per cercare modi per espandere le esportazioni di grano e fornire un granaio europeo ai bisognosi del mondo . Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres utilizzerà la sua visita per concentrarsi sul contenimento della situazione instabile in una centrale nucleare occupata dalla Russia.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ospita i due uomini giovedì al largo della linea del fronte, nella città ucraina occidentale di Lviv, dove sono in corso sforzi diplomatici per aiutare a porre fine alla guerra. Sarà anche all’ordine del giorno.

Nel frattempo, le grida dei proiettili in arrivo oscuravano ancora i sussurri della diplomazia.

Almeno 11 persone sono state uccise e altre 40 ferite in intensi attacchi missilistici russi sulla regione ucraina di Kharkiv mercoledì notte e giovedì mattina. L’attacco di mercoledì alla fine di Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, ha ucciso almeno sette persone, ferito altre 20 e danneggiato edifici residenziali e infrastrutture civili, hanno affermato le autorità.

Giovedì, il ministero della Difesa russo ha affermato di aver preso di mira una “base temporanea per mercenari stranieri” a Kharkiv, uccidendone 90.

In aggiunta alle tensioni internazionali, la Russia ha schierato aerei da guerra che trasportano i suoi missili ipersonici avanzati nella regione di Kaliningrad, un’enclave circondata da due paesi della NATO.

Il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha detto che i tre leader discuteranno anche della situazione nella centrale nucleare di Zaporizhia controllata dalla Russia nell’Ucraina meridionale, la più grande d’Europa. Mosca e Kiev si sono accusate a vicenda di aver bombardato il complesso.

READ  La Polonia ha stimato le sue perdite nella seconda guerra mondiale a 1,3 trilioni di dollari e chiede riparazioni tedesche

Nel suo discorso video notturno, Zelensky ha ribadito la sua richiesta che l’esercito russo lasci l’impianto, sottolineando che “solo l’assoluta trasparenza e controllo della situazione” da parte, tra l’altro, dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite, può garantire un ritorno al nucleare sicurezza.

La Russia ha esagerato le minacce poste dalla fabbrica in tempo di guerra. Il tenente generale Igor Kirillov, comandante delle forze di protezione radiologica, chimica e biologica dell’esercito russo, ha accusato le forze ucraine di aver pianificato di colpire nuovamente la fabbrica venerdì, mentre Guterres continua a visitare l’Ucraina per accusare la Russia di terrorismo nucleare. L’Ucraina ha fortemente negato di prendere di mira l’impianto.

miniatura del video di YouTube

Kirillov ha affermato che l’emergenza all’impianto potrebbe portare a “scariche di materiale radioattivo nell’atmosfera e la sua diffusione per centinaia di chilometri … Un’emergenza di questo tipo porterebbe a un esodo di massa e avrebbe conseguenze più catastrofiche dell’incombente gas- crisi energetica in Europa.” .”

Con tali rischi, il ruolo di un mediatore come Erdogan potrebbe diventare più importante che mai.

Erdogan, il cui paese è membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, che sostiene l’Ucraina nella guerra, controlla anche un’economia fluttuante che dipende sempre più dalla Russia per il commercio. Questo scenario trasforma gli incontri di giovedì a Leopoli in una passeggiata diplomatica sul filo del rasoio. All’inizio di questo mese, il leader turco si è incontrato nella Russia meridionale sugli stessi temi con il presidente russo Vladimir Putin.

Erdogan terrà un incontro con Zelensky per un’ora prima che Guterres si unisca a loro.

Il mese scorso, la Turchia e le Nazioni Unite hanno aiutato a mediare un accordo che apre la strada all’esportazione da parte dell’Ucraina di 22 milioni di tonnellate di mais e altri cereali bloccati nei suoi porti del Mar Nero dall’invasione russa del 24 febbraio. Un memorandum separato tra la Russia e le Nazioni Unite mira a chiarire ostacoli alle spedizioni russe di cibo e fertilizzanti verso i mercati globali.

READ  Le forze ucraine hanno respinto "diversi" tentativi russi di avanzare nel Donbass, afferma l'intelligence britannica della difesa

I divieti di guerra e di esportazione hanno notevolmente esacerbato la crisi alimentare globale perché l’Ucraina e la Russia sono i principali fornitori.

I prezzi del grano hanno raggiunto il picco dopo l’invasione russa. Da allora è diminuito, ma è ancora molto più alto di quanto non fosse prima della pandemia di COVID-19. I paesi in via di sviluppo sono stati particolarmente colpiti dalla carenza di forniture e dall’aumento dei prezzi e le Nazioni Unite hanno dichiarato molte nazioni africane a rischio di fame.

Ma anche con l’accordo, finora poche esportazioni di grano ucraine sono riuscite. Il ministero della Difesa turco ha affermato che dall’accordo sono state spedite oltre 622.000 tonnellate di grano dai porti ucraini.

Se giovedì i trasferimenti di grano e la sicurezza nucleare sono le questioni su cui si possono compiere alcuni progressi, non ci si aspettava che i discorsi sulla fine completa di una guerra che ha ucciso migliaia di persone e costretto più di 10 milioni di ucraini a fuggire dalle loro case non avrebbero prodotto nulla di sostanziale . .

A marzo, la Turchia ha ospitato una tornata di colloqui a Istanbul tra negoziatori russi e ucraini, che hanno discusso di un possibile accordo per porre fine alle ostilità. I colloqui sono falliti, con entrambe le parti che incolpavano l’altra.

Erdogan ha intrapreso un delicato atto di equilibrio, mantenendo buoni rapporti sia con la Russia che con l’Ucraina. La Turchia ha fornito all’Ucraina droni che hanno svolto un ruolo importante nel scoraggiare l’avanzata russa all’inizio del conflitto, ma si è astenuta dall’unirsi alle sanzioni occidentali contro la Russia a causa della guerra.

La Turchia, che sta affrontando una grave crisi economica con un’inflazione ufficiale vicina all’80%, è sempre più dipendente dalla Russia per il commercio e il turismo. Il gas russo copre il 45% del fabbisogno energetico della Turchia e l’Agenzia atomica russa sta costruendo la prima centrale nucleare della Turchia.

READ  Il comandante ucraino ordina uno sforzo di evacuazione internazionale presso lo stabilimento di Mariupol poiché la situazione è "critica"

Sinan Ulgen dell’EDAM con sede a Istanbul ritiene che la politica diplomatica della Turchia sia “filo-ucraina senza essere anti-russa”.

Durante il loro incontro a Sochi questo mese, Putin ed Erdogan hanno concordato di rafforzare i legami energetici, finanziari e di altro tipo tra i loro paesi, sollevando timori in Occidente che Ankara possa aiutare Mosca a bypassare le sanzioni degli Stati Uniti e dell’Unione Europea.

“La Turchia pensava di non avere il lusso di isolare completamente la Russia”, ha detto Ulgen, sottolineando che anche la Turchia ha bisogno del sostegno della Russia in Siria per evitare una nuova crisi dei rifugiati. La Turchia dipende dalla Russia per la sicurezza nazionale.

Ha osservato che la Turchia non ha riconosciuto l’annessione della Crimea all’Ucraina da parte della Russia nel 2014, ma “allo stesso tempo è l’unico paese della NATO che non ha implementato sanzioni contro la Russia”.

___

Susan Fraser ha riferito da Ankara, in Turchia. Robert Badendyk ha contribuito da Istanbul.

___

Segui la copertura dell’AP sulla guerra su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply