Jaylen Brown, All-NBA? Probabilmente no, ma i Celtics sono fortunati ad essere migliori che mai

BOSTON — Gli ulteriori riconoscimenti per completare il suo gioco in questa stagione non sono arrivati. Non ancora. Forse non lo faranno mai.

Jaylen Brown è ancora migliore che mai. Lo ha annunciato all’inizio di questa stagione. Lo ha dimostrato da allora.

A riprova, a cominciare dalla fiducia che i Celtics hanno riposto in lui giovedì sera. Non limitarti a guardare i canestri di Brown, però, dato che ne ha segnati molti mentre guidava la sua squadra con 40 punti. Scava più a fondo. Scopri quanto è stato dominante nella vittoria di Boston in Gara 2 per 126-110 sugli Indiana Pacers, portandosi in vantaggio per 2-0 nella serie delle finali della Eastern Conference. Nota quanto è intelligente nell’attaccare le guardie e le ali più piccole dei Pacers. Notate come una volta che Brown ha iniziato a rotolare, Boston gli ha fatto passare una palla dopo l’altra.

“È quasi impossibile proteggerlo quando è così”, ha detto il compagno di squadra Derrick White. Era irreale. Ha segnato 40 punti, ma ha continuato a fare le letture giuste e le giocate giuste. Ha solo avuto l’equilibrio e la pazienza per entrare nelle sue posizioni.

Il giorno dopo aver appreso che non avrebbe fatto parte di nessuna squadra NBA, Brown ha segnato 24 punti nel primo tempo. Ha terminato la partita con un più-18. Ha demolito senza pietà la difesa propria e degli altri dei Pacers, mostrando gli ulteriori livelli di consapevolezza che ha aggiunto al suo gioco. I Celtics erano sotto di due punti all’inizio del secondo quarto, ma i Browns hanno dominato la partita e hanno aperto il periodo con un parziale di 17-0.

Successivamente, negli spogliatoi, molti compagni di squadra di Brown hanno sollevato da soli il suo affronto all-NBA. White ha detto che gli elettori potrebbero aver trascorso troppo tempo concentrandosi sui numeri ignorando l’impatto che Brown ha avuto sulla migliore squadra del campionato.

READ  Il dibattito sui Patriots: risposta alle precedenti critiche di McJones ai Pats

“Non so cosa si siano persi, ma Jaylen Brown è uno dei primi 15 giocatori in questo gioco”, ha detto White. “Durante tutta la stagione, da entrambe le parti, ha fatto tanto per aiutarci a vincere le partite, e questo è il senso della partita. È un peccato”.

Il dibattito sulla NBA può continuare. Con i Celtics a sei vittorie lontane dal campionato, questo non dovrebbe essere l’obiettivo più importante per nessuno in squadra. Questo certamente non sembra essere l’obiettivo di Brown.

“Siamo a due partite dalle finali NBA”, ha detto Brown. “Onestamente, non ho abbastanza tempo per esprimere…”

Vai più in profondità

Buckley: Celtics, Jaylen Brown punta su “la cosa più importante”: vincere

Tuttavia, Brown sembrava frustrato dal fatto che gli altri giocatori ricevessero più adulazione. Se è arrabbiato, è normale. È arrivato nella seconda squadra All-NBA la scorsa stagione, poi se n’è andato anche dopo essere migliorato notevolmente nelle aree che contavano di più. Si è bloccato in difesa. Ha sviluppato il suo QI nel basket. Si è impegnato a fare tutto il necessario per vincere le partite anche con la sua media di punteggio in basso. Ma lei ha fatto marcia indietro. Forse questa volta gli è costato il voto all-NBA?

“Vedo i giocatori essere elogiati e consacrati, e ho la sensazione che abbiano la metà del talento che ho io su entrambi i lati della palla”, ha detto Brown. “Ma a questo punto della mia vita, lo sto semplicemente accettando. Si tratta di essere quello che sono e quello che rappresento, e non lo cambierò davvero. Sono semplicemente grato di scendere in campo ogni sera , faccio del mio meglio e miglioro ogni anno, che le persone lo apprezzino o no, questo è tutto.

READ  Settimana tre della classifica di potenza della NFL: dove stanno i Bears dopo la perdita contro Packers

Questa corsa ai playoff dovrebbe far guadagnare a Brown più credito. Nelle prime 12 partite della postseason dei Celtics, ha segnato una media di 24,8 punti e 6,5 rimbalzi a partita, tirando con il 54,4% dal campo. Durante il secondo turno, Egli ha detto Pensava che nessuno dei Cavaliers potesse proteggerlo. Durante le prime due partite delle finali della Eastern Conference, ha giocato come nessun giocatore dei Pacers avrebbe potuto fare.

Brown sembra più in gabbia che mai. Anche dopo aver salvato i Celtics nella partita di apertura delle finali della Eastern Conference, sembrava cupo. Brown non sembrava entusiasta della sua tripla, la serie più memorabile della corsa ai playoff di Boston fino ad ora, poiché sembrava frustrato dal motivo per cui aveva bisogno di fare un tiro così grande. Pensava che i Celtics avrebbero dovuto giocare meglio. Pensava che la loro difesa non fosse al livello abituale. La sua squadra ha comunque vinto, ma non è stato abbastanza buono per Brown. Gli dava fastidio il fatto che i Celtics si rendessero vulnerabili.

approfondire

Vai più in profondità

Buckley: Celtics, Jaylen Brown fa una dichiarazione sorprendente con la fuga in Gara 1

Ancora una volta nel pieno dei playoff, Brown questa volta non vuole lasciare dubbi. Vista l’urgenza espressa fin dall’inizio della stagione, è stanco di non essere all’altezza. È determinato a dimostrare che i Celtics sono pronti adesso. Se è così, dovrebbe sapere che sarebbe in gran parte dovuto a questo Lui pronto ora. È un giocatore più completo anche se il voto All-NBA non lo riflette.

“La cosa principale di JB è che migliora molto ogni anno”, ha detto White. “Legge meglio il gioco. Penso che forse prima di diventare un velocista non lo leggesse davvero, ma ora non puoi davvero accelerarlo. E sta facendo le letture giuste ancora e ancora. È un grande momento per noi è sicuramente un disprezzo per tutta la NBA.”

READ  Bill Russell, 11 volte campione NBA e leggenda dei Boston Celtics, è morto all'età di 88 anni

L’ex Celtic Marcus Smart scherzava su Brown che andava a canestro come un pollo senza testa. Ora Brown sta giocando alle sue condizioni.

“Ha un’innata capacità di migliorare, lavorare duro, essere motivato e ha una fiducia incredibile, ma non ha nemmeno paura di lavorare su cose in cui sa di dover migliorare”, ha detto l’allenatore Joe Mazzola. “Quindi lo vedi ogni giorno al tiro o all’allenamento, è lì con sei o sette allenatori che lavorano su ogni possesso palla, su ogni distanza immaginabile in modo che possa vedere le sue letture. Presta solo attenzione alle cose giuste”.

I Celtics si sono impegnati a mettere da parte le agende individuali per tutta la stagione. Tuttavia, se ci fosse un modo giusto per rispondere al rifiuto di tutti i giocatori NBA, Mazzola ritiene che Brown lo troverebbe.

“Jaylen è semplicemente una delle mie persone preferite”, ha detto Mazzola. “Come affronta la cosa? Penso che gli importi in un modo che lo motiva, e penso che non gli importi affatto perché capisce che vincere è la cosa più importante.

(Foto: Maddy Meyer/Getty Images)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply