La Corea del Sud risponde ai palloncini della spazzatura provenienti dal Nord

La Corea del Sud ha ripreso a trasmettere messaggi anti-Corea del Nord attraverso gli altoparlanti per la prima volta dopo anni, ha detto Seoul, dopo che Pyongyang ha lanciato centinaia di palloncini che trasportavano spazzatura sul suo vicino meridionale durante il fine settimana.

I capi di stato maggiore congiunti di Seul hanno dichiarato domenica mattina, ora locale, che la Corea del Nord ha lanciato più di 300 palloncini pieni di spazzatura nella Corea del Sud da sabato. I media locali hanno riferito che più di 80 palloncini sono atterrati in territorio sudcoreano e l’ultimo giro di palloncini sembrava contenere carta e plastica.

Il Consiglio di sicurezza nazionale della Corea del Sud ha dichiarato: “Le misure che prenderemo potrebbero essere intollerabili per il regime nordcoreano, ma invieranno un messaggio di speranza e luce alle forze nordcoreane e al suo popolo”.

Dalla fine di maggio la Corea del Nord ha inviato ondate di palloncini che trasportavano rifiuti e spazzatura verso sud. Il 2 giugno, il viceministro della Difesa nazionale di Pyongyang, Kim Kang-il, ha affermato che la Corea del Nord aveva inviato 15 tonnellate di rifiuti oltre confine dal 28 maggio in risposta ai volantini anti-nordcoreani inviati nel suo territorio, ma avrebbe fatto così. “temporaneamente.” Metti in pausa la campagna.

Un altoparlante in una base militare vicino al confine tra Corea del Sud e Corea del Nord l’8 gennaio 2016. Seoul riprende a trasmettere messaggi anti-Corea del Nord tramite altoparlante per la prima volta dopo anni.

Korea Pol-Dunga Daily tramite Getty Images

La Corea del Nord ha avvertito che riprenderà la sua campagna di palloncini se più volantini fossero passati dalla Corea del Sud al suo territorio.

READ  Il futuro di Ramaphosa è bilanciato dallo scandalo delle "fattorie" in Sudafrica

Il gruppo di attivisti Fighters for a Free North Korea ha dichiarato giovedì di aver inviato oltre confine 200.000 volantini anti-Pyongyang e chiavette USB contenenti musica popolare in una serie di palloncini.

Funzionari di Seoul hanno affermato che diversi palloncini lanciati durante il fine settimana non sono atterrati sul suolo sudcoreano. I residenti del paese sono stati avvertiti di stare lontani dai palloncini e di segnalarli alle autorità locali.

Le discussioni sull’uso dei palloncini vanno avanti da anni e Pyongyang ha minacciato di attaccare e distruggere gli altoparlanti posizionati lungo il confine. La Corea del Nord ha descritto la trasmissione come “guerra psicologica”.

Seul ha interrotto le trasmissioni in diretta attraverso il confine pesantemente armato nel 2018 durante un disgelo delle tensioni nella penisola.

Le relazioni già tese tra i due paesi vicini si sono deteriorate negli ultimi mesi mentre la Corea del Nord si avvicina alla Russia mentre porta avanti i test missilistici e i programmi di sviluppo di armi nucleari. La Corea del Sud è un fedele alleato degli Stati Uniti, una posizione che fa arrabbiare molto la Corea del Nord.

L’ufficio presidenziale sudcoreano, citato dall’agenzia di stampa Yonhap a Seul, ha affermato: “Chiariamo chiaramente che la responsabilità di qualsiasi escalation di tensione tra le due Coree ricadrà interamente sulla Corea del Nord”.

Secondo quanto riferito, le trasmissioni della Corea del Sud hanno raggiunto fino a 15 miglia nel suo vicino settentrionale.