La Grecia sequestra la petroliera russa nell’ambito delle sanzioni dell’UE contro Mosca

ATENE (Reuters) – La Grecia ha sequestrato una petroliera russa al largo dell’isola di Evia nell’ambito delle sanzioni dell’Unione europea imposte a Mosca per l’invasione dell’Ucraina, ha affermato martedì la guardia costiera greca.

All’inizio di questo mese, l’Unione Europea ha bandito le navi battenti bandiera russa dai porti del blocco delle 27 nazioni, con alcune eccezioni, poiché ha adottato nuove radicali sanzioni contro la Russia per quella che il Cremlino ha descritto come una “operazione militare speciale”.

Un carico utile di 115.500 tonnellate della Pegas battente bandiera russa con 19 membri dell’equipaggio russi a bordo, è stato sequestrato vicino a Karistos, sulla costa meridionale di Evia, al largo della terraferma greca vicino ad Atene.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’ambasciata russa ad Atene, la capitale greca, ha dichiarato su Twitter che stava indagando sul caso ed era in contatto con le autorità greche sulla questione.

“E’ stato sequestrato nell’ambito delle sanzioni dell’UE”, ha detto un funzionario del ministero della navigazione greco.

Un funzionario della guardia costiera ha detto che il carico di petrolio sulla nave non era stato confiscato. Non era chiaro chi avesse noleggiato il carico, ma la nave era operata dalla Transmore Float con sede in Russia.

Transmorflot non è stato immediatamente disponibile per un commento.

La Pegas, ribattezzata Lana a marzo, aveva precedentemente segnalato un problema al motore. L’agenzia di stampa di Atene ha riferito che l’aereo si stava dirigendo verso la penisola del Peloponneso meridionale per scaricare il suo carico su un’altra petroliera, ma è stato costretto da onde violente ad attraccare al largo di Karistos dove è stato catturato.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina

Testimoni della Reuters hanno detto che la nave era ancora ormeggiata nella baia di Karistos martedì pomeriggio.

Lo United States Defense Group Against Nuclear Iran (UANI), che monitora il movimento delle petroliere legate all’Iran monitorando navi e satelliti, ha affermato che Pegas ha trasportato circa 700.000 barili di petrolio greggio dall’isola iraniana di Sri il 19 agosto 2021.

L’UANI ha affermato che la sua analisi ha mostrato che ha quindi tentato di scaricare il carico in un porto turco prima di dirigersi verso la Grecia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto) Presentato da Rene Maltezo, Jonathan Saul e Dmitriy Zhdanikov; Montaggio di Mark Heinrich e Alexander Smith

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply