L’alto funzionario dell’UE si è impegnato a condurre uno “stress test” degli oleodotti dopo le perdite

Bruxelles – Il capo del braccio esecutivo dell’Unione europea si è impegnato mercoledì a effettuare controlli sulle principali infrastrutture dell’UE, compresa l’energia, dopo il sospetto sabotaggio dei gasdotti nel Mar Baltico.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che i danni della scorsa settimana ai gasdotti Nord Stream che collegano Russia e Germania “hanno mostrato quanto sia vulnerabile la nostra infrastruttura energetica” e che era necessario un piano completo per garantire l’integrità delle principali reti dell’UE, compresi i dati.

“Dobbiamo sottolineare la nostra infrastruttura”, ha detto von der Leyen al Parlamento europeo a Strasburgo, in Francia. “Dobbiamo determinare se abbiamo punti deboli e dove sono quei punti deboli”. Ha anche affermato che il monitoraggio satellitare sarà utilizzato per rilevare potenziali minacce.

Nel mezzo della guerra russa contro sette mesi Ucraina Supporto militare occidentale al governo ucraino, i danni del Nord Stream sono stati causati da esplosioni sottomarine causate da diverse centinaia di libbre di esplosivo in quattro località al largo della Svezia meridionale e della Danimarca. Le esplosioni hanno causato una grave perdita di gas metano nel Mar Baltico.

Poiché i paesi dell’UE sono responsabili della supervisione dell’energia e di altre infrastrutture essenziali nel blocco, von der Leyen ha affermato che la sua spinta per la sicurezza includerebbe le capitali nazionali.

“Lavoreremo con gli Stati membri per garantire che nel settore energetico vengano condotti test di stress efficaci”, ha affermato. Poi dovrebbero seguire altri settori ad alto rischio, come le infrastrutture digitali e l’elettricità offshore.

Sempre a Strasburgo, il capo della politica estera dell’Unione europea Josep Borrell ha previsto mercoledì che i 27 governi nazionali avrebbero accettato di imporre nuove sanzioni alla Russia in risposta alla sua annessione illegale di quattro regioni dell’Ucraina che costituiscono circa il 15% del territorio ucraino.

READ  Il tribunale del Myanmar estende a 26 anni la pena detentiva di Aung San Suu Kyi

Le nuove sanzioni previste includono un tetto massimo ai prezzi del petrolio russo, restrizioni alle esportazioni dell’UE di componenti per aeromobili nel paese e restrizioni alle importazioni di acciaio russo. I diplomatici degli Stati membri dell’Unione europea miravano all’approvazione del nuovo pacchetto non appena mercoledì a Bruxelles.

Le nuove sanzioni si basano sulle sanzioni europee già senza precedenti contro la Russia a seguito della sua guerra contro l’Ucraina da febbraio.

Le misure dell’UE finora includono restrizioni alle forniture di energia dalla Russia, il divieto di transazioni finanziarie con entità russe, inclusa la banca centrale, e un congelamento dei beni nei confronti di oltre 1.000 persone e più di 100 entità.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply