L’apertura del primo osservatorio pubblico di New York è in pericolo a causa di regolamenti dell’ultimo minuto

La burocrazia ha fatto fallire i piani per il primo osservatorio pubblico gratuito della città in un parco del Bronx, e gli organizzatori ora temono di dover fermare il progetto.

L’apertura del Grand Dome a Jerome Park, vicino alla Bronx High School of Science, era prevista per questa primavera. Ma negli ultimi mesi, la città ha inaspettatamente chiesto alla Society of Amateur Astronomers, che sta guidando il progetto, 5 milioni di dollari di copertura assicurativa pubblica prima che potesse aprire. Il gruppo è stato inoltre recentemente informato che il Dipartimento legale ed edilizio avrebbe dovuto rivedere il progetto.

“Stiamo mettendo un barattolo di latta poco più grande di un vasino su un pezzo di erba che nessuno usa”, ha detto Bart Freed, vicepresidente esecutivo della Society of Amateur Astronomers. “Non dovrebbero volerci due anni e mezzo per tornare al punto in cui eravamo due anni e mezzo fa.”

Nel frattempo, i donatori dell’organizzazione si interrogano sull’interruzione.

“Abbiamo iniziato a ricevere domande da persone che hanno donato soldi. Tipo: ‘Com’è la situazione?’ Cosa sta succedendo qui? ‘Ti ho dato dei bei soldi’”, ha detto Fred.

Originariamente stimato a un costo di 100.000 dollari, il progetto avrebbe raggiunto l’obiettivo di lunga data della società: aprire la prima struttura interamente pubblica per l’osservazione delle stelle. La cupola metallica alta 9,5 piedi e larga 6,5 ​​piedi è stata ospitata al Nassau Community College fino al 2019. La struttura avrà una struttura robusta Telescopio Celestron EDGE ad alta risoluzione In grado di presentare viste del nostro sistema solare, comprese le comete, gli asteroidi, il Sole e tutti i pianeti compreso il pianeta nano Plutone. La società prevede di assumere personale presso l’osservatorio sette sere a settimana, con una programmazione speciale per gli studenti della Bronx Science University.

READ  È sicuro osservare un’eclissi solare totale?

“Stiamo lavorando con l’associazione in buona fede per finalizzare un accordo e continueremo a seguire i processi imposti dalla città che devono essere completati prima che il contratto possa essere finalizzato”, ha scritto via e-mail il portavoce del Dipartimento dei parchi Greg McQueen.

Si tratta di un cambiamento netto rispetto a gennaio, quando McQueen scrisse a Gothamist che l’agenzia prevedeva che la costruzione del progetto iniziasse in primavera, dopo la conclusione di un accordo e la selezione di un appaltatore.

Ma a marzo, il personale del parco ha chiesto alla Società Astronomica di fornire informazioni sulla programmazione e sulle operazioni, informazioni che secondo loro erano state fornite più di un anno fa.

All’inizio di questo mese, Fred ha ricevuto una bozza di un contratto di gestione del parco di 35 pagine con l’associazione che gestisce il funzionamento e la manutenzione della struttura. Ci vorranno altri due mesi per finalizzare questo documento, secondo Farid.

L’accordo richiede requisiti che sono stati una sorpresa per Freed, inclusa una revisione da parte del procuratore della città. Il dipartimento dei parchi chiede inoltre alla Amateur Astronomers Association di aumentare la copertura assicurativa da 1 milione di dollari a 5 milioni di dollari. Fried ha detto che l’associazione spera di negoziare un compromesso su quella cifra.

“Non abbiamo una causa da 97 anni!” Ha detto Fried, aggiungendo che gli era stato precedentemente detto che il progetto sarebbe stato implementato rapidamente.

Anche il Dipartimento dei Parchi sta richiedendo una revisione della gestione dell’edificio. Secondo il Stime speciali DOB, un progetto nel Bronx impiega in media circa nove settimane per ricevere l’approvazione. Fried ha affermato che tale revisione non sembra necessaria, dato che l’osservatorio può essere facilmente spostato.

READ  La Terra registra il suo giorno più corto mai registrato poiché 1,59 millisecondi di rotazione sono stati rasati per 24 ore

“È tenuto insieme da un paio di viti. E non ci sono utilità. Possiamo smontarlo, raccoglierlo e spostarlo fuori dal sito per un capriccio”, ha detto Fred.

Fried ha detto che sarebbe stato un miracolo se avessero aperto i battenti in autunno. La conseguenza più grave di questo ritardo è che non potranno ottenere fondi dal principale donatore del progetto, la Fondazione Jay Pasachoff, finché non sarà concluso l’accordo con il dipartimento dei parchi.

L’associazione era frustrata, ma si impegnava a portare a termine il progetto, anche se ciò significava trovare una sede diversa.

“Non morirò finché questa cosa non sarà costruita da qualche parte in questa città”, ha detto Fred. “Allora potrei essere investito da un autobus. Non mi interessa.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply