L’Europa vivrà una grave recessione se il presidente russo Putin chiuderà i rubinetti del gas

Il gasdotto offshore Nord Stream 2, il progetto da 11 miliardi di dollari progettato per raddoppiare il flusso di gas tra Russia e Germania, è ora inutilizzato e abbandonato. La Germania ha interrotto completamente la certificazione dell’oleodotto dopo che la Russia ha formalmente riconosciuto due regioni filo-russe nell’Ucraina orientale, creando un pretesto per l’invasione che sarebbe seguita.

Axel Schmidt | Nord Stream 2 | tramite Reuters

Gli economisti tedeschi prevedono una recessione nella più grande economia europea se le forniture di gas russo verranno interrotte e gli effetti potrebbero diffondersi in tutto il continente.

Nelle prospettive economiche congiunte semestrali, pubblicate mercoledì, le cinque maggiori istituzioni economiche tedesche hanno drasticamente ridotto le previsioni del PIL, poiché la guerra in Ucraina ha rallentato la ripresa dal Covid-19.

RWI a Essen, DIW a Berlino, Ifo a Monaco, IFW a Kiel e IWH a Halle ora prevedono una crescita del PIL tedesco del 2,7% nel 2022 e del 3,1% nel 2023, presupponendo che non ci sia un’ulteriore crescita. Relativo alla guerra in Ucraina e al continuo flusso di gas in Europa dalla Russia. Gli istituti prevedevano in precedenza una crescita del 4,8% nel 2022.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il Parlamento europeo hanno chiesto all’Unione europea di imporre un divieto generale alle importazioni russe di petrolio, gas e carbone alla luce delle atrocità commesse dalle forze russe contro i civili in Ucraina.

Il L’Unione Europea prevede di vietare le importazioni di carbone russo Sta lavorando per imporre sanzioni al petrolio russo poiché cerca di ostracizzare il Cremlino dall’economia globale, mentre il presidente russo Vladimir Putin ha minacciato in numerose occasioni di interrompere le forniture di gas all’Europa.

READ  Le unità d'élite russe causano il 40% delle vittime in Ucraina: ufficiale

Tuttavia, una tale mossa dovrebbe avere gravi conseguenze economiche per entrambe le parti. La Germania ha acquistato il 58,9% del suo gas naturale dalla Russia nel 2020, secondo l’Agenzia europea di statistica.

Il Nord Stream 2. gasdottoIl progetto da 11 miliardi di dollari progettato per raddoppiare il flusso di gas tra Russia e Germania è ora inutilizzato e abbandonato. La Germania ha interrotto completamente la certificazione dell’oleodotto dopo che la Russia ha formalmente riconosciuto due regioni filo-russe nell’Ucraina orientale, creando un pretesto per l’invasione che sarebbe seguita.

In caso di chiusura completa delle forniture energetiche russe, gli istituti tedeschi prevedono una perdita cumulativa quest’anno e il prossimo di circa 220 miliardi di euro (238 miliardi di dollari), equivalenti a oltre il 6,5% della produzione economica annuale. Ciò porterà a una crescita solo dell’1,9% quest’anno e a una contrazione del 2,2% nel 2023.

mal di testa da inflazione

“Se l’approvvigionamento di gas viene interrotto, l’economia tedesca attraverserà una grave recessione. In termini di politica economica, sarà importante sostenere le strutture produttive commerciabili senza fermare il cambiamento strutturale”, ha affermato Stefan Kothes, vicepresidente e direttore della ricerca . Per corsi di business e di crescita presso il Kiel Institute.

“Questo cambiamento accelererà per le industrie ad alta intensità di gas anche senza interruzioni, come
La dipendenza dalle forniture russe, che fino ad ora erano disponibili a prezzi ragionevoli, sarà comunque superata rapidamente”.

Kooths ha consigliato ai governi di evitare di introdurre “trasferimenti poco mirati” per sostenere i prezzi dell’energia più elevati.

“Se questi schemi di sussidio sono distribuiti su un ampio fronte, aumenterà l’inflazione e minerà l’importante effetto di segnalazione dell’aumento dei prezzi dell’energia. Ciò a sua volta esacerba i problemi delle famiglie a basso reddito e aumenta i costi economici complessivi”, ha affermato. .

La Banca centrale europea affronta la sfida unica e conflittuale di contenere l’inflazione record senza superare la già debole crescita economica, che probabilmente sarà ulteriormente influenzata dagli shock dell’offerta mentre la guerra in Ucraina continua.

L’inflazione dell’Eurozona era del 7,5% a marzo su base annua, secondo Eurostat, e gli istituti tedeschi prevedono una media per l’intero anno nel 2022 del 6,1%, la cifra più alta degli ultimi 40 anni.

In caso di interruzione di corrente, si aspettano un aumento fino al record del dopoguerra del 7,3%. Il tasso previsto del 2,8% per il prossimo anno rimarrà ben al di sopra della media dalla riunificazione e salirà al 5% in caso di blocco energetico, afferma il rapporto.

“Gli shock della guerra in Ucraina stanno pesando sull’attività economica dal lato dell’offerta e dal lato della domanda”, ha affermato Kothes.

“I pacchetti di stimolo del governo durante la pandemia hanno già avuto un effetto inflazionistico. L’aumento dei prezzi delle materie prime energetiche vitali sulla scia dell’invasione russa sta aggiungendo una pressione al rialzo sui prezzi”.

Geraldine Sundstrom, portfolio manager di PIMCO, ha dichiarato venerdì alla CNBC che i rischi di una recessione in Europa sono molto maggiori dei rischi di una recessione negli Stati Uniti a questo punto.

“L’economia europea non è nella stessa posizione di forza dell’economia americana e una possibile recessione industriale potrebbe essere alle porte dell’Europa, a seconda dello sconvolgimento causato dal conflitto, che sta certamente avvenendo in Asia, e abbiamo visto – soprattutto nel settore automobilistico – un certo numero di fabbriche è stato costretto a chiudere a causa della carenza di pezzi di ricambio e questo ha reintrodotto il congedo per alcuni lavoratori in Germania”, ha affermato Sundstrom.

“Anche l’Europa sta affrontando uno shock di offerta e uno shock inflazionistico molto significativo e, semmai, la BCE sembra essere più disposta a normalizzare la politica nonostante il rischio di una recessione in Europa sia molto maggiore che negli Stati Uniti”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply