L’uragano Fiona colpisce le Isole Turks e Caicos come una tempesta di categoria 3 “minacciosa per la vita”

Martedì l’uragano Fiona ha colpito le Isole Turks e Caicos come tempesta di categoria 3 dopo averlo colpito. PortoricoLa maggior parte delle persone è rimasta senza elettricità o acqua corrente. Martedì mattina il ciclone Grand Turk ha colpito la minuscola isola della capitale britannica dopo che il governo ha imposto il coprifuoco e ha esortato le persone a fuggire dalle aree soggette a inondazioni.

Entro martedì sera, secondo il National Hurricane Center (NHC) degli Stati Uniti, la tempesta era centrata a circa 50 miglia a nord dell’isola di North Caicos, con venti di uragano che si estendevano fino a 35 miglia dal centro e venti di tempesta tropicale che si estendevano verso l’alto. a 150 miglia. La tempesta si stava muovendo a nord-ovest a circa 8 mph.

Il Comitato nazionale ha affermato che Turks e Caicos continueranno a vedere “piogge intense” durante le ore serali con “inondazioni pericolose per la vita”.

Si prevede che Porto Rico e la Repubblica Dominicana vedranno un altro o due pollici di pioggia da Fiona, aumentando il potenziale per ulteriori inondazioni. In totale, alcune parti di Porto Rico possono ricevere fino a 35 pollici di pioggia dalla tempesta, mentre alcune parti della Repubblica Dominicana possono vedere 20 pollici.

La commissione ha detto che Fiona dovrebbe avvicinarsi alle Bermuda giovedì tardi e dovrebbe rafforzarsi nei prossimi giorni.

“Le tempeste sono imprevedibili”, ha detto il primo ministro Washington Messick in una dichiarazione da Londra, dove stava partecipando alla conferenza. Il funerale della regina Elisabetta II. “Quindi dovresti prendere ogni precauzione per garantire la tua sicurezza.”

Repubblica Dominicana Uragano Fiona
Un uomo guada una strada allagata a Nagua, nella Repubblica Dominicana, il 19 settembre 2022, dopo il passaggio dell’uragano Fiona.

Erica Santilisis/AFP/AFP/Getty Images


Fiona avrebbe dovuto indebolirsi prima di colpire il Canada più orientale durante il fine settimana. Non si prevedeva che minacciasse gli Stati Uniti continentali.

Fiona ha causato un’interruzione di corrente quando ha colpito l’angolo sud-ovest di Porto Rico domenica, in memoria dell’uragano Hugo, che ha colpito l’isola nel 1989 come tempesta di categoria 3.

Martedì mattina, le autorità hanno dichiarato di aver ripristinato l’elettricità a quasi 300.000 degli 1,47 milioni di clienti dell’isola. era la forza anche ripristinare La società portoricana di distribuzione di elettricità Loma ha riferito che il St. George Children’s and Women’s Hospital di San Juan martedì pomeriggio.

Il governatore di Porto Rico ha avvertito che potrebbero volerci giorni prima che tutti abbiano elettricità.

A più di 760.000 consumatori – due terzi del totale dell’isola – è stato interrotto il servizio idrico a causa dell’acqua torbida negli impianti di depurazione o della mancanza di elettricità, hanno affermato i funzionari.

la tempesta era in carica Almeno due decessi sono stati segnalati a Porto Rico. Un uomo di 58 anni è morto dopo che la polizia ha detto di essere stato travolto da un fiume nella cittadina montana di Comerio. I funzionari hanno affermato che un altro decesso è stato collegato a un’interruzione di corrente: un uomo di 70 anni è stato bruciato a morte dopo aver tentato di riempire il suo generatore di benzina mentre era in funzione.

Nella Repubblica Dominicana, le autorità hanno riportato anche due morti: un uomo di 68 anni che è stato colpito da un albero caduto e una ragazza di 18 anni che è stata investita da un palo elettrico mentre era alla guida di una moto. La tempesta ha costretto più di 1.550 persone a cercare sicurezza nei rifugi governativi e ha lasciato più di 406.500 case senza elettricità.

L’uragano ha causato la chiusura di diverse autostrade e un molo turistico a Michis Township è stato gravemente danneggiato dalle onde. I funzionari hanno detto che almeno quattro aeroporti internazionali sono stati chiusi.

Il presidente dominicano Luis Abenader ha affermato che le autorità avranno bisogno di diversi giorni per valutare gli effetti della tempesta.

Nella città di montagna di Caye, nel centro di Porto Rico, dove il fiume Platone ha straripato le sue sponde e martedì uno straripamento marrone di automobili e case traboccanti d’acqua, armadi, letti e grandi frigoriferi hanno disseminato i cortili delle persone.

“Porto Rico non è pronto per questo, o altro”, ha detto Mariang Hernandez, una casalinga di 48 anni. Strade e recupero energetico. “Questo è solo per due giorni e dopo si sono dimenticati di noi.”

Lei e suo marito erano bloccati in fila in attesa che la Guardia Nazionale ripulisse la frana nel loro quartiere montuoso.

“E’ aperto? E’ aperto?” ha chiesto un guidatore preoccupato che la strada potesse essere completamente chiusa.

Altri conducenti hanno chiesto alla Guardia Nazionale se potevano passare dalle loro case per aiutare a tagliare alberi o rimuovere grumi di fango e detriti.


L’uragano Fiona ha colpito Porto Rico, lasciando la maggior parte dell’isola senza elettricità o acqua potabile

05:07

Michelle Carlo, consulente medico per il soccorso diretto di Porto Rico, Ha detto a CBS News Martedì, le condizioni sull’isola erano “spaventosamente simili” a quelle del 2017, quando Uragano Maria causa Quasi 3.000 morti.

“Sebbene Fiona sia classificato come un uragano di categoria 1, i danni causati dall’acqua a Porto Rico sono in alcuni punti gravi o peggiori di quando Maria ci ha colpito cinque anni fa”, ha detto Carlo.

Cinque anni dopo, ci sono più di 3.000 case sull’isola Ancora ricoperta di panno azzurro.

Generale di Brigata della Guardia Nazionale. Il generale Narciso Cruz ha descritto le inondazioni risultanti come storiche.

“C’erano comunità che sono state sommerse dalla tempesta e che Maria non è stata sopraffatta”, ha detto. “Non ho mai visto niente di simile prima.”

Cruz ha detto che 670 persone sono state salvate a Porto Rico, di cui 19 in una casa di cura nella città montana settentrionale di Cayia, che rischiava di crollare.

“I fiumi hanno rotto le loro sponde e hanno coperto le loro comunità”, ha detto.

Alcuni sono stati salvati in kayak e in barca, mentre altri si sono sistemati in un’enorme pala per escavatori e sono stati sollevati su un terreno più elevato.

Si è lamentato del rifiuto di alcune persone di lasciare le proprie case, aggiungendo che le capiva.

“È la natura umana”, ha detto. Ma quando hanno visto le loro vite in pericolo, hanno deciso di andarsene”.

Un membro della Guardia nazionale portoricana guada le acque per le persone bisognose di soccorso dalle strade allagate all'indomani dell'uragano Fiona a Salinas, Porto Rico, il 19 settembre 2022.
Un membro della Guardia nazionale portoricana guada le acque per le persone bisognose di soccorso dalle strade allagate all’indomani dell’uragano Fiona a Salinas, Porto Rico, il 19 settembre 2022.

REUTERS/Ricardo Arduingo


Janet Soto, una manicure di 34 anni, temeva che la troupe avrebbe impiegato troppo tempo per ripristinare l’alimentazione perché una frana ha spazzato via il sito di illuminazione principale del quartiere.

“E’ la prima volta che succede”, ha detto a proposito delle frane. “Non pensavamo che la quantità di pioggia sarebbe stata così grande”.

Il governatore Pedro Pierluisi ha chiesto martedì una dichiarazione di grave disastro e ha affermato che ci sarebbe voluta almeno una settimana prima che le autorità avessero una stima dei danni causati da Fiona.

Ha detto che i danni causati dalle piogge sono stati “catastrofici”, soprattutto nelle regioni centro, sud e sud-est dell’isola.

“L’impatto dell’uragano è devastante per molte persone”, ha detto.

Il capo dell’Agenzia federale per la gestione delle emergenze si è recato a Porto Rico martedì quando l’agenzia ha annunciato che avrebbe inviato centinaia di personale aggiuntivo per rafforzare gli sforzi di risposta locale.

Il segretario alla salute e ai servizi umani degli Stati Uniti, Xavier Becerra, ha dichiarato martedì sera un’emergenza sanitaria pubblica per Porto Rico. Ciò arriva dopo che il presidente Biden lunedì ha rilasciato una dichiarazione di emergenza.

L’agenzia ha dichiarato in un comunicato stampa che finora HHS ha schierato 25 persone sull’isola.

“Faremo tutto il possibile per aiutare i funzionari portoricani a rispondere agli effetti dell’uragano Fiona”, ha affermato Becerra in una nota. “Lavoriamo a stretto contatto con le autorità sanitarie regionali e i nostri partner federali e siamo pronti a fornire ulteriore assistenza sanitaria e medica”.

Il leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti Chuck Schumer ha dichiarato martedì che pagherà il governo federale per coprire il 100% dei costi di risposta al disastro – invece del solito 75% – come parte di una dichiarazione di emergenza.

“Dobbiamo assicurarci che questa volta Porto Rico abbia assolutamente tutto ciò di cui ha bisogno, al più presto, per tutto il tempo necessario”, ha detto.


Nel quinto anniversario dell’uragano Maria, Porto Rico continua ad affrontare sfide al potere

08:03

READ  Blinken afferma che la strategia cinese riguarda un ordine basato su regole, non una "nuova guerra fredda"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply