Perché il primo ministro britannico Boris Johnson sta affrontando la sua più grande crisi e quale sarà il prossimo?

Johnson ha resistito a diverse tempeste durante il suo incarico di primo ministro, ma questa crisi potrebbe essere troppa.

Ecco cosa devi sapere.

La causa immediata della crisi è stata la ricaduta delle dimissioni del vicepresidente Webb Chris Pincher giovedì scorso, tra le accuse di aver tentato due ospiti a una cena privata la sera prima.

Ma ciò che ha messo Johnson nei guai ancora più profondi sono state le distorsioni in cui sono entrati i funzionari della stampa di Downing Street quando hanno cercato di spiegare perché Pincher era in primo luogo al governo.

Inizialmente, quando sono emerse nuove notizie sul comportamento storico di Pincher alla luce delle sue dimissioni, Downing Street ha negato che il Primo Ministro fosse a conoscenza delle accuse, che riguardano il tempo di Pincher come ministro degli Esteri.

Quando si è scoperto che questo non avrebbe retto, il team di Johnson ha detto di essere a conoscenza delle accuse storiche, ma erano “risolti”.

Quando si è scoperto che una delle accuse precedentemente non riportate contro Pincher era stata confermata, il portavoce di Johnson ha chiarito che “risolta” potrebbe significare che è stata confermata.

Poi martedì mattina, Simon MacDonald, l’ex funzionario in capo del Dipartimento di Stato, ha rivelato che Johnson era stato informato personalmente sull’esito dell’indagine sulla condotta di Pincher, scatenando una raffica di dimissioni per tutta la giornata.

cosa è successo dopo?

Boris Johnson ha ancora il controllo del suo destino… per ora.

Le regole del Partito conservatore impongono che se un leader vince un voto di fiducia, allora è immune a un’altra sfida per 12 mesi. Johnson è sopravvissuto al voto di fiducia del 6 giugno.

READ  Contea di Los Angeles: diversi camion UPS distrutti da un incendio nella struttura di Lancaster

Tuttavia, la crisi attuale è così profonda che è possibile che un comitato di parlamentari conservatori del 1922 riscriva le regole per sbarazzarsi del primo ministro.

Il comitato si è riunito mercoledì e lunedì ha deciso di tenere le elezioni per una nuova leadership. Una volta eletto, il nuovo esecutivo del comitato deciderà se cambiare le regole e procedere con un altro voto di fiducia, un voto che Johnson rischia di perdere.

Fino a quel momento, la domanda era quanta umiliazione pubblica Johnson potesse sopportare. Decine di legislatori hanno rassegnato le dimissioni dal governo e mercoledì sera una delegazione di membri del gabinetto è venuta a Downing Street per chiedere al primo ministro di dimettersi.

Una fonte vicina a Patel ha detto alla CNN che uno di loro – il ministro dell’Interno britannico Priti Patel – ha detto a Johnson che l’opinione generale del partito era che avrebbe dovuto andarsene.

Quasi sicuramente più ministri del governo si dimetteranno e fonti dell’opposizione parlano della possibilità di defezioni.

Cosa succede se Johnson si dimette?

Nel Regno Unito, le dimissioni del Primo Ministro non portano automaticamente a elezioni generali.

Se Johnson si dimette, il Partito conservatore terrà un’elezione interna per scegliere un nuovo leader, che diventerà poi primo ministro.

Probabilmente Johnson rimarrà in carica fino alla scelta del suo successore, come hanno fatto i suoi predecessori Theresa May e David Cameron quando si sono dimessi rispettivamente a maggio 2019 e giugno 2016.

Salvo nuove dimissioni o elezioni anticipate, il nuovo primo ministro guiderà il Regno Unito fino alle prossime elezioni, previste per il 2024.

Come il Partito conservatore britannico elegge un nuovo leader
Come il Partito conservatore britannico elegge un nuovo leader

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply