Stephen Curry ritorna e Golden State batte i Nuggets

Clay Thompson stava schizzando da 3 punti. Tremond Green ha creato stop e ha inventato abilmente i tagli aperti. Stephen Curry ha tirato diversi difensori in pochissimo tempo per toccare la palla.

Il trio, che ha ridefinito il basket sulla strada per vincere più campionati con i Golden State Warriors, si è riunito sabato ai playoff per la prima volta dal 2019. E come molti giochi di quell’epoca, i potenti Warriors dominarono e sconfissero i Denver Nuggets. Nella partita di apertura dei playoff del primo turno, 123-107.

Con una mossa sorprendente, Charcoal ha iniziato a giocare in panchina. Al suo posto, l’allenatore Steve Kerr ha iniziato la guardia del terzo anno Jordan Poole, che ha versato quest’anno. Questa azione è stata intrapresa con l’obiettivo di mantenere il curry entro un rigoroso limite di minuti. Questa sarà la sua prima partita contro i Boston Celtics il 16 marzo dopo un infortunio alla gamba sinistra.

Il trasferimento ha dato i suoi frutti. Poole ha segnato 30 punti eccezionali nella sua prima partita di playoff in carriera – una partita in più – con 9 punti in 13 tiri, elettrizzando il pubblico del Chase Center a San Francisco. Ha giocato a lungo come se fosse il cardine del basket post-stagionale. Ad un certo punto, ha ballato dopo aver colpito il canestro duro. È stata una notte del genere. Il 22enne è stato selezionato nella squadra delle Stelle che ha giocato in alcune delle squadre più talentuose della storia del campionato. 28° Esame del 2019 Bozza Chi ha rubato la scena quando Golden State ha cercato di riconquistare il trono NBA.

“Jordan Pool, aha, che debutto ai playoff”, ha detto Thompson ai giornalisti dopo la partita: “Dobbiamo essere molto grati per la crescita di Jordan e per il tipo di giocatore in cui è incredibilmente bravo, cioè, che cosa è una star in produzione.

READ  Post-Natale in diretta: le migliori offerte su Walmart, Best Buy, Amazon e molti altri

Carrie è stata vista l’ultima volta dalla panchina durante i playoff il 1 maggio 2018, la seconda partita delle semifinali della Western Conference. Pellicani di New Orleansquando È tornato da un infortunio al ginocchio. Sabato contro Denver è stata la terza partita di playoff in carriera di Curry in cui ha giocato, ma non è iniziata.

È entrato in partita nella prima metà del quarto con un forte applauso. Quasi immediatamente, Curry si è reso conto della sua presenza, ha trovato Thompson per una tripla aperta dall’angolo e ha sbattuto un passaggio tra due difensori su un green aperto. In caso contrario, ha lottato ed è stato licenziato per 5 su 13 e 16 su 16. Ma la sua sola presenza ha comunque attirato l’attenzione dei Nuggets e i Warriors hanno superato Denver di 17 punti.

“Sono stato felice di sentire di nuovo l’atmosfera dei playoff, a quanto pare è diverso, ora sto cercando di sfruttare al meglio i minuti appropriati”, ha detto Carrie.

Il gioco forte di Pool mette Kerr in una posizione precaria per andare avanti – buona specie. Una volta tornato Charlie, può mandare Poole in panchina per il resto dei playoff?

“Lo attraverseremo quando arriveremo a quel ponte”, ha detto Kerr.

Il forte gioco di Pool darà a Kerr opzioni extra per il resto della serie. Per uno, potrebbe schierare una formazione a tre guardie composta da Curry, Thompson e Poole: tre registi e tiratori. Ricorda l’ultima serie di mini-palline che i Warriors hanno utilizzato meglio durante le corse del campionato dell’ultimo decennio: la piscina ora gioca un ruolo minore, a parte il ruolo di Andre Igudola.

Un ulteriore vantaggio dell’esposizione in piscina è che consente al Golden State di alleviare la curvatura del carbone proveniente dall’infortunio al piede. Kerr ha rifiutato di dire se Charcoal tornerà in Gara 2 lunedì.

READ  L'alto funzionario militare afferma che Taiwan non inizierà la guerra con la Cina

Thompson, nel frattempo, sembrava il giocatore che era prima dello strappo del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro durante la finale NBA del 2019. Sulla strada per cinque 3 punti e 19 punti complessivi, si è mosso rapidamente per trovare un aspetto aperto per se stesso.

“Ho pensato ai giorni in cui ero in palestra, ai giorni in cui ero nello studio del medico, ai giorni in cui ero al tavolo operatorio, poi volavo su e giù per il campo, toccando colpi e giocando solidi giochi difensivi. Per me”, ha detto Thompson dopo la partita.

Denver, invece, deve tornare al tavolo da disegno.

Golden State è stata in grado di trasformare il suo secondo giocatore più prestigioso, Nicola Joachim, nella migliore stella dei Cavalieri. I Warriors hanno continuato a costringere il fantino a colpi duri e lo hanno frustrato con un flusso costante di doppi. Hanno cercato di indebolirlo sulla difensiva istituendo possedimenti con lui come difensore principale. Possesso dopo possesso, il fantino è stato espulso frettolosamente dopo i frenetici lanciatori del Golden State.

“Sono stati migliori di noi in ogni aspetto del gioco”, ha detto Jogik.

Ma i Warriors hanno anche Green, che ha vinto il premio come miglior difensore 2016-17. È stato in grado di fare qualcosa che la maggior parte dei difensori non poteva fare: si è difeso a vicenda per molti possedimenti, ha liberato la sua squadra del Golden State e ha inviato il fantino a unirsi agli altri giocatori dei Knights.

Al quarto quarto, Jogik sembrava stanco. Ha chiuso con 25 punti, 10 rimbalzi e 6 assist. È andato per la linea di tiro libero due volte, nonostante abbia provato 25 colpi. Denver era frustrato dall’esercizio del potere.

Penso che gran parte della sua maglia sia stata tolta a volte “, ha detto l’allenatore dei Nuggets Mike Malone. “Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. Dobbiamo vedere come lo proteggono e come possiamo pagare per come lo proteggono.. “

READ  Notizie in diretta sulle elezioni: bandi di gara e annunci di elezioni suppletive

Quando un giornalista ha chiesto al fantino della sua inaugurazione dopo la partita, ha detto: “Amico mio, penso che sarò multato se rispondo”.

La partita di apertura dei playoff per i giocatori chiave del Golden State, che hanno vinto il campionato nel 2015, 2017 e 2018, è tornata sotto i riflettori la scorsa stagione. Curry, Greene, Thompson e Iguodala sono i primi quattro leader nella storia del proprietario che hanno giocato nelle partite di post-stagione. Ma a causa degli infortuni, questa è la prima volta per i Warriors Playoff realizzati dal 2019, Quando la squadra ha perso in finale contro i Toronto Raptors in sei partite. Tutti e quattro sono alla stessa ora Ha giocato lo stesso gioco quest’anno Il 9 gennaio, Thompson ha saltato la sua prima partita di due stagioni per un infortunio alla gamba. Green ha iniziato la partita solo brevemente, a favore di Thompson, prima di stare sveglio tutta la notte.

Entrambe le squadre hanno avuto problemi di infortuni significativi durante la stagione. Green ha saltato più di due mesi della stagione regolare per il Golden State a causa di un infortunio alla schiena. Per Denver, Michael Porter Jr. e Jamal Murray hanno saltato l’intera stagione; Possono ridurre la pressione del fantino a giocare più spesso.

Questa è Denver Quarto anno consecutivo Creazione di playoff; La squadra è stata eliminata al primo turno nelle ultime tre stagioni.

Denver ha una fonte di conforto: in ciascuna di quelle serie, i Nuggets hanno perso la prima partita. I Nuggets cercheranno di pareggiare la serie di sette partite a un punto ciascuno lunedì. Ma sabato sera sono stati trovati molto inappropriati.

“Non possiamo battere noi stessi e i Warriors nella stessa partita”, ha detto Malone. “L’abbiamo fatto stasera.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply