Uomo lapidato in Pakistan dopo aver ‘dissacrato il Corano’ | Pakistan

Polizia dentro Pakistan hanno detto che un uomo di mezza età è stato lapidato a morte da una folla in un remoto villaggio dopo aver presumibilmente profanato il Corano.

Il custode di una moschea locale ha detto di aver visto l’uomo bruciare il libro sacro musulmano all’interno della moschea sabato sera e di averlo detto ad altri prima di informare la polizia, secondo il portavoce della polizia Chaudhry Imran. L’incidente è avvenuto in un villaggio nel distretto di Khanewal, nella provincia del Punjab.

Imran ha detto che la polizia si è precipitata sul posto, dove un uomo è stato trovato circondato da una folla inferocita. L’agente Mohammad Iqbal e due subordinati hanno cercato di prendere in custodia l’uomo, ma il gruppo ha iniziato a lanciare pietre contro di loro, ferendo gravemente Iqbal e ferendo leggermente gli altri due ufficiali.

Imran ha detto che l’identità dell’uomo accusato di blasfemia non era ancora nota.

Munawar Gujjar, il capo della stazione di polizia di Tulamba, ha detto di aver portato i rinforzi alla moschea, ma non sono arrivati ​​prima che la folla avesse lapidato l’uomo e appeso il suo corpo a un albero.

Mian Mohammad Ramzan, il custode della moschea, ha detto di aver visto del fumo all’interno dell’edificio, che è adiacente alla sua casa, e si è precipitato a indagare. Trovò un Corano bruciato e vide un uomo che tentava di bruciarne un altro. Ha detto che le persone stavano iniziando ad arrivare per le preghiere serali mentre gridava all’uomo di fermarsi.

Testimoni hanno detto che una squadra di polizia che ha raggiunto il villaggio prima che iniziasse la lapidazione ha preso in custodia un uomo, ma la folla lo ha rapito e picchiato la polizia mentre cercava di salvarlo.

READ  Gli attici in Corea del Nord sono principalmente per pochi sfortunati

Più tardi, altri agenti e poliziotti sono giunti sul posto e hanno preso il controllo, rimuovendo il corpo, che è stato trasportato in ospedale per l’autopsia.

Gujjar ha detto che gli investigatori stavano scansionando le riprese video per cercare di identificare gli assalitori.

Allama Tahir Mahmood Ashrafi, un aiutante del primo ministro, Imran Khan, per gli affari religiosi, ha condannato l’omicidio e si è impegnato a consegnare i colpevoli alla giustizia. Ha detto che nessuno aveva il diritto di prendere in mano la legge, anche se un sospetto era coinvolto in un reato, compresa la blasfemia.

L’omicidio segue il linciaggio a dicembre di un manager dello Sri Lanka di una fabbrica di articoli sportivi a Sialkot, nella provincia del Punjab, accusato dai lavoratori di blasfemia.

Gli attacchi della folla contro persone accusate di blasfemia sono comuni nella nazione islamica conservatrice. Gruppi internazionali e nazionali per i diritti umani affermano che le accuse di blasfemia sono state spesso utilizzate per intimidire le minoranze religiose e regolare i conti personali. La blasfemia è punibile con la morte in Pakistan.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply