Home Mobile Windows Cortana come si comporta su Windows 10?

Cortana come si comporta su Windows 10?

31
0
Condividi

Con l’uscita di Windows 10 ormai quasi quattro mesi fa anche il suo assistente vocale Cortana ha avuto un aggiornamento. In effetti il nuovo sistema operativo di Windows è stato molto atteso dopo la non felicissima esperienza di Windows 8 forse troppo orientato al touch e non ottimizzato per un utilizzo desktop.

Ovviamente l’assistente vocale di Microsoft ha dovuto da subito fare i conti con Siri, il corrispettivo Apple che ad oggi sta facendo bene (benchè anche qui ci sia qualche parere contrastante).

Inizialmente si è sparato su Cortana per i prevedibili difetti di una prima versione. Da allora sono stati fatti diversi passi avanti anche se ricordiamo ancora l’epic fail del CEO di Microsoft Satya Nadella durante la presentazione lo scorso settembre delle nuove funzionalità di Windows 10 dove Cortana non funzionò come previsto causando qualche risata e un generale imbarazzo.

Oggi il suo algoritmo lavora instancabilmente per identificare le tendenze nelle attività così da fornire un’esperienza senza soluzione di continuità sia online che offline.

Nelle versioni precedenti, Cortana aveva qualche difficoltà a bilanciare  i risultati delle ricerche tra i dati online e i dati on-computer, ma gli aggiornamenti recenti hanno reso i risultati più rilevanti per gli utenti.

Ovviamente Cortana si appoggia all’ottimo motore di ricerca Bing (che, ricordiamo, è stato creato da un italiano) di proprietà Microsoft e questo dà anche un po ‘di un vantaggio su altri assistenti virtuali. Microsoft sta ora lavorando per una più ampia integrazione tra desktop e mobile, permettendo notifiche delle chiamate perse e dei servizi di messaggistica di testo dal desktop.

Ad oggi riteniamo che Cortana sia probabilmente l’elemento più promettente di Windows 10. Voi cosa ne pensate?

Lascia una risposta