Art Robe, che ha portato il rhythm and blues nel mainstream, muore a 104 anni

Dopo aver venduto la sua partecipazione in Atlas per $ 600, il signor Rupe ha creato la sua società, la Juke Box Records, nel 1944. “L’ho chiamata Juke Box perché il musicista all’epoca era il mezzo per la consegna delle registrazioni”, ha detto ad Arnold Shaw . “Se prendi un record nel petto, è come averlo nelle prime fermate oggi.”

Il signor Robb era metodico. Acquistò 200 dollari di dischi di gara e, con mano, iniziò ad analizzare la struttura musicale, il ritmo e persino i titoli per determinare le caratteristiche comuni delle versioni più vendute. Con la parola “boogie” che compare in un numero sproporzionato di canzoni di successo, la prima registrazione del Juke Box, uno strumento strumentale suonato dai Sepia Tones, ha ricevuto il titolo “Boogie n. 1.” Ha venduto oltre 70.000 copie rispettabili e il signor Rupe stava arrivando.

Il cantante di Jump blues Roy Melton e la sua band, i Solid Senders, hanno regalato ai Juke Boxes il loro primo grande successo: “RM Blues” E ‘stato rilasciato nel 1945, che si dice abbia venduto un milione di copie. Mr. Melton ha continuato a registrare quasi 20 successi nella Top 10 per R&B dopo aver seguito Mr. Rupe to Specialty, che ha fondato l’anno successivo dopo essersi separato dai suoi partner Juke Box.

Nel 1950, il pianista e direttore d’orchestra Joe Leggins diede alla major il suo primo singolo di successo, “Champagne floreale” che è diventato il disco R&B più venduto dell’anno. Percy Mayfield, un cantautore con uno stile rilassato, che in seguito avrebbe contribuito con Hit the Road, Jack e altre canzoni al repertorio di Ray Charles, ha scalato le classifiche un anno dopo con “Please Send Me Someone to Love”. Guitar Slim ha dato al poster un altro successo n. 1 nel 1954 con “Le cose che ho fatto” Uno dei primi dischi che ha messo la chitarra elettrica in primo piano.

READ  Will Smith e Chris Rock Slap: le domande restano

“La specialità era un po’ come l’etichetta Blue Note nel jazz”, ha detto il cantante e storico della musica Billy Vera, che ha prodotto “The Specialty Story”, scrivendo “Rip It Up: The Specialty Records Story”, pubblicato nel 2019. L’arte era attenta al dollaro, ma non ha lasciato che questo gli impedisse di andare nei migliori studi e di prendersi il tempo per provare. Era orgoglioso e interessato a fare registrazioni di alta qualità con buoni musicisti”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply