Astronomi e appassionati di spazio sui loro esopianeti preferiti

Luis Calzada A Artista di visualizzazione scientifica In collaborazione con l’European Southern Observatory, ha scelto un altro Giove caldo: Vega b.

“Questa stella, che dista solo 25 anni luce da noi, è il fulcro del romanzo di Carl Sagan The Connection”, ha detto Calsada, aggiungendo che il libro ha suscitato un interesse che lo ha spinto “a conseguire una laurea in astronomia. ” Dopo di che, ho costruito una carriera come pittore scientifico. Quindi questo libro, Carl Sagan e Vega erano presenti in un momento decisivo della mia vita. Quindi vedere un pianeta scoperto intorno ad esso è stato molto eccitante”.

Durante i suoi anni in “Star Trek: The Next Generation”, Will Wheaton divenne familiare Con mondi immaginari e nuove forme di vita. Ha scelto YZ Ceti b, che è leggermente più piccolo della Terra e orbita attorno a una nana rossa situata a 12 anni luce di distanza, il che la rende interessantemente vicina allo studio.

“Non ha senso che, in un mondo vasto come il nostro, siamo l’unica specie intelligente (cosciente)”, ha detto Whitton in una e-mail. “Quindi quando guardo il cielo notturno, non immagino che qualcun altro guardi indietro. So che lo è.”

Ha aggiunto che è improbabile che le prove entrino nelle nostre vite, quindi “la sfida più urgente che abbiamo come specie in questo momento è prenderci cura dell’unico pianeta su cui possiamo vivere fino a quando non possiamo immaginare generazioni da oggi nel molto lontano futuro. Come sarebbe, i nostri nipoti possono stabilire il primo contatto”.

Con soli 500 milioni di anni, Kepler-51 è tra i sistemi stellari più giovani di questa lista. Peter Gao ha detto che, sebbene astronomicamente sia ancora un bambino, il sistema ospita davvero più pianeti con proprietà misteriose, Mondo di squadra presso la Carnegie Institution for Science.

READ  Insolita galassia fossile scoperta alla periferia di Andromeda - potrebbe rivelare la storia dell'universo

Il dottor Zhao ha detto che i tre pianeti del sistema sono chiamati “super puff”, con una densità estremamente bassa che ricorda il polistirolo o lo zucchero filato e “sfida la nostra comprensione di come si sono formati i pianeti e di come si sono evoluti”.

Ha aggiunto: “Li amo perché amo un buon puzzle e la loro presenza ha dimostrato che l’universo è sempre più fantasioso di noi”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply