Funzionari del Tour de France ritirano i manifestanti dalla strada durante la fase 10 del caos | Giro di Francia

Alti funzionari da Giro di Francia L’organizzazione è stata vista trascinare i manifestanti per il cambiamento climatico in un fosso durante la decima tappa della corsa da Morzine a Megève.

Sebbene legati insieme al collo, un piccolo gruppo di giovani manifestanti è stato trascinato fuori dalla pista dai funzionari del tour. A circa 36 chilometri dalla fine, su un tratto di strada rettilinea, i manifestanti si sono seduti in pista e hanno azionato razzi rossi. Sia la tappa di fuga che il gruppo sono stati fermi fino a quando la strada non è stata sgombrata.

Gli attivisti per il clima del movimento Derniere Renovation hanno dichiarato: “Dato che al governo non interessa della crisi climatica, dobbiamo venire a prendere in consegna il Tour de France per concentrare l’attenzione su ciò che conta per la nostra sopravvivenza. Dobbiamo convincere il nostro governo a farlo reagire mentre ci conduce al macello”.

“L’interruzione non violenta è la nostra ultima possibilità di far sentire la nostra voce ed evitare le peggiori conseguenze del riscaldamento globale”, ha affermato il gruppo.

Gli organizzatori del Tour de France ASO hanno rifiutato di commentare la protesta. Commentando la scena su una moto durante la gara, Sir Bradley Wiggins ha detto ai telespettatori di Eurosport: “Stava davvero girando. È stato così pazzesco. Molte persone si arrabbiano, alcuni direttori sportivi sono scesi dalle auto, si sono tolti gli stivali. “

Il gruppo Derniere Renovation è stato responsabile dell’interruzione degli Open di Francia, quando un manifestante è saltato in campo e si è legato alla rete, indossando una maglietta con la scritta: “Ci restano 1.028 giorni”. Alla protesta di Tur, sono stati visti indossare magliette con la scritta: “Ci restano 989 giorni”.

Il Tour è stato a lungo oggetto di proteste, ma è successo sullo sfondo degli organizzatori della gara che si impegnavano a ridurre le emissioni di carbonio. Il “Road Book” di quest’anno, la guida dedicata a tutti coloro che sono coinvolti nelle corse, afferma che il Tour è “fermamente impegnato a essere un’organizzazione sempre più responsabile per l’ambiente”.

Nel 2020, durante il round della pandemia, la corsa è stata criticata dai sindaci “verdi” recentemente eletti in alcune delle principali città francesi. Il sindaco di Lione Gregory Doucet ha descritto il Tour come “macho e inquinato” e privo di coscienza ambientale, e ci sono state più richieste per la gara per ridurre ulteriormente le emissioni di carbonio.

Tadej Pojjakar attende la ripresa delle corse dopo le proteste
Tadej Pujakar attende la ripresa della gara dopo le proteste. Foto: Gonzalo Fuentes/Reuters

Il risultato finale della gara stessa è stato messo in dubbio quando il team degli Emirati Arabi Uniti guidato da Tadej Pogakar è risultato positivo al Covid-19, appena 48 ore dopo che tutti i corridori del gruppo erano stati testati e dichiarati liberi dal virus.

George Bennett, uno dei principali corridori di supporto in montagna per il campione in carica, e il compagno di squadra Rafal Majka, sono risultati positivi martedì mattina a Morzine. Bennett si è ritirato dalla gara mentre a Micah è stato permesso di continuare a correre perché non aveva sintomi.

Sabato, un altro giocatore di Pogacar, Vegard Stake Laengen, è risultato positivo e si è ritirato. La squadra di otto uomini con cui Pojácar ha iniziato a Copenaghen è ora ridotta a sei, con Majka che continua a essere incerto.

“Secondo i nostri protocolli interni, Majka è stato testato per Covid-19 ed è risultato positivo questa mattina”, ha affermato il team di Emirates Airlines in una nota.

“È asintomatico e analizzato con PCR, [we] È stato scoperto che aveva un rischio molto basso di infezione, simile al caso di Bob Jungles [the AG2R Citroen rider who tested positive in Copenhagen] all’inizio della gara.” Anche il pilota australiano Luke Durbridge (Team BikeExchange) è stato testato con il virus ed è stato ritirato dalla gara.

L’ASO si è mossa per limitare l’accesso dei media ai bus delle squadre, o al circuito, affermando che “solo i rappresentanti dell’USCI (giurati, commissari, antidoping), il personale della squadra e il personale dell’organizzazione che supervisiona le squadre possono accedere al circuito”. L’accesso ai media finali rimane invariato.

Magnus Cort Nielsen di EF Education-EasyPost ha vinto la tappa in una foto finale del compagno di squadra assente del Dorbridge Nicholas Schultz. Leonard Kamna, di Bora Hansgrohe, una delle fughe di oggi, è risalito entro 11 secondi dal leader della corsa Pogacar, ma dovrebbe tornare indietro nelle prossime 48 ore, che includono i primi posti all’Alpe d’Huez e al Col du Granon.

READ  Guida definitiva per acquistare una cuscini meditazione yoga nel 2022 - I migliori 40 compilati!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply