Gli Stati Uniti mettono in guardia dal rispondere a qualsiasi presenza militare cinese permanente a Salomone

SYDNEY/WASHINGTON (Reuters) – Una delegazione di alto livello statunitense ha incontrato venerdì il leader delle Isole Salomone e ha avvertito che Washington avrebbe “grandi preoccupazioni e risponderà di conseguenza” a qualsiasi passo per stabilire una presenza militare cinese permanente nel Pacifico. Gente dell’isola.

Una dichiarazione della Casa Bianca afferma che il Primo Ministro delle Isole Salomone, Manasseh Sogavari, ha assicurato alla delegazione in visita guidata dal Coordinatore della Casa Bianca per la regione indo-pacifica Kurt Campbell che non ci sarebbe stata una base militare, non ci sarebbe stata presenza e non ci sarebbe stata la possibilità di dimostrare la forza in base a un accordo di sicurezza. con la Cina.

La Casa Bianca non ha fornito alcuna indicazione su quale sarebbe stata la risposta degli Stati Uniti a tale possibilità, ma il suo tono schietto indicava il livello di preoccupazione degli Stati Uniti che ha portato all’invio della missione di Campbell nella remota nazione insulare questa settimana.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Se vengono prese misure per stabilire una presenza militare permanente de facto, capacità di proiezione di potenza o strutture militari, la delegazione ha indicato che gli Stati Uniti avranno preoccupazioni significative e risponderanno di conseguenza”, ha affermato la delegazione.

Gli Stati Uniti hanno confermato che seguiranno gli sviluppi da vicino in consultazione con i partner regionali.

La dichiarazione afferma che la delegazione statunitense ha delineato le misure specifiche che Washington intraprenderà per migliorare il benessere degli isolani delle Salomone, anche accelerando l’apertura di un’ambasciata lì, rafforzando la cooperazione sugli ordigni inesplosi e inviando una nave ospedale Mercy per affrontare problemi di salute. Ha detto che Washington introdurrà più vaccini e aumenterà le iniziative per il clima e la salute.

READ  Il grano indiano stava alleviando la crisi alimentare. Poi le esportazioni sono state vietate

Ha detto che le due parti hanno avuto “discussioni sostanziali” sull’accordo di sicurezza con la Cina.

“I rappresentanti delle Isole Salomone hanno indicato che l’accordo ha solo applicazioni nazionali, ma la delegazione statunitense ha notato che ci sono potenziali implicazioni per la sicurezza regionale dell’accordo, anche per gli Stati Uniti, i suoi alleati e partner”, si legge nella dichiarazione.

La delegazione si è incontrata con Sugavari nella capitale delle Salomone, Honiara, pochi giorni dopo che le Isole Salomone e la Cina avevano annunciato di aver firmato un patto di sicurezza, nonostante un’ondata di chiamate da Washington e dai suoi alleati esortassero la nazione insulare a non portare avanti un accordo che temono si allungherebbe troppo lontano. Il dispiegamento dell’esercito cinese nella regione.

Le Isole Salomone occupano una posizione strategica nell’Oceano Pacifico e furono teatro di alcune delle battaglie più sanguinose nel teatro della seconda guerra mondiale.

Ignorando le preoccupazioni internazionali, Sogavary ha detto mercoledì al parlamento che l’accordo non avrebbe minato la pace. Leggi di più

L’ambasciata degli Stati Uniti in Papua Nuova Guinea ha detto che Campbell ha discusso l’accordo di sicurezza con le vicine Fiji e Papua Nuova Guinea prima della sua visita a Honiara.

Funzionari australiani hanno affermato che la visita di Campbell probabilmente ha spinto la Cina e le Isole Salomone a dichiarare che l’accordo era un accordo definitivo.

Mentre Sugavari ha escluso di ospitare una base militare cinese, gli alleati degli Stati Uniti Australia e Nuova Zelanda hanno espresso preoccupazione per il fatto che l’accordo interromperà la sicurezza regionale, consentendo alle navi militari cinesi di rifornire le Isole Salomone.

READ  Le forze armate ucraine hanno respinto 9 attacchi russi e distrutto 21 pezzi di equipaggiamento russo il 21 maggio

I dettagli completi non sono stati divulgati, ma l’accordo consentirà alla polizia cinese di proteggere i progetti infrastrutturali finanziati dalla Cina dopo che il paese è stato scosso da rivolte lo scorso anno in cui quattro persone sono state uccise.

Venerdì, Sugavari si è unito all’ambasciatore cinese, Li Ming, nella consegna di uno stadio di atletica donato dalla Cina, uno degli impianti sportivi da 120 milioni di dollari che la Cina ha pagato per aiutare le Isole Salomone a ospitare i Giochi del Pacifico del 2023.

Le Isole Salomone hanno cambiato le relazioni diplomatiche da Taiwan a Pechino nel 2019 e Sogavari ha affermato in un discorso alla cerimonia che la decisione “mette il Paese dalla parte giusta della storia”.

Lee ha difeso l’accordo di sicurezza.

“Sviluppo e sicurezza sono due facce della stessa medaglia. Senza sicurezza e sicurezza, i paesi non possono godere dello sviluppo sostenibile e della crescita economica. Lo hanno dimostrato le rivolte dell’anno scorso”, ha affermato in un discorso.

Per l’Australia, il patto di sicurezza aumenta la possibilità di una presenza militare cinese a meno di 2.000 chilometri (1.200 miglia) dalle sue coste. Leggi di più

La Nuova Zelanda e Tonga hanno detto che solleveranno la questione alla prossima riunione dei leader del Forum delle Isole del Pacifico, mentre il Giappone prevede di inviare il suo vice ministro degli Esteri alle Isole Salomone questo mese, secondo Kyodo News.

Gli esperti hanno affermato che gli Stati Uniti avrebbero poche opzioni interessanti per rispondere a qualsiasi mossa cinese verso l’istituzione di una presenza militare permanente nelle Isole Salomone.

“Potresti tagliare gli aiuti, il che spingerebbe le Isole Salomone in un abbraccio più cinese”, ha affermato Din Cheng, un esperto cinese presso la conservatrice Heritage Foundation di Washington.

READ  La Russia ha abbattuto Internet via satellite in Ucraina e funzionari occidentali

Derek Grossman, un analista senior della difesa che si concentra sulla regione indo-pacifica per RAND Corporation, ha affermato che gli Stati Uniti potrebbero anche accelerare le opportunità di stabilire basi nell’Australia nord-orientale per monitorare le forze cinesi o condurre più pattugliamenti navali nella regione.

“Ciò non significa che nessuna di queste opzioni funzionerà”, ha detto Grossman. “Probabilmente non funzionerà”. “Penso che gli Stati Uniti e l’Australia siano stati molto in ritardo qui e la Cina ha segnato il suo primo punto d’appoggio nella sicurezza in Oceania”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Kirsty Needham a Sydney, David Bronstrom, Michael Martina e Chris Gallagher a Washington; Montaggio di William Mallard, Robert Percell e Jonathan Otis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply