Liz Cheney nega la discussione di Kevin McCarthy sulle dimissioni di Trump dopo il 6 gennaio

Il rappresentante Liz Cheney ha rifiutato di registrarsi venerdì o Audio trapelato dalla telefonata Ciò sembra indicare che il leader della minoranza alla Camera Kevin McCarthy stia esortando l’allora presidente Donald Trump a dimettersi dopo le rivolte del Campidoglio del 6 gennaio.

Un estratto di quella chiamata, datata 10 gennaio 2021, è andato in onda giovedì sera su “The Rachel Meadow Show” di MSNBC. Poche ore fa, McCarthy Negato dicendo Trump si dimetterà.

Nella clip audio, i repubblicani della California possono essere sentiti dire a Cheney, R-Vio, che sarà licenziato dalla Trump House e che crede di essere colpevole al Senato dopo le rivolte del 6 gennaio.

“L’unica discussione che ho con lui è che penso che passerà. Il mio suggerimento è di dimettersi”, ha detto McCarthy.

Venerdì scorso, le testate giornalistiche hanno mandato in onda il clip audio da solista di McCarthy dall’11 gennaio 2021. In esso, McCarthy ha detto ai massimi repubblicani della Camera che Trump aveva accettato alcune responsabilità per le rivolte del Campidoglio.

“Quello che ha fatto è stato inaccettabile. Nessuno può difenderlo, nessuno dovrebbe difenderlo”, ha detto McCarthy in un recente post.

I commenti arrivano pochi giorni dopo che una folla di sostenitori di Trump, provocata dalle false affermazioni dell’allora presidente secondo cui la frode diffusa nelle elezioni del 2020 gli avrebbe causato perdite, è entrata in Campidoglio e ha destabilizzato i legislatori che hanno confermato la vittoria del presidente Joe Biden.

Una portavoce di Cheney, uno dei due repubblicani del comitato ristretto della Camera che indaga sui disordini del Campidoglio, ha dichiarato venerdì mattina che la donna del Congresso “non aveva registrato o fatto trapelare il nastro e non sapeva come l’hanno ottenuto i giornalisti”.

“Il comitato ristretto ha chiesto a Kevin McCarthy di parlarci di questi eventi, ma finora ha rifiutato”, ha detto il portavoce.

READ  Guerra Russia-Ucraina: 13 aprile 2022

Il portavoce di McCarthy non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento della CNBC. Il portavoce non ha immediatamente spiegato la discrepanza tra le osservazioni registrate di McCarthy e la sua precedente dichiarazione, che ha negato l’appello di McCarthy alle dimissioni di Trump.

Se i repubblicani riprenderanno il controllo della Camera nelle elezioni di medio termine del 2022, gli attentati potrebbero minacciare la fiducia di McCarthy nel diventare presidente della Camera. La maggioranza dei repubblicani della Camera – che deve votare per fare di McCarthy il presidente – è fedele a Trump.

Nonostante la sua sconfitta contro Biden nelle elezioni del 2020 e la continua diffusione di teorie del complotto per rivendicare la frode razziale contro di lui, Trump rimane la figura più popolare nel GOP e il suo vero leader. Ha lasciato intendere che si candiderà di nuovo alla presidenza nel 2024.

Lo ha riferito il New York Times giovedì McCarthy e altri leader del GOP, incluso il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell, inizialmente hanno promesso di estromettere Trump dalla politica dopo le rivolte del 6 gennaio. Il giornale afferma che si sono rapidamente tirati indietro per paura di ritorsioni da parte di Trump e dei suoi sostenitori.

Secondo il Times, McCarthy ha detto a un gruppo di leader repubblicani nei giorni successivi all’attacco: “L’ho avuto con questo ragazzo. Sulla base dei dettagli del libro.

McCarthy si è anche chiesto ad alta voce se le società tecnologiche potessero sospendere gli account sui social media di alcuni legislatori repubblicani in una chiamata con i migliori repubblicani – la stessa chiamata che è arrivata in uno dei clip audio, ha riferito il Times.

READ  Il libro di Saints Rookie QB Ian mira a catturare "un'incredibile opportunità" contro i delfini

“Non possono prendere anche i loro account Twitter?” Si dice che abbia chiesto.

McCarthy ha rilasciato una dichiarazione giovedì, definendo il Times notizie “completamente false e fuorvianti” su di lui. Ha accusato i “media aziendali” di perseguire un “programma liberale” e ha affermato che la presidenza di Biden ha mostrato che gli Stati Uniti “stavano meglio quando il presidente Trump era alla Casa Bianca”.

Il rapporto del Times includeva anche il portavoce di McCarthy Mark Bedner, che ha affermato che il leader del GOP “non ha mai chiesto le dimissioni di Trump”.

Ma la clip audio condivisa giovedì sera contraddice tale affermazione.

Nel post, Cheney ha menzionato il 25° emendamento, il processo costituzionale per rimuovere un presidente dall’incarico. Ha chiesto a McCarthy: “E se arrivasse lì dopo che se ne è andato? C’è una possibilità? Stai chiedendo se può dimettersi? C’è qualche motivo per pensare che potrebbe accadere?”

McCarthy ha risposto: “Ho avuto alcune discussioni. Il mio istinto dice di no. Sto seriamente pensando di avere quella conversazione con lui stasera. Non gli parlo da due giorni”.

McCarthy ha detto che era dubbio che Trump avrebbe accettato di dimettersi. Ha detto che anche se il voto finale arriverà dopo le dimissioni di Trump il 20 gennaio 2021, il tentativo di impeachment contro Trump sarà sicuramente approvato in loro e passato al Senato.

“Ma penso che quello che farò è chiamarlo”, ha detto McCarthy. “Ha una varietà di rami.”

“L’unica discussione che ho con lui è che penso che passerà. Il mio suggerimento è di dimettersi”, ha detto McCarthy. “Uhm, voglio dire che è mio, ma non credo che lo accetterà. Ma non lo so.”

READ  Cosa ci insegnerà il totale fallimento di David Burdo?

Venerdì, Martin e Burns sono apparsi sulla CNN, dove hanno condiviso un altro clip di McCarthy che parla con i leader repubblicani della Camera dopo le rivolte.

“Voglio essere molto chiaro con tutti voi. Sono molto chiaro con il presidente. Ha la responsabilità delle sue parole e azioni, in caso contrario, e o meno”, ha detto McCarthy. 11, 2021 detto nel post. Recuperato da MSNBC.

“Gli ho chiesto personalmente oggi, è responsabile di quello che è successo? È arrabbiato per quello che è successo? Mi ha detto che ha una certa responsabilità per quello che è successo. E deve ammetterlo”, ha detto McCarthy.

“So che non è divertente. So che non è eccezionale. So che è molto difficile, ma voglio fare quello che posso, specialmente qui, non voglio affrettare le cose”, ha aggiunto McCarthy.

“Mi sono divertito con questo ragazzo. Quello che ha fatto è stato inaccettabile. Nessuno può difenderlo, nessuno dovrebbe difenderlo”, ha detto.

Il portavoce di Trump non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Entro tre settimane dalle telefonate, McCarthy Trump si è recato a Mar-a-Lago Resort Home a Palm Beach, in Florida, per discutere le strategie politiche per le elezioni suppletive del 2022.

La Camera ha licenziato Trump per aver incitato a una rivolta nei suoi ultimi giorni in carica. Solo 10 repubblicani della Camera hanno votato per il licenziamento.

Il Senato ha rilasciato Trump dopo che Biden è entrato in carica. Sia McCarthy che McConnell hanno votato contro gli sforzi.

Cheney era un membro del gruppo dirigente di McCarthy al momento della chiamata. I repubblicani hanno licenziato Trump dopo che era stato estromesso l’anno scorso e lo hanno criticato per il suo ruolo nell’attacco al Campidoglio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply