Risultati chiave del rapporto di Harvard sul suo rapporto con la schiavitù

Nel 2019, il presidente di Harvard, Lawrence S. Pekov ha nominato un gruppo di docenti per indagare sul rapporto dell’università con la schiavitù e la sua eredità. I dibattiti sulla razza si stanno intensificando in tutto il paese. Gli studenti hanno chiesto che i nomi delle persone coinvolte nella tratta degli schiavi fossero rimossi dagli edifici. Altre università, in particolare Brown, hanno già effettuato scavi simili del loro passato.

A causa di ciò Rapporto di 134 pagine Più due appendici sono state rilasciate martedì 100 milioni di dollari promettonoUno dei maggiori fondi di questo tipo è la creazione di un fondo di sovvenzione per “rimediare” agli errori del passato.

Ecco alcuni dei suoi principali risultati ed estratti.

Il rapporto ha rilevato che le persone ridotte in schiavitù vivevano nella residenza del presidente nel campus di Cambridge, Massachusetts, e facevano parte del tessuto quasi invisibile della vita quotidiana.

Per più di 150 anni, dalla fondazione dell’università nel 1636 fino a quando la Corte Suprema del Massachusetts ha stabilito nel 1783 che la schiavitù era illegale, i leader di Harvard e altri leader e la sua facoltà e personale hanno ridotto in schiavitù più di 70 persone, alcune delle quali hanno lavorato nel campus. , ”Dice il rapporto. “Uomini e donne dipendenti servivano presidenti e professori di Harvard e nutrivano e si prendevano cura degli studenti di Harvard”.

Il team ha identificato almeno 41 individui chiave associati ad Harvard che hanno ridotto in schiavitù la popolazione. Includono quattro presidenti di Harvard, Ingris Mather, presidente dell’università dal 1692 al 1701, e Benjamin Wattsworth, presidente dal 1725 al 1737. Tre governatori, John Windrobe, Joseph Dudley e John Levert; William Bradt, ministro della Prima Chiesa di Cambridge; Edward Wigglesworth, Professore Divino; John Windrobe, professore di matematica e filosofia naturale; Edward Hopkins, fondatore della Hopkins Foundation; E Isaac Royal Jr., che ha finanziato la posizione di primo professore di diritto ad Harvard.

Sebbene l’immagine del New England sia associata all’abolizionismo nella cultura popolare, il rapporto afferma che i ricchi proprietari di piantagioni e Harvard sono interdipendenti per la loro ricchezza.

“Per tutto questo periodo e fino al 19° secolo, l’università ei suoi donatori hanno beneficiato di ampi legami finanziari con la schiavitù”, afferma il rapporto. “Queste relazioni finanziarie redditizie, in particolare, includono il beneficio di donatori che hanno accumulato le loro fortune attraverso la tratta degli schiavi; L’università ha anche beneficiato dei propri investimenti finanziari, compresi i prestiti ai fornitori di piantagioni e gli investimenti nella produzione di cotone”.

I primi tentativi di integrazione incontrarono una feroce opposizione da parte dei leader di Harvard, che consideravano il sud una scuola per la supremazia bianca, compresi i ricchi figli bianchi del sud.

“Negli anni che hanno preceduto la guerra civile, la linea del colore si è tenuta ad Harvard, nonostante una falsa partenza verso l’accesso nero”, afferma il rapporto. “Nel 1850, la Harvard Medical School ammise tre studenti neri, ma il preside della scuola, Oliver Wendell Holmes Sr., li espulse dopo che studenti bianchi ed ex alunni si opposero”.

I membri della facoltà di Harvard hanno svolto un ruolo nella diffusione delle false dottrine del razzismo che sono state utilizzate per giustificare la segregazione razziale e per sterminare il popolo “indesiderabile” della Germania nazista.

“Nel diciannovesimo secolo, Harvard iniziò a raccogliere campioni anatomici umani, compresi i corpi di persone ridotte in schiavitù, per mano delle principali autorità scientifiche dell’università, promuovendo quella che divenne nota come etnografia ad Harvard e altre società statunitensi”, afferma il rapporto.

READ  New Orleans Saints, la sicurezza Tyrone Matthew accetta l'accordo

I frutti amari di quell’etnografia fanno ancora oggi parte della tradizione vivente di Harvard.

Uno di quegli etnografi, Louis Agassis, naturalista e professore di Harvard, commissionò dipinti a Tagore nel tentativo di dimostrare l’inferiorità delle persone ridotte in schiavitù: Delia, Jack, Randy, Trana, Gem, Alfred e Fawcett. Il rapporto non menziona che una donna di nome Tamara Lanier abbia fatto risalire la sua discendenza a Rendik. Sfidato i diritti sui ritratti di HarvardDicendo ciò Foto di Randy E sua figlia Telia, che fu presa sotto costrizione, fu derubata del furto.

Fino agli anni ’60, l’eredità della schiavitù viveva sulla carenza di studenti neri ammessi ad Harvard.

“Nei cinque decenni tra il 1890 e il 1940, c’erano circa 160 neri all’Harvard College, o una media di tre all’anno e 30 in un decennio”, afferma il rapporto. “Nel 1960, c’erano nove studenti neri nei 1.212 nuovi studenti dell’Harvard College e quel numero rappresenta un grande miglioramento rispetto ai decenni precedenti”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply