Uno degli economisti preferiti da Biden vede una grande possibilità di una recessione nei prossimi due anni

Sempre più economisti stanno iniziando a prevedere una recessione negli Stati Uniti nei prossimi due anni Riserva federale Le mosse per frenare l’inflazione sono le più calde in un decennio, inclusa l’inflazione che l’amministrazione Biden ha ripetutamente citato.

Mark Zandi, capo economista di Moody’s – un rispettato economista che ha spesso fornito analisi favorevoli dell’agenda della Casa Bianca – ha detto durante un webinar questa settimana che crede che le probabilità di una recessione nei prossimi due anni siano di circa il 35%.

La banca alza i tassi di interesse per la prima volta in 3 anni e valuta altri 6 rialzi con l’inflazione

“Il rischio che l’economia entri in recessione a un certo punto nei prossimi 12, 18, 24 mesi è molto alto, sgradevolmente alto. E direi che sta salendo”, ha detto Zandi.

Il presidente Biden parla all’Alumni Foundation Event Center presso la North Carolina Agricultural and Technical State University di Greensboro, nella Carolina del Nord, il 14 aprile 2022. (MANDEL NGAN/AFP tramite Getty Images/Getty Images)

Questo è in linea con il file Previsioni Goldman Sachs Ciò suggerisce che il percorso di inasprimento delle politiche che la banca centrale statunitense sta per intraprendere aumenterà le probabilità di una recessione al 15% nei prossimi 12 mesi e al 35% nei prossimi 24 mesi. Gli analisti di Goldman hanno notato che 11 dei 14 cicli di inasprimento dalla seconda guerra mondiale sono stati seguiti da una recessione entro due anni, sebbene solo otto di essi possano essere in parte attribuiti alla politica della Fed.

READ  Dow futures: rialzo del mercato in difficoltà; Apple, questi giochi da 5 EV sono vicini ai punti vendita

Le analisi arrivano quando la Federal Reserve adotta un approccio più aggressivo alla lotta all’inflazione, che è al livello più alto dal dicembre 1981. I responsabili politici hanno aumentato i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale a marzo e da allora hanno indicato la possibilità di aumenti più marcati di mezzo punto. . Nei prossimi mesi, a partire da maggio.

“È opportuno che ci muoviamo un po’ più rapidamente”, ha detto il capo della Fed Girolamo Powell Lo ha detto giovedì durante una tavola rotonda alle riunioni di primavera del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale. “Penso anche che ci sia qualcosa nell’idea di caricare in avanti ovunque si ritenga opportuno. Quindi questo indica la direzione di 50 punti base sul tavolo”.

I trader stanno ora valutando una probabilità del 100% di un aumento del tasso di almeno mezzo punto quando i responsabili politici si incontreranno il 3-4 maggio. Questa sarà la prima volta dal 2000 che la banca centrale statunitense aumenterà il tasso sui fondi federali di 50 punti base.

In questa foto del file del 29 gennaio 2020, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell si ferma durante una conferenza stampa a Washington. (AP Photo/Manuel Balce Ceneta, File/AP Newsroom)

Alcuni economisti ritengono che la Fed abbia aspettato troppo a lungo per far fronte all’esplosione inflazionistica, mentre altri hanno espresso la preoccupazione che una mossa troppo rapida per stabilizzare i prezzi possa innescare una recessione. Tassi di interesse più elevati tendono a creare tassi più elevati sui prestiti ai consumatori e alle imprese, il che rallenta l’economia costringendo i datori di lavoro a ridurre la spesa.

READ  Dove Walmart, Amazon e Target spendono miliardi in un'economia in rallentamento

Powell ha contrastato le preoccupazioni che un ulteriore inasprimento da parte della banca centrale avrebbe portato a una recessione e ha mantenuto l’ottimismo sul fatto che la Fed potrebbe trovare un delicato equilibrio tra l’addomesticamento dell’inflazione senza schiacciare l’economia.

Porta la tua attività FOX in movimento facendo clic qui

Tuttavia, ha riconosciuto la difficoltà del compito da svolgere e ha affermato che è “assolutamente necessario” per i banchieri centrali ripristinare la stabilità dei prezzi.

“Il nostro obiettivo è utilizzare i nostri strumenti per risincronizzare domanda e offerta, in modo che l’inflazione torni dove è senza rallentare fino alla stagnazione”, ha affermato Powell. “Non credo che sentirai nessuno alla Fed dire che è semplice. Sarà difficile”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply