Google conferma che i documenti di ricerca trapelati sono reali

Un lotto di 2.500 documenti interni di Google trapelati pieni di dettagli sui dati raccolti dall’azienda sono autentici, ha confermato oggi la società. Finora, Google ha rifiutato di commentare i materiali.

I documenti in questione includono dettagli sui dati tracciati da Google, alcuni dei quali potrebbero essere utilizzati nel suo algoritmo di classificazione delle ricerche attentamente custodito. I documenti forniscono uno sguardo senza precedenti, anche se ancora misterioso, dietro il cofano di uno dei sistemi più importanti che plasmano il Web.

“Vorremmo mettere in guardia dal fare ipotesi imprecise sulla ricerca basate su informazioni fuori contesto, obsolete o incomplete”, ha detto il portavoce di Google Davis Thompson. il bordo In un messaggio di posta elettronica. “Condividiamo informazioni complete su come funziona la ricerca e sui tipi di fattori che i nostri sistemi valutano, lavorando anche per proteggere l’integrità dei nostri risultati dalla manipolazione.”

L’esistenza del materiale trapelato è stata chiarita per la prima volta dagli esperti di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). Rand Fishkin E Mike King, che all’inizio di questa settimana ha pubblicato analisi preliminari dei documenti e dei loro contenuti. Google non ha risposto il bordoMolteplici richieste di commento ieri sull’autenticità della fuga di notizie.

La fuga di notizie probabilmente causerà increspature in tutto il settore SEO.

I materiali trapelati indicano che Google sta raccogliendo e possibilmente utilizzando dati che secondo i rappresentanti dell’azienda non contribuiscono al posizionamento delle pagine Web nella Ricerca Google, come clic, dati utente di Chrome e altro. Migliaia di pagine di documenti fungono da archivio di informazioni per i dipendenti di Google, ma non è chiaro quali dati dettagliati vengano effettivamente utilizzati per classificare i contenuti di ricerca: le informazioni potrebbero essere obsolete, utilizzate esclusivamente per scopi di formazione o raccolte ma non utilizzate per ricerca nello specifico. I documenti inoltre non rivelano come siano stati ponderati i vari elementi della perquisizione, se non del tutto.

READ  Overwatch 2 introduce sanzioni più severe per i giocatori che abbandonano a metà partita

Tuttavia, è probabile che le informazioni rese pubbliche provochino ripercussioni nei settori SEO, marketing ed editoria. Google è solitamente molto riservato su come funziona il suo algoritmo di ricerca, ma questi documenti – insieme alla recente testimonianza in un caso antitrust portato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti – hanno fornito maggiore chiarezza sui segnali che Google considera quando si tratta di classificare i siti web.

Le scelte che Google fa nella ricerca hanno un profondo impatto su chiunque si affidi al Web per la propria attività, dai piccoli editori indipendenti ai ristoranti fino ai negozi online. A sua volta, è emersa un’industria di persone che sperano di decifrare il codice o superare in astuzia l’algoritmo, fornendo risposte a volte contrastanti. L’ambiguità di Google e la redazione delle parole non hanno aiutato, ma il flusso di documenti interni offre, almeno, un’idea di ciò che pensa l’azienda che domina il Web.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply