Guerra russo-ucraina: le forze dell’Azovstal affermano che “la resa non è un’opzione” | notizie di guerra tra Russia e Ucraina

L’impegno arriva quando il più alto funzionario del governo russo che non ha messo piede a Mariupol accoglie con favore il “ripristino della pace” nelle città “liberate”.

I combattenti ucraini rintanati nei bunker sotterranei di un’enorme acciaieria nella città sud-orientale di Mariupol hanno promesso di combattere fino alla fine mentre le forze russe hanno continuato i loro attacchi all’impianto di Azovstal.

“Continueremo a combattere finché saremo in vita per respingere gli occupanti russi”, ha detto domenica il capitano Svyatoslav Balamar, vice comandante del reggimento Azov ucraino, in una conferenza online.

“Non abbiamo molto tempo. Ha implorato la comunità internazionale di aiutare a evacuare i soldati feriti dalla fabbrica di Mariupol.

L’acciaieria Azovstal è l’ultima enclave della resistenza ucraina nella città portuale devastata e il suo destino ha assunto un valore simbolico nella battaglia più ampia dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio.

Centinaia di civili si sono rifugiati anche per settimane dagli attacchi russi all’acciaieria, ma tutti sono stati evacuati nei giorni scorsi nell’ambito di una missione umanitaria coordinata dalle Nazioni Unite e dalla Croce Rossa.

Ora rimangono solo combattenti e medici ad Azovstal.

Ma un altro ufficiale del reggimento Azov ha anche affermato che la resa “non è un’opzione”.

“Siamo tutti militari della guarnigione di Mariupol, abbiamo assistito ai crimini di guerra commessi dalla Russia e dall’esercito russo. Siamo testimoni”, ha detto Ilya Samuelenko, un ufficiale dell’intelligence.

La resa non è un’opzione perché la Russia non è interessata alle nostre vite.

Ha aggiunto che il reggimento non avrebbe rinunciato a circa 200 soldati feriti.

“Non possiamo abbandonare i nostri feriti e i nostri morti: queste persone meritano un trattamento adeguato, meritano una sepoltura degna di quel nome. Non lasceremo indietro nessuno”, ha detto.

READ  Blocco di Shanghai: i residenti chiedono il rilascio, alcuni lo ottengono

Funzionari ucraini hanno promesso di continuare gli sforzi diplomatici per evacuare i soldati, con Mikhailo Podolak, un alto consigliere del presidente ucraino, che ha affermato sui social media che Kiev “non si fermerà finché non avremo evacuato tutta la nostra gente” da Azovstal.

Khosnolin fa visita a Mariupol

Mariupol è la chiave degli sforzi di Mosca per collegare la Crimea, che la Russia ha sequestrato nel 2014, e parti delle regioni orientali di Luhansk e Donetsk che da allora sono state detenute dai separatisti sostenuti dalla Russia.

Il vice primo ministro russo Marat Khosnolin ha dichiarato su Telegram di aver visitato Mariupol domenica, la figura di governo più anziana del paese a mettere piede in città dopo settimane di bombardamenti russi.

Khosnolin, che è responsabile della costruzione e dello sviluppo urbano per il governo russo, ha detto su Telegram di aver visitato Mariupol e la città ucraina orientale di Volnovakia, tra le altre aree “liberate” dalle forze russe.

Inizia a ripristinare la vita pacifica nei territori. C’è molto lavoro da fare. E ha scritto in un post su Telegram, noi aiuteremo, in particolare… con l’assistenza umanitaria.

Khosnolin ha visitato il porto commerciale di Mariupol, che secondo lui dovrebbe essere utilizzato per portare materiali da costruzione per il restauro della città, secondo il canale televisivo Zvezda del ministero della Difesa russo.

Denis Pushilin, il capo del porto, che ha accompagnato Khosnolin, ha dichiarato su Telegram che il porto spedirà il suo primo carico dalla Repubblica popolare di Donetsk, sostenuta dalla Russia, a maggio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply