Harvard descrive i suoi problemi con la dipendenza e i suoi piani per alleviare

Appropriato per un’istituzione intellettuale, il rapporto di 134 pagine di Harvard, che include due appendici, è stato scritto da Lawrence S. Snyder, presidente dell’università. Come ha detto Pacov nell’e-mail che annunciava l’iniziativa a studenti, insegnanti e personale, è stata densa, esauriente e “scioccante”.

Dice che all’inizio le persone schiavizzate erano una parte “integrata” dell’università. Vivevano nella residenza del presidente nel campus di Cambridge, Massachusetts, e facevano parte del tessuto quasi invisibile della vita quotidiana.

“Gli uomini e le donne ridotti in schiavitù servivano presidenti e professori di Harvard e nutrivano e si prendevano cura degli studenti di Harvard”, afferma il rapporto.

Sebbene l’immagine del New England sia associata all’abolizionismo nella cultura popolare, il rapporto afferma che i ricchi proprietari di piantagioni e Harvard erano interdipendenti.

“Nel 19° secolo, l’università ei suoi donatori hanno beneficiato di ampi legami finanziari con la schiavitù”, afferma il rapporto. “Questi lucrosi rapporti finanziari, in particolare, avvantaggiano i benefattori che hanno accumulato la loro ricchezza attraverso la tratta degli schiavi;

A sua volta, il rapporto afferma che l’università ha realizzato un profitto prestando prestiti a zuccherifici, distillatori di rum e fornitori di piantagioni dei Caraibi e investendo nella produzione di cotone.

Gli sforzi iniziali per l’integrazione hanno incontrato la feroce opposizione dei leader di Harvard, che consideravano il sud una scuola per la supremazia bianca, compresi i ricchi figli bianchi del sud, spiega il rapporto.

READ  L'ambasciatore russo all'Onu Boris Bondarev si dimette per la guerra di Putin in Ucraina

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply