I colloqui di Biden con Israele evidenziano la divisione sull’Iran: aggiornamenti in tempo reale

GERUSALEMME – Potrebbe essere la prima visita del presidente Biden in Medio Oriente da quando è entrato in carica, ma non è estraneo alla politica e alla diplomazia regionale. Pochi leader possono eguagliare la sua affermazione di aver conosciuto tutti i primi ministri israeliani per mezzo secolo, a cominciare da Golda Meir nel 1973, o il suo lungo record di sostegno a Israele.

La prima visita all’estero di Biden in Egitto e Israele, quando era un giovane senatore, fu un battesimo con il fuoco. La guerra arabo-israeliana del 1973, nota anche come guerra dello Yom Kippur, scoppiò subito dopo, iniziata con attacchi a sorpresa egiziani e siriani contro Israele.

Il signor Biden è diventato un convinto sostenitore di una sostanziosa assistenza economica e militare annuale a Israele, una volta definendolo “il miglior investimento di 3 miliardi di dollari che abbiamo fatto”.

È stato anche un convinto oppositore negli anni ’70 e ’80 della vendita di armi americane avanzate all’Arabia Saudita e ad altri paesi arabi, sostenendo di mantenere il vantaggio militare qualitativo di Israele nella regione.

Nel 2007, il signor Biden Lo ha detto a uno degli intervistati Cioè,” già da bambino, dicevo, quando ero un giovane senatore, dicevo: ‘Se fossi un ebreo, sarei un sionista. “Sono un sionista. Non devi essere un ebreo per essere un sionista”.

Ma anche i rapporti di Biden con i primi ministri israeliani sono stati tesi. Nel 1982 ha partecipato scambio amaro Con Menachem Begin a Capitol Hill sulla costruzione di insediamenti israeliani nella Cisgiordania occupata. Il signor Begin, un sostenitore di una Grande Israele che si estende oltre gli stretti confini precedenti al 1967 fino ai territori conquistati dalla Giordania e dall’Egitto, ha descritto le discussioni come “in diretta”.

READ  Blocco di Shanghai: i residenti chiedono il rilascio, alcuni lo ottengono

Mentre partecipava al funerale di Ariel Sharon nel 2014, Biden ha descritto l’ex primo ministro – che ha sostenuto la costruzione di insediamenti e il ritiro unilaterale di Israele dalla Striscia di Gaza nel 2005 – come un “uomo complesso” che “ha vissuto anche tempi complicati in un quartiere complesso”.

In qualità di vicepresidente durante l’amministrazione Obama, Biden ha attraversato alcuni duri episodi con Benjamin Netanyahu, un conservatore che è stato in carica ininterrottamente dal 2009 al 2021. Quando il signor Biden era in Israele nel 2010, in parte per premere per una ripresa durante i colloqui di pace palestinesi , ha convenuto che il ministero dell’Interno israeliano sta costruendo 1.600 nuove unità abitative per ebrei a Ramat Shlomo nella Gerusalemme est annessa a Israele, un’area ancora considerata territorio occupato dalla maggior parte del mondo. Un congelamento temporaneo e parziale degli insediamenti a Gerusalemme non è stato attuato in quel momento.

Washington ha preso l’annuncio come uno schiaffo in faccia e Biden ha condannato la mossa come “esattamente il tipo di mossa che mina la fiducia di cui abbiamo bisogno in questo momento”. Da allora Ramat Shlomo è cresciuto in modo esponenziale.

Sempre in Israele come vicepresidente nel 2016, Biden ha criticato aspramente il fallimento dell’Autorità palestinese sostenuta dall’Occidente nel condannare una serie di attacchi sanguinosi. Un aggressore palestinese ha accoltellato uno studente laureato e veterano americano lungo il lungomare vicino a Tel Aviv, a circa un miglio da dove Biden stava incontrando l’ex primo ministro israeliano, Shimon Peres.

Dopo che la leadership palestinese ha interrotto la maggior parte dei legami con Washington sotto l’amministrazione Trump, che ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e ha trasferito lì l’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv, Biden ha riconnesso e ripristinato gli aiuti tagliati dal suo predecessore.

READ  Corsa alla leadership conservatrice: chi potrebbe sostituire Boris Johnson come primo ministro del Regno Unito?

Ma l’amministrazione Biden non ha annullato molte delle politiche dell’era Trump che hanno influenzato le aspirazioni palestinesi alla statualità e ha cercato di abbassare le aspettative di un’imminente ripresa dei colloqui di pace israelo-palestinesi.

Secondo gli esperti, il colpo di grazia tra Netanyahu e il presidente Donald J. Trump ha anche danneggiato il sostegno bipartisan a Israele a Washington, che il Paese considera da tempo una risorsa strategica.

Biden ha impiegato quasi un mese dopo la sua inaugurazione nel gennaio 2021 per fare la tradizionale chiamata di cortesia al signor Netanyahu, in ciò che molti analisti consideravano disprezzo, anche se la Casa Bianca ha negato che tutto ciò fosse intenzionale.

Mira Novick E il Heba Yazbek Contribuisci alla ricerca.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply