I legislatori vogliono inviare consiglieri militari statunitensi in Ucraina

il nuovoOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Kiev, Ucraina–Amministrazione Biden I membri di una delegazione bipartisan del Congresso in visita a Kiev sabato hanno affermato che il Pentagono dovrebbe essere autorizzato a schierare consiglieri militari statunitensi in Ucraina per aiutare a coordinare miliardi di dollari in armi che fluiscono nel paese e mantenere un migliore controllo degli armamenti.

“Penso che dovremmo fare di più” Rep. Michael Waltz, R-Fla.il primo cappello verde eletto al Congresso, ha detto a Fox News dopo l’incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Tuttavia, ha continuato Waltz, “Deve venire con adeguate salvaguardie, con un’adeguata supervisione, e l’unico modo per ottenere tale supervisione è avere effettivamente alcuni consiglieri in Ucraina per aiutare i loro militari con la pianificazione e la logistica”.

In questa foto fornita dall’Ufficio stampa presidenziale ucraino, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, a sinistra, ascolta un rapporto militare vicino alla prima linea nella regione di Donetsk, in Ucraina, domenica 5 giugno 2022.
(Ufficio stampa presidenziale ucraino tramite AP, file)

Alla domanda se questo include l’invio Personale dell’esercito americano Per l’Ucraina, Waltz ha detto che potrebbe esserlo.

Potrebbe essere contratto, potrebbe essere civile, ma potrebbe anche essere militare”, ha detto Waltz. I consulenti che gestiscono la logistica e i trasferimenti di armi sono attualmente dislocati in Germania e Polonia.

Anche il rappresentante Mickey Sherrill (DNJ) si è recato in Ucraina sabato come parte della delegazione. Ha anche segnalato il suo sostegno a una più ampia presenza americana sul terreno.

READ  I titoli dell'Asia-Pacifico salgono prima dei dati economici chiave di questa settimana

“Sarebbe bello avere un addetto alla logistica qui per assicurarsi di capire e tracciare le armi che stiamo inviando”, ha detto Cheryl a Fox News.

Gli Stati Uniti dovrebbero cercare di esplorare aspetti del cyberspazio internazionale con Cina e Russia: esperti

Entrambi i legislatori hanno affermato che i consulenti aiuterebbero a rafforzare la presenza presso l’ambasciata statunitense a Kiev e ad aiutare in altre aree.

“Penso che nessuno stia difendendo nulla [American] L’esercito è in prima linea, ma in questo momento è molto importante assistere con la logistica, pianificare quelle operazioni e integrare l’intelligence”, ha affermato Waltz.

Cheryl ha dichiarato: “Gli ucraini stanno facendo un ottimo lavoro, ma hanno detto che vorrebbero trasmettere informazioni su come vengono rintracciati [weapons] Ma hanno bisogno di qualcuno a cui trasmetterlo”.

Richiesto anche il valzer L’Europa “si fa avanti” E contribuire con più armi e aiuti per aiutare l’Ucraina. Secondo il New York Times, gli Stati Uniti hanno stanziato all’Ucraina una somma di denaro tre volte superiore a quella dei 27 paesi dell’Unione europea messi insieme.

Waltz ha notato i contributi della Gran Bretagna allo sforzo bellico inviando miliardi di armi. Il governo britannico è stato uno dei pochi paesi della NATO a chiedere la completa sconfitta della Russia in Ucraina, anche chiedendo il ripristino dei suoi territori occupati in Crimea e nell’Ucraina orientale.

Il Segretario di Stato Anthony Blinken parla, mercoledì 1 giugno 2022, durante una conferenza stampa con il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, presso il Dipartimento di Stato di Washington.

Il Segretario di Stato Anthony Blinken parla, mercoledì 1 giugno 2022, durante una conferenza stampa con il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, presso il Dipartimento di Stato di Washington.
(Foto AP/Jacquelyn Martin)

Waltz ha detto che l’amministrazione Biden non dovrebbe solo “aiutare l’Ucraina a giocare per qualche tempo, ma aiutarla a vincere”. “Almeno, quello di cui abbiamo parlato oggi è riportarli alla serie di vittorie consecutive del 2014”.

READ  Papa Francesco: il viaggio in Canada ha mostrato che potrebbe aver bisogno di andare in pensione | Papa Francesco

Alla domanda se le regole di ingaggio esistenti che vietano le armi fornite dagli Stati Uniti per colpire obiettivi all’interno del territorio russo debbano essere revocate, Waltz ha affermato che ci sono molti obiettivi all’interno dell’Ucraina che dovrebbero essere prima distrutti.

Guerra russo-ucraina: la Casa Bianca aiuta ancora a “facilitare” la protezione di Zelensky

Sabato, la Russia ha lanciato un attacco missilistico a Odessa, il porto più grande dell’Ucraina, meno di 24 ore dopo che i due paesi hanno firmato separatamente venerdì un accordo mediato dalle Nazioni Unite in Turchia, consentendo a entrambi i paesi di esportare grano.

“Questo è fondamentale per l’approvvigionamento alimentare globale e per il fatto che dopo un solo giorno di questi negoziati, la Russia farà in malafede ciò che ha appena deciso di non fare”, ha affermato Cheryl. “Il giorno successivo è stato davvero scioccante e, francamente, molto triste”.

Il segretario di Stato Anthony Blinken Ha anche condannato lo sciopero in una dichiarazione di sabato: “La Russia ha violato i suoi obblighi di attaccare il porto storico da cui trasporterà nuovamente grano e esportazioni agricole in base a questo accordo”.

Le forze russe hanno ampliato i loro attacchi missilistici negli ultimi giorni per includere città in tutta l’Ucraina, uccidendo dozzine, compresi bambini.

Venerdì scorso l’amministrazione Biden ha annunciato che avrebbe inviato quattro lanciamissili a guida satellitare, noti come HIMARS, in Ucraina, portando il totale a 16. Gli esperti affermano che l’Ucraina ha bisogno di almeno 60. Il ministro della Difesa ucraino dice che ne servono 100.

Nell’ultimo pacchetto di armi all’Ucraina sono stati inclusi anche centinaia di droni e 36.000 colpi di artiglieria. Un combattente americano in prima linea nell’Ucraina orientale, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto a Fox News ucraino che i droni ucraini vengono abbattuti dai russi ogni “quattro o cinque” missioni.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

L’Ucraina ha armi sufficienti per impedirle di perdere, ma non abbastanza per sconfiggere una Russia che continua a ottenere guadagni crescenti nella regione orientale del Donbass, ammettono alcuni funzionari statunitensi.

Alla domanda questa settimana se la regione ucraina del Donbass fosse andata perduta, il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, ha detto ai giornalisti che la regione non era “ancora persa”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply