I prezzi del petrolio sono scesi per il secondo giorno a causa dei timori per un previsto rallentamento

In questo grafico per il 24 luglio 2022, i modelli del barile di petrolio sono visti di fronte a un grafico azionario in aumento. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

26 settembre (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi per il secondo giorno lunedì con l’aumento dei tassi di interesse globali, il previsto rallentamento globale ha frenato la domanda di carburante e frenato la capacità dei consumatori non in dollari di acquistare greggio.

Il greggio Brent per il regolamento di novembre è sceso di $ 1,35, o dell’1,57%, a $ 84,80 al barile entro le 0640 GMT. Il contratto è sceso a $ 84,51, il minimo dal 14 gennaio.

I future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) con consegna a novembre sono scesi di $ 1,15, o dell’1,46%, a $ 77,59. Il WTI è sceso a 77,21$, il minimo dal 6 gennaio.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Entrambi i contratti sono scesi di circa il 5% venerdì.

L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde rispetto a un paniere di valute principali, lunedì ha raggiunto il massimo da 20 anni.

Un biglietto verde forte tende a ridurre la domanda di petrolio denominato in dollari perché gli acquirenti che utilizzano altre valute devono spendere di più per acquistare greggio.

Le banche centrali di innumerevoli paesi consumatori di petrolio, tra cui il più grande utilizzatore mondiale di greggio, gli Stati Uniti, hanno alzato i tassi di interesse per combattere l’aumento dell’inflazione.

“Lo sfondo dell’inasprimento della politica monetaria globale da parte delle principali banche centrali per frenare l’inflazione elevata e una spettacolare corsa al biglietto verde in più di due decenni ha sollevato preoccupazioni per un rallentamento economico e sta agendo come un ostacolo chiave per i prezzi del petrolio greggio”, ha affermato Sukanda Sachdeva, vicepresidente della ricerca sulle materie prime di Relicare Broking.

READ  La star della WNBA Brittney Griner incontra i funzionari dell'ambasciata americana in Russia

Sachdeva si aspetta che i prezzi del WTI trovino un minimo a 75 dollari al barile, mentre 80 dollari per il Brent fungeranno da cuscinetto.

Le interruzioni del mercato petrolifero dovute alla guerra Russia-Ucraina hanno fornito un certo supporto ai prezzi poiché le sanzioni dell’Unione Europea sul greggio russo iniziano a dicembre.

Russell Hardy, amministratore delegato del commerciante di energia Vitol, ha affermato che le esportazioni di carburante che dovrebbero fluire dai prodotti petroliferi russi verso l’Asia e il Medio Oriente sarebbero interessate.

Inoltre, Hardy ha dichiarato in una conferenza sul petrolio a Singapore che si prevede che un milione di barili al giorno (bpd) di greggio statunitense andrà in Europa per colmare il divario nelle forniture russe. leggi di più

Il capo della compagnia energetica statale colombiana Ecopetrol ha dichiarato nella stessa conferenza che avrebbe venduto più petrolio all’Europa invece delle forniture russe, vedendo una crescente concorrenza per la quota di mercato in Asia. leggi di più

L’attenzione si è spostata su ciò che l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) ei suoi alleati, noti come OPEC+, guidati dalla Russia, potrebbero fare quando si incontreranno il 5 ottobre dopo aver accettato di tagliare modestamente la produzione nel loro ultimo incontro.

Ma con l’OPEC+ che produce al di sotto della sua produzione target, qualsiasi taglio annunciato non avrà un grande impatto sull’offerta.

I dati della scorsa settimana hanno mostrato che l’OPEC+ ha mancato il suo obiettivo di 3,58 milioni di barili al giorno ad agosto, un calo maggiore rispetto a luglio. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

READ  Tesla interrompe la produzione alla Gigafactory di Berlino per aggiornare e trasformare la fabbrica

Mohi Narayan a Nuova Delhi, Sonali Paul a Melbourne; Montaggio di Ana Nicolaci da Costa e Christian Schmollinger

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply