I repubblicani mettono in guardia Biden e i Democratici dal modificare le regole del Senato per approvare le leggi sui diritti di voto

Martedì i repubblicani hanno lanciato un severo avvertimento al presidente Joe Biden e ai Democratici del Senato: cambia le regole del Senato a tuo rischio e pericolo.

Il signor Biden martedì Il Senato ha approvato le modifiche a Philippister, La regola richiede 60 voti per approvare la legge, quindi è necessaria una maggioranza semplice dei voti per approvare due leggi sul suffragio che danno la preferenza ai Democratici Nazionali.

“Sostengo la necessità di cambiare le regole del Senato per proteggere la nostra democrazia e impedire ai senatori di minoranza di agire sui loro diritti di voto”, ha affermato. disse Biden.

Signor in Georgia. Prima della visita di Biden, il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell ha accusato il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer di “aver violato la sua parola e aver cercato di mettere a tacere il Senato e le voci di milioni di cittadini. Il partito può vincere le elezioni del nostro paese dall’alto”.

McConnell ha anche lanciato un severo avvertimento ai Democratici se continuano a premere per un cambiamento delle regole.

“Se il mio collega cerca di rompere il Senato per mettere a tacere quei milioni di americani, faremo sentire le loro voci in questa stanza nel modo più difficile per la maggioranza e per questa Casa Bianca, più di quanto chiunque abbia mai visto a memoria d’uomo”. ha detto McConnell. Martedì sul sito del Senato.

Martedì i repubblicani del Senato hanno sostenuto che un cambiamento nelle regole del Senato cambierebbe radicalmente la società.

La senatrice repubblicana del West Virginia Shelley Moore Capito ha dichiarato: “Questo è più di un semplice problema”. [from] Dai repubblicani ai democratici, stiamo muovendo la nave nella giusta direzione e lavorando insieme allo stesso tempo”.

READ  NYT: è stato raggiunto un accordo per eliminare la razza come fattore nelle soluzioni per la commozione cerebrale NFL

Il senatore della Florida Rick Scott, che ricopre il ruolo di capo della divisione della campagna repubblicana del Senato, ha affermato di essere interessato a costringere gli attuali democratici a votare su questioni come l’immigrazione, il finanziamento delle forze dell’ordine, l’uscita dall’Afghanistan e l’istruzione.

“Penso che ci saranno alcuni democratici che vorranno stare dalla nostra parte”, ha detto Scott martedì, riferendosi ai voti che i repubblicani potrebbero imporre se Phillipuster venisse rimosso.

Schumer ha detto martedì che il Senato agirà presto [Wednesday]Ha avvertito che il Senato prenderebbe in considerazione “passi necessari” per agire se i repubblicani continuano a bloccare i progetti di riforma elettorale, tra cui il Voting Rights Act e il Freedom of Voting Act e il John Lewis Advancement on Voting Rights Act. Non è chiaro che tipo di regole saranno votate per le modifiche.

“Se i repubblicani continuano a violare le regole del Senato per impedire il diritto di voto e continuano a disabilitare questa camera, dobbiamo considerare i passi necessari che possiamo intraprendere per combattere la grande bugia. Il Senato può cambiare e agire”, ha aggiunto Schumer.

Ma è difficile vedere come un leader della maggioranza possa portare avanti le azioni. Ogni democratico deve votare per cambiare le regole del Senato Philippster, due dei quali, i senatori Joe Munchin del West Virginia e Kirsten Cinema dell’Arizona, hanno ripetutamente dichiarato opposizione ai grandi cambiamenti del regime.

“Abbiamo bisogno di alcune buone modifiche alle regole per migliorare lo spazio, ma rimuovere il Philippester non lo rende migliore”, ha detto Mancin martedì.

Quando gli è stato chiesto perché intende votare quando tutti e 50 i democratici non sono uniti dietro un piano, ha risposto: “In primo luogo, stiamo ancora lavorando per farlo, e mentre parliamo, stiamo discutendo seriamente con entrambi i senatori. Questo è il numero uno , numero due, è molto importante.

READ  Liz Cheney nega la discussione di Kevin McCarthy sulle dimissioni di Trump dopo il 6 gennaio

La Georgia ha una lunga storia di suffragio ed è diventata un focolaio di disordini politici negli ultimi anni.

Sig. Biden ha ottenuto una vittoria di misura nello stato Nel 2020, i primi Democratici a farlo dal 1992. Vittorie di due candidati democratici al Senato degli Stati Uniti Nel gennaio 2021 il Senato ha dato il controllo ai Democratici. L’anno scorso, legislatori della Georgia Leggi elettorali statali modificate. Dipartimento di Giustizia Uno dei querelanti che ha intentato una causa contro la nuova legge della Georgia.

I repubblicani in Georgia hanno difeso con forza la sua legge elettorale.

“Abbiamo difeso il voto, ripristinato la fiducia nelle nostre elezioni e facilitato il voto, ed è diventato più difficile imbrogliare”, ha affermato Brian Kemp, governatore della Repubblica di Georgia.

La Georgia è uno degli almeno 19 stati che hanno approvato progetti di legge che limitano l’accesso degli elettori entro il 2021, secondo il Brennan Center for Justice. Decine di progetti di legge simili sono stati portati alle sessioni legislative del 2022 O archiviato prima di quelle sessioni.

Sig. Biden e Democratici hanno sostenuto che le leggi aumentano l’urgenza di stabilire standard federali per il voto anticipato, il voto per corrispondenza e l’ID elettore.

“L’ex presidente sconfitto e i suoi sostenitori stanno usando la grande bugia sulle elezioni del 2020 per incitare a leggi contro la tortura e il suffragio”, ha detto. Biden ha detto nel suo discorso.

I repubblicani hanno respinto questi sforzi.

“(I democratici) stanno cercando di prendere più potere per se stessi e di federalizzare le elezioni”, ha detto martedì ai giornalisti il ​​leader dell’RNC Rona McDonnell.

READ  Il telescopio James Webb della NASA sta per essere lanciato

Signor in Georgia. Il viaggio di Biden non è stato celebrato in tutto il mondo dagli attivisti per i diritti di voto nello stato. Alcuni gruppi hanno detto che era ora di parlare e hanno deciso di non partecipare I democratici devono agire piuttosto che parlare.

Il presidente della NAACP Derrick Johnson ha dichiarato in una dichiarazione che “gli Stati Uniti non saranno riconosciuti presto a meno che il presidente Biden non utilizzi lo stesso livello di urgenza attorno al PPP e al diritto di votare per le infrastrutture”. “Quando il presidente Biden ha pronunciato un discorso sensazionale oggi, è giunto il momento che questa amministrazione mettesse in pratica le proprie parole e che il Congresso facesse il proprio lavoro. Il voto non dovrebbe essere semplicemente una priorità, dovrebbe essere una priorità”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply