Il Gruppo dei Sette continuerà la pressione economica sulla Russia e affronterà la guerra del grano

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock, il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian, il ministro degli Esteri britannico Elisabeth Truss, il ministro degli Esteri canadese Melanie Jolie, l’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri Josep Borrell, il sottosegretario di Stato americano agli affari politici Victoria Nuland e il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio partecipa alla sessione di lavoro del ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi al vertice dei ministri degli Esteri del G7 a Weissenhauser Strand, Germania, 13 maggio 2022. Kay Nietfeld / Pool via REUTERS

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Il G7 continuerà a rifornire di armi “fino a quando sarà necessario”
  • G7 per accelerare gli sforzi per porre fine alla dipendenza dall’energia russa
  • La Germania dice al G7 di trovare soluzioni per prevenire la carenza di cibo
  • L’UE dice che nessuna indicazione che Putin voglia porre fine alla guerra

WESENHAUS, Germania, 14 maggio (Reuters) – Il gruppo dei sette ministri degli Esteri si è impegnato sabato a rafforzare l’isolamento economico e politico della Russia, continuare a fornire armi all’Ucraina e affrontare quella che il ministro degli Esteri tedesco ha definito la “Guerra del grano” di Mosca.

Dopo un incontro nella località baltica di Weissenhaus, alti diplomatici provenienti da Gran Bretagna, Canada, Germania, Francia, Italia, Giappone, Stati Uniti e Unione Europea si sono impegnati a continuare la loro assistenza militare e di difesa “il più a lungo possibile”.

Una dichiarazione congiunta ha affermato che avrebbero affrontato anche quella che hanno definito disinformazione russa volta a ritenere l’Occidente responsabile dei problemi di approvvigionamento alimentare in tutto il mondo a causa delle sanzioni economiche imposte a Mosca e ha esortato la Cina a non aiutare Mosca o giustificare la guerra russa.

“Abbiamo fatto abbastanza per mitigare le conseguenze di questa guerra? Non è la nostra guerra. È la guerra del presidente della Russia, ma abbiamo una responsabilità globale”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro degli Esteri tedesco Annallina Barbock.

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev, stretto alleato di Vladimir Putin, ha rifiutato l’incontro, in particolare l’insistenza del gruppo nel riconoscere l’integrità dei confini dell’Ucraina riconosciuti a livello internazionale.

“Diciamolo con moderazione: il nostro Paese non ha assolutamente alcun interesse che il G7 non riconosca i nuovi confini. Quello che conta è la reale volontà delle persone che ci vivono”, ha detto in un post online. Le forze russe controllano gran parte dell’Ucraina orientale.

La chiave per esercitare maggiore pressione sulla Russia è vietare o eliminare gradualmente gli acquisti di petrolio russo con gli Stati membri dell’UE previsti la prossima settimana per raggiungere un accordo sulla questione, anche se a questo punto l’Ungheria rimane contraria.

I ministri hanno affermato che aggiungeranno ulteriori sanzioni alle élite russe, compresi gli attori economici, le istituzioni del governo centrale e l’esercito, il che consentirebbe a Putin di “guidare la sua guerra preferita”.

L’incontro, a cui hanno partecipato i ministri degli Esteri di Ucraina e Moldova, ha anche messo in luce le preoccupazioni per la sicurezza alimentare e i timori che la guerra possa estendersi al suo vicino più piccolo, la Moldova.

“Le persone moriranno in Africa e in Medio Oriente e ci troviamo di fronte a una domanda urgente: come si possono nutrire le persone in tutto il mondo? La gente si chiede cosa accadrebbe se non avessimo il grano a cui siamo abituati dalla Russia e Ucraina.”

READ  Biden annuncia un nuovo programma per i rifugiati ucraini di entrare negli Stati Uniti per motivi umanitari

Ha aggiunto che il Gruppo dei Sette lavorerà per trovare soluzioni logistiche per far uscire beni vitali dai magazzini ucraini prima della prossima stagione del raccolto.

L’attenzione ora si rivolge a Berlino mentre i ministri si incontrano sabato più tardi mentre Svezia e Finlandia si preparano a presentare domanda per l’adesione all’alleanza transatlantica, provocando minacce di ritorsioni da Mosca e obiezioni da parte della Turchia, membro della NATO. Leggi di più

“È importante che abbiamo consenso”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro degli Esteri canadese Melanie Jolie.

Putin descrive l’invasione come una “operazione militare speciale” per disarmare l’Ucraina e liberarla dal nazionalismo antirusso alimentato dall’Occidente. L’Ucraina ei suoi alleati affermano che la Russia ha lanciato una guerra senza provocazioni.

“Più o meno”, ha detto ai giornalisti il ​​capo della politica estera dell’UE Josep Borrell. L’unica cosa che manca è la pressione per un impegno diplomatico per un cessate il fuoco. È scomparso perché Vladimir Putin ha detto a tutti che non vuole fermare la guerra.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di David Leungren a Ottawa; scrittura di John Irish; Montaggio di Mike Harrison e Daniel Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply