Il petrolio crolla del 3% a causa dei tagli alla produzione dell’OPEC mentre sorgono preoccupazioni sulla domanda

Lunedì i prezzi del petrolio sono scesi fino al 3,5% dopo che l’OPEC+ ha deciso di iniziare ad allentare alcuni tagli volontari prima del previsto, sollevando preoccupazioni sulla domanda in vista del 2025.

I futures del greggio West Texas Intermediate (CL=F) si sono attestati a 74,27 dollari al barile, mentre il greggio Brent (BZ=F), il punto di riferimento internazionale, ha chiuso a 78,36 dollari al barile. I futures sul petrolio sono scesi di quasi il 13% rispetto al picco di aprile.

La svendita di lunedì “è stata esacerbata dalla pressione tecnica e dall’interesse limitato all’acquisto durante il calo poiché la domanda era un po’ debole”, ha detto a Yahoo Finance Rebecca Babin, trader senior statunitense di energia presso CIBC Private Wealth.

Durante il fine settimana, la coalizione petrolifera guidata dall’Arabia Saudita ha esteso i tagli attuali di 3,6 milioni di barili al giorno fino alla fine del prossimo anno, ma ulteriori tagli di 2,2 milioni di barili al giorno inizieranno ad allentarsi nei prossimi 12 mesi, a partire dal prossimo ottobre. . .

“Salvo una sostanziale sorpresa al rialzo della domanda, revocare i tagli precedenti dopo il prossimo settembre potrebbe essere prematuro”, ha detto lunedì in una nota Peter McNally, capo analista globale di Third Bridge.

Gli analisti di JP Morgan hanno considerato questa mossa come “neutrale rispetto al mercato” per le azioni e i prezzi del petrolio nel 2024, nonostante l’aspettativa che la domanda rallenterà il prossimo anno.

“Abbiamo affermato che il gruppo dovrebbe rinunciare ad alcuni tagli volontari nel 2024 in un momento in cui la domanda lo consentirà (a scapito di prezzi leggermente più bassi)”, ha scritto Natasha Caneva, capo del team di strategia globale sulle materie prime di JPMorgan.

READ  Amazon utilizza biciclette da carico elettriche tipo pick-up per consegnare merci nel Regno Unito

“Altrimenti…l’enorme capacità inutilizzata effettiva dell’OPEC – un massimo storico di 4,1 milioni di barili al giorno in un momento di domanda record – renderà più difficile assorbire ulteriori tagli diffusi all’offerta quando saranno probabilmente necessari nella seconda metà del 2017. .” 2025.”

La tendenza al ribasso del petrolio greggio ha anche contribuito a mitigare i prezzi della benzina nelle ultime settimane.

Lunedì, la media nazionale della benzina è stata di 3,53 dollari al gallone, in calo di 0,06 dollari rispetto alla settimana scorsa, il calo settimanale più grande del 2024, secondo Dati AAA.

“Stiamo assistendo a un calo significativo dei prezzi all’ingrosso della benzina e le chiacchiere sui cocktail party si concentreranno probabilmente sui numeri al dettaglio inferiori”, ha detto a Yahoo Finance la scorsa settimana Tom Kloza, responsabile globale dell’analisi energetica presso OPIS.

Ince Ferry è il principale corrispondente commerciale di Yahoo Finance. Seguitela su X in @ines_ferre.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply