Il ritiro russo lascia dietro di sé morti civili in una città vicino a Kiev

BUSHA, Ucraina (Reuters) – I civili morti sono ancora disseminati per le strade della città ucraina di Bucha sabato, tre giorni dopo che l’esercito invasore russo si è ritirato dalla sua fallita avanzata su Kiev a sud-est.

L’odore degli esplosivi era ancora sospeso nell’aria fresca e umida, mescolato al fetore della morte.

Il sessantaseienne Vasily, di cui non è stato dato il nome, guardò i resti scomposti di più di una dozzina di civili sparsi lungo la strada davanti alla sua casa, il viso distorto dalla tristezza.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I residenti hanno detto di essere stati uccisi dalle forze russe entro un mese dall’occupazione.

Alla sinistra di Vasily, un uomo giaceva su una sporgenza erbosa accanto alla sua bicicletta, il viso pallido e gli occhi infossati. Un altro giaceva in mezzo alla strada, a pochi metri dalla sua porta. Vasily ha detto che è il padrino di suo figlio, un amico per la vita.

I morti Bucha che non furono sepolti non indossavano alcun abbigliamento ufficiale. Erano civili con le biciclette, le mani cenciose che tenevano ancora le borse della spesa. A quanto pare alcuni sono morti per giorni, se non settimane.

Per lo più, erano completi e non era chiaro se fossero stati uccisi da schegge, esplosioni o proiettili, ma uno di loro aveva perso la parte superiore della testa.

“Bastardi!” disse Vasily, piangendo rabbiosamente, con uno spesso soprabito e un cappello di lana. “Mi dispiace. Il carro armato dietro di me stava sparando. Cani!”

“Siamo stati seduti nel seminterrato per due settimane. C’era cibo ma niente luce e niente riscaldamento per scaldarci”. Mettiamo l’acqua sulle candele per scaldarla… Dormiamo con scarpe di feltro”.

READ  La Corea del Nord segnala il primo focolaio di COVID-19, ordina il blocco in "emergenza più grave"

tomba aperta

Funzionari locali hanno permesso ai giornalisti della Reuters di entrare nell’area e un poliziotto si è fatto strada attraverso le strade sorvegliate dai carri armati ucraini fino alla strada dove giacevano i corpi.

Non è chiaro perché non siano stati ancora sepolti.

Più di 300 cittadini sono stati uccisi, ha detto il sindaco Anatoly Fedoruk, una fossa comune in una delle sale della chiesa rimane aperta, mani e piedi ricoperti di fango rosso accatastati sopra di essa.

Il relitto di carri armati russi bruciati e veicoli corazzati è stato sparso in diverse strade. Missili inesplosi sono caduti sulla strada e in un punto un proiettile di mortaio inesploso è uscito dalla pista.

Una colonna di carri armati ucraini pattugliava, sventolando bandiere nazionali blu e gialle. Uno dei residenti sopravvissuti alla prova ha abbracciato un soldato e ha lanciato un grido di battaglia militare: “Gloria all’Ucraina, gloria agli eroi!”

Maria Zhelezova, 74 anni, era una donna delle pulizie in una fabbrica di aerei, le cui cattive condizioni di salute le hanno impedito di partire prima dell’arrivo dei russi.

Stava camminando con sua figlia Irina, 50 anni, e ha ricordato le sue lacrime sfiorate dalla morte.

“La prima volta che sono uscita dalla stanza, il proiettile ha rotto il vetro e la finestra e si è bloccato nell’armadio”, ha detto. “La seconda volta, il vetro frantumato mi è quasi entrato nella gamba.

“La terza volta, stavo camminando e non sapevo che fosse in piedi con una pistola in mano e le pallottole sono andate dritte dal mio fianco. E quando sono tornato a casa, non potevo parlare”.

READ  Le forze russe si ritirano da Lyman: aggiornamenti in tempo reale dell'Ucraina

Ha tolto una cravatta dal panno bianco che ha detto che ai residenti era stato ordinato di indossare.

“Non vogliamo che tornino”, ha detto. “Ho fatto un sogno oggi: se ne sono andati e non sono tornati”.

Il Cremlino e il ministero della Difesa russo a Mosca non hanno immediatamente risposto alle richieste di commento.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Scritto da Simon Gardner; Montaggio di Kevin Levy

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply