Il Sudafrica vota per un’elezione che potrebbe portare alla più grande trasformazione dal 1994

JOHANNESBURG (AP) – Gli elettori sudafricani hanno iniziato a votare mercoledì Alle elezioni Sono considerati i più importanti del loro paese negli ultimi 30 anni e potrebbero portare la loro nascente democrazia in un territorio inesplorato.

In gioco ci sono tre decenni di dominio Partito del Congresso Nazionale Africanoche ha portato all’uscita del Sud Africa da Il brutale governo della minoranza bianca sotto l’apartheid nel 1994. Ora è il bersaglio di una nuova generazione di malcontento in un paese di 62 milioni di persone, metà delle quali si stima vivano in povertà.

L’economia più sviluppata dell’Africa comprende alcune delle economie più grandi del mondo I problemi sociali ed economici più profondicompreso uno dei tassi di disoccupazione peggiori, pari al 32%.

La disuguaglianza persistente, con povertà e disoccupazione che colpiscono in modo sproporzionato la maggioranza nera, minaccia di spodestare il partito che aveva promesso di porvi fine rovesciando l’apartheid sotto la bandiera di una vita migliore per tutti.

Dopo aver vinto sei elezioni nazionali consecutive, molti sondaggi d’opinione collocano il sostegno dell’ANC a meno del 50% in più rispetto alle elezioni in corso, un calo senza precedenti. Potrebbe perdere la maggioranza in parlamento per la prima volta, anche se si prevede che otterrà il maggior numero di seggi.

Il sostegno ha cominciato a svanire. L’ANC ha ottenuto il 57,5% dei voti alle ultime elezioni nazionali del 2019, il suo peggior risultato fino ad oggi.

Il presidente sudafricano Cyril RamaphosaIl leader dell’ANC ha promesso di “fare meglio”. L’ANC ha chiesto più tempo e pazienza.

Qualsiasi cambiamento nella presa del potere da parte dell’ANC potrebbe essere di grande importanza per il Sudafrica. Se perdesse la maggioranza, l’ANC si troverebbe probabilmente ad affrontare la prospettiva di dover formare una coalizione con altri per rimanere al governo e mantenere Ramaphosa come presidente. Mai prima d’ora l’ANC ha dovuto partecipare alla governance.

READ  La Germania chiede “conseguenze” per i palestinesi legati alla jeep israeliana

I sudafricani votano per i partiti, non direttamente per il loro presidente. I partiti ottengono quindi seggi in parlamento in base alla loro quota di voti e questi legislatori eleggono il presidente dopo le elezioni. Dal 1994 l’ANC ha sempre avuto la maggioranza in Parlamento.

Si terranno le elezioni In un giorno, nelle nove province del Sud Africa, quasi 28 milioni di persone si sono registrate per votare in più di 23.000 seggi elettorali. I risultati finali dovrebbero essere pubblicati entro domenica. Ramaphosa voterà domattina in una scuola elementare nella città di Soweto, a Johannesburg, dove è nato e che un tempo era il centro della resistenza all’apartheid.

Lì, Samuel Ratchalengwa era tra le prime persone in fila nel freddo dell’inizio dell’inverno sudafricano.

“Considero il voto una questione seria perché come comunità è difficile lamentarsi dei servizi quando non si vota”, ha detto. “Il nostro problema principale qui nella nostra comunità è la mancanza di posti di lavoro. Dobbiamo usare il voto per far sentire la nostra voce su questo tema.

L’opposizione all’ANC in queste elezioni è feroce, ma frammentato. Non si prevede che i due maggiori partiti di opposizione, l’Alleanza Democratica e i Combattenti per la Libertà Economica, aumenteranno i loro voti in modo tale da superare l’ANC.

Invece, i sudafricani disamorati si stanno spostando verso una serie di partiti di opposizione; Più di 50 persone si sfideranno alle elezioni nazionali, molte delle quali nuove. Uno è guidato dall’ex presidente sudafricano Jacob Zuma, che ha fatto proprio questo Si è rivoltato contro i suoi ex alleati nell’ANC. Zuma è stato squalificato dalla candidatura al Parlamento, ma il suo partito è ancora in corsa ed è il jolly. Doveva esprimere il suo voto in una zona rurale della sua provincia natale, il KwaZulu-Natal.

READ  Air France e Airbus affrontano famiglie arrabbiate nel processo di crash dell'AF447

L’ANC si dice fiduciosa di mantenere la maggioranza. Ramaphosa ha osservato che il Sud Africa è ora un paese molto migliore di quanto non fosse sotto l’apartheid, quando ai neri era impedito di votare, non potevano muoversi liberamente, dovevano vivere in aree designate ed erano perseguitati in ogni modo.

Ricordi di quell’epoca, e Il voto decisivo che l’ha messo fine Nel 1994 fotografava ancora gran parte della vita quotidiana in Sud Africa. Ma meno se ne ricordano col passare del tempo.

“Questa sarà la settima volta che i sudafricani di tutte le razze, di tutti i ceti sociali e di tutte le parti del nostro paese, andranno a votare per il governo nazionale e provinciale”, ha detto Ramaphosa nel suo discorso finale al paese prima della elezioni. . “Riaffermeremo il principio fondamentale… che nessun governo può legittimamente rivendicare il potere se non si basa sulla volontà di tutto il popolo”.

Ramaphosa ha delineato alcune delle politiche del governo dell’ANC per rilanciare l’economia, creare posti di lavoro ed espandere il sostegno sociale Per i residenti poveri. Il discorso ha suscitato reazioni rabbiose da parte dei partiti dell’opposizione, che lo hanno accusato di violare la legge elettorale, che impedisce ai titolari di cariche pubbliche di utilizzare la posizione per promuovere un partito.

Il voto metterà in luce i contrasti del Paese, dal centro economico di Johannesburg – descritta come la città più ricca dell’Africa – alla pittoresca destinazione turistica di Città del Capo, fino agli insediamenti informali di baraccopoli alla sua periferia. Milioni di persone voteranno nelle zone rurali, che sono ancora considerate la roccaforte dell’African National Congress, e gli analisti non hanno escluso che il partito manterrà la maggioranza, data la sua decennale esperienza nel governo e la sua impareggiabile macchina elettorale popolare.

READ  Elezioni in Ungheria: Viktor Orban dichiara vittoria

Sebbene l’80% della popolazione del Sud Africa sia nera, è un paese multirazziale con un gran numero di bianchi, persone di origine indiana, persone di origine birazziale e altri. Ci sono 12 lingue ufficiali.

È la diversità che Nelson Mandela, il primo presidente nero del Sud Africa, è stato evidenziato come una cosa meravigliosa riferendosi al suo paese come la “Nazione Arcobaleno”. È una diversità che ora potrebbe riflettersi nella sua politica, con l’emergere di numerosi nuovi partiti di opposizione.

___

Imray ha riferito da Cape Town, Sud Africa e Motsaka ha riferito da Ishwe, Sud Africa.

___

IP Africa Notizie: https://apnews.com/hub/africa

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply