Un posto di soccorso costruito dagli Stati Uniti al largo della costa di Gaza sarà rimosso e riparato dopo i danni

WASHINGTON (AP) — Una nave temporanea costruita dagli Stati Uniti Una nave che trasporterà aiuti umanitari ai palestinesi affamati in meno di due settimane al largo delle coste di Gaza sarà riparata dopo i danni causati dal mare e dalle intemperie, ha detto martedì il Pentagono.

Nei prossimi due giorni, la nave sarà rimorchiata dalla spiaggia e inviata nella città israeliana meridionale di Ashdod, dove il Comando Centrale degli Stati Uniti la riparerà, ha detto ai giornalisti la portavoce del Pentagono Sabrina Singh. Ha detto che le riparazioni richiederanno “almeno più di una settimana”, dopodiché la nave dovrà riancorare al largo della costa di Gaza.

“Quando era in funzione, ha funzionato, e abbiamo avuto una sfortunata confluenza di tempeste meteorologiche che l’hanno fermato per un po’,” ha detto Singh. “Poco più di una settimana dopo, dovremmo essere di nuovo operativi.”

La nave, utilizzata per trasportare gli aiuti umanitari che arrivano via mare, è uno dei pochi modi in cui i palestinesi possono ottenere cibo e altri rifornimenti gratuitamente. Sull’orlo della carestia Nel mezzo un bambino di quasi 8 mesi Guerra tra Israele e Hamas A Gaza.

I due principali valichi nel sud di Gaza sono Rafah dall’Egitto e Kerem Shalom da Israele Non funzionante o per lo più inaccessibile Mentre Israele avanza verso Rafah, i combattimenti si avvicinano alle Nazioni Unite. La nave e due traghetti provenienti da Israele nel nord di Gaza hanno trasportato la maggior parte degli aiuti umanitari in arrivo nelle ultime tre settimane.

La battuta d’arresto è l’ultima per il molo da 320 milioni di dollari, che ha iniziato a funzionare solo due settimane fa e ha già ferito tre membri del servizio militare statunitense e portato a terra quattro navi a causa del mare mosso. Singh ha detto che due dei membri del servizio hanno riportato ferite lievi, ma il terzo era ancora in condizioni critiche.

READ  Si dice che il quartier generale di Twitter a San Francisco sia l'epicentro di Total Scent

C’erano anche delle provviste Fermo da due giorni La settimana scorsa, un palestinese è stato ucciso a colpi di arma da fuoco quando i camion degli aiuti dalla nave sono stati assaliti.

La nave era pienamente operativa sabato sera, quando il mare grosso ha trascinato via quattro imbarcazioni militari utilizzate per trasportare gli aiuti dalle navi mercantili alla nave. La struttura era ancorata al largo della costa di Gaza e forniva una lunga strada rialzata per i camion che trasportavano gli aiuti a terra.

Due navi si arenarono al largo delle coste israeliane. Uno è già stato recuperato e l’altro sarà recuperato nelle prossime 24 ore con l’aiuto dell’esercito israeliano, ha detto Singh. Altre due imbarcazioni restano arenate al largo di Gaza e si prevede che verranno recuperate nei prossimi due giorni.

Una nave improvvisata costruita negli Stati Uniti e utilizzata per trasportare aiuti a Gaza è stata interrotta, ha riferito il corrispondente di AP Washington, Sagar Meghani.

Successivamente viene la sospensione della nave La nuova rotta marittima cominciò a prendere piedeSono state fornite più di 1.000 tonnellate di aiuti alimentari.

Funzionari statunitensi hanno ripetutamente insistito sul fatto che i moli non saranno in grado di consegnare gli aiuti agli abitanti di Gaza affamati e che devono essere aperti ulteriori posti di blocco per i camion umanitari. Alla massima capacità, la nave porterebbe cibo sufficiente per i 500.000 abitanti di Gaza, e i funzionari statunitensi hanno sottolineato la necessità di un attraversamento via terra aperto per i restanti 1,8 milioni.

Gli Stati Uniti prevedono inoltre di continuare a consegnare cibo per via aerea, il che potrebbe non soddisfare tutte le esigenze.

READ  Guida definitiva per acquistare una diffusore profumo led nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Un approfondimento Attacco israeliano alla città meridionale di Rafah Ha reso impossibile il passaggio delle navi umanitarie attraverso il valico, una fonte fondamentale di carburante e cibo per entrare a Gaza. Israele afferma che gli aiuti stanno arrivando attraverso un altro valico di frontiera, Kerem Shalom, ma le organizzazioni umanitarie affermano che le operazioni militari israeliane stanno rendendo loro difficile recuperare gli aiuti per la distribuzione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply