Israele Gaza: Netanyahu si impegna a continuare la guerra nonostante la condanna degli attacchi aerei

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di continuare la guerra contro Hamas in mezzo alla condanna internazionale dell’attacco aereo che domenica ha ucciso decine di palestinesi a Rafah.

Secondo il Ministero della Sanità guidato da Hamas, almeno 45 persone sono state uccise, mentre altre centinaia sono state curate per gravi ustioni, fratture e ferite da schegge.

Parlando davanti al parlamento israeliano, Netanyahu ha affermato che l’attacco è stato un “tragico incidente”, ma ha aggiunto: “Non intendo porre fine alla guerra prima di aver raggiunto ogni obiettivo”.

Ha affermato che è necessario che Israele prenda “ogni possibile precauzione” per proteggere i civili e ha insistito sul fatto che l’IDF sta facendo “del suo meglio per non danneggiare i non partecipanti” al conflitto.

  • autore, Paolo Adams
  • Ruolo, notizie della BBC
  • Rapporto da Gerusalemme
Spiegazione video, Sul luogo del mortale raid israeliano a Rafah

Martedì, su richiesta dell’Algeria, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU terrà una riunione d’emergenza per discutere del raid di Rafah.

In una dichiarazione rilasciata lunedì, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che l’attacco “ha ucciso dozzine di civili innocenti che stavano semplicemente cercando rifugio da questo conflitto mortale”.

“Non esiste un posto sicuro a Gaza”, ha detto. “Questo orrore deve finire”.

Il discorso di Netanyahu è stato interrotto da occasionali molestie da parte dei familiari degli ostaggi presi da Hamas durante l’attacco del 7 ottobre, alcuni dei quali lo hanno criticato per non essere riuscito a raggiungere un accordo per il ritorno dei loro cari.

Ha aggiunto: “A Rafah abbiamo già evacuato circa un milione di non combattenti e, nonostante i nostri migliori sforzi per non danneggiare i non combattenti, purtroppo qualcosa è tragicamente andato storto”.

Ha aggiunto: “Stiamo indagando sull’incidente e raggiungeremo delle conclusioni perché questa è la nostra politica”.

Le organizzazioni internazionali si sono schierate per condannare il raid, con l’Unione Europea che ha insistito affinché Israele rispetti la sentenza emessa dalla Corte Internazionale di Giustizia la scorsa settimana per fermare i raid su Rafah. Josep Borrell, il massimo diplomatico dell’Unione Europea, ha descritto lo sciopero di domenica come “orribile”.

Nonostante la sentenza della Corte Internazionale di Giustizia, Israele ha promesso di continuare l’invasione di Rafah, con i funzionari che insistono che la sentenza lascia spazio all’attacco per rispettare il diritto internazionale.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha affermato che l’attacco indica che “non c’è stato alcun cambiamento chiaro nei metodi e nei mezzi di guerra utilizzati da Israele, che hanno già portato alla morte di molti civili”.

Israele ha lanciato l’attacco a Rafah domenica, poche ore dopo il primo attacco missilistico di Hamas su Tel Aviv dopo diversi mesi.

Funzionari dell’esercito israeliano hanno affermato che l’attacco a Rafah ha portato all’uccisione di due alti leader di Hamas e che l’esercito stava indagando sull’uccisione di civili nella zona.

Ma la Mezzaluna Rossa palestinese ha affermato che l’attacco aereo ha preso di mira le tende degli sfollati vicino a una struttura delle Nazioni Unite a Tal al-Sultan, a circa due chilometri a nord-ovest del centro di Rafah.

I videoclip della scena dell’incidente nella zona di Tal Al-Sultan, domenica notte, hanno mostrato una grande esplosione e incendi ardenti.

Le riprese video hanno mostrato una serie di edifici in fiamme accanto a un cartello con la scritta “Kuwait Peace Camp No. 1”, oltre a medici e passanti che trasportavano diversi corpi.

Medici Senza Frontiere ha dichiarato lunedì che una delle sue strutture ha accolto almeno 28 morti, tra cui donne e bambini, in seguito al raid.

Ha affermato di aver curato altri 180 palestinesi feriti, la maggior parte dei quali presentava gravi ferite derivanti da schegge, fratture, ferite e ustioni.

Medici Senza Frontiere ha respinto le notizie israeliane secondo cui il raid era accurato, affermando che “l’attacco contro un campo popolato nella cosiddetta ‘zona sicura’ a Rafah mostra un completo disprezzo per la vita dei civili a Gaza”.

Gli Stati Uniti hanno descritto le immagini come “strazianti”, ma hanno insistito sul fatto che Israele ha il diritto di difendersi.

Un portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca ha detto: “Israele ha il diritto di attaccare Hamas, e comprendiamo che questo attacco ha ucciso due importanti terroristi di Hamas responsabili di attacchi contro civili israeliani”.

Ma hanno riconosciuto che “Israele deve prendere ogni possibile precauzione per proteggere i civili”.

I funzionari israeliani hanno passato gran parte della giornata di lunedì cercando di capire cosa fosse andato storto a Rafah. In che modo un “attacco di precisione” utilizzando munizioni specializzate con “testate a basso profilo” ha portato a una tempesta di fuoco che ha ucciso dozzine e ferito dozzine di altre?

Sulla scia della sentenza della scorsa settimana della Corte Internazionale di Giustizia che ha ordinato a Israele di fermare qualsiasi operazione nell’area di Rafah che potrebbe causare ulteriori danni alla popolazione palestinese, Israele si rende conto che gli occhi del mondo sono puntati su di lui. È sottoposta a un’enorme pressione per spiegare le sue azioni.

Si dice che l’operazione si basasse sull’intelligence e sembra che entrambe le figure di Hamas siano state uccise.

Tuttavia, la presenza di un gran numero di civili e di un’apparente grande quantità di materiali infiammabili solleva molti interrogativi su come questo incidente sia stato pianificato ed eseguito.

Con alti funzionari militari, tra cui il maggiore generale Yifat Tomer Yerushalmi, procuratore generale dell’IDF, che promette un’indagine approfondita, possiamo aspettarci che presto emerga una spiegazione più dettagliata.

Ma se questo rappresenti un punto di svolta nella campagna è un’altra questione.

Netanyahu rimane impegnato in quella che chiama “vittoria totale” a Rafah, quindi non vi è alcuna indicazione che il disastro di domenica gli farà cambiare idea.

Nonostante le scene orribili accadute la scorsa notte, sembra che le forze di terra israeliane stiano ancora agendo con una certa cautela mentre si avvicinano alla stessa città di Rafah.

Le loro operazioni non sono ancora sfociate in un bagno di sangue.

Ma questo è esattamente ciò che l’attacco aereo della notte scorsa ha ottenuto, assestando un altro colpo all’immagine già danneggiata di Israele e minando la sua giustificazione per andare avanti.

La campagna militare israeliana a Gaza è iniziata dopo che i militanti di Hamas hanno attaccato Israele il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo in ostaggio altre 252 a Gaza.

Da allora, secondo il Ministero della Sanità di Gaza gestito da Hamas, più di 36.000 palestinesi sono stati uccisi nella guerra.

READ  5 cose da sapere prima dell'apertura del mercato azionario martedì

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply