La Brexit è accusata di ritardi poiché autisti e viaggiatori britannici si trovano ad affrontare una situazione di stallo a Dover

Sabato, vacanzieri e carri merci pesanti sono stati lasciati fermi negli ingorghi diretti al porto del Kent, nel sud dell’Inghilterra, con il porto che ha ammesso che “oggi sarà molto affollato” e i viaggiatori sono stati avvertiti di aspettare quattro ore.

Il Regno Unito e la Francia sono entrati in un giro di dita puntate sulla causa della situazione di stallo, con i legislatori britannici che incolpano il personale dalla parte francese e i funzionari francesi che annuiscono per aumentare i controlli doganali dopo la Brexit.

“Gli inglesi hanno ragione a lamentarsi, perché ci sono ingorghi. Ma questa non è colpa dei francesi, è colpa della Brexit”, ha detto a France Public Radio il deputato francese di Calais, Pierre-Henri Dumont.

“La verità è che questo è il primo congedo dopo la Brexit. Dopo l’uscita definitiva del Regno Unito dall’Unione Europea e senza restrizioni di viaggio dovute alla pandemia di Covid… Le forze di frontiera francesi stanno mettendo in atto i controlli come dovrebbero per entrare nel Unione Europea e questo richiede tempo”.

Il parlamentare francese ha anche accusato le dimensioni del porto di Dover, che secondo lui era “tre volte più piccolo del porto di Calais”.

Doug Bannister, amministratore delegato del porto di Dover, ha convenuto che la Brexit ha portato a ritardi, dicendo sabato a LBC che il suo team “riconosce che siamo in un ambiente post-Brexit, il che significa che i tempi delle transazioni transfrontaliere richiederanno tempo”. più a lungo.”

Ma i legislatori britannici hanno insistito sul fatto che la carenza di personale a Calais aveva bloccato il percorso attraverso il canale.

Liz Truss, ministro degli Esteri britannico e candidata a Gara a due Sostituendo Boris Johnson come Primo Ministro, ha detto: “Questa terribile situazione avrebbe dovuto essere completamente evitata ed è inaccettabile”.

“Abbiamo bisogno di un’azione da parte della Francia per costruire capacità al confine per limitare qualsiasi ulteriore interruzione per i turisti britannici e per garantire che questa terribile situazione venga evitata in futuro. Lavoreremo con le autorità francesi per trovare una soluzione”, ha affermato Truss. Dichiarazione del venerdì.

La Brexit ha imposto ulteriori controlli di sicurezza e passaporti per i viaggiatori britannici che entrano nell'UE.

Dumont ha affermato che tutte le cabine che le autorità britanniche a Dover hanno fornito alla polizia francese a Dover erano completamente attrezzate, pur riconoscendo un leggero ritardo nelle prime ore di venerdì a causa di un “guasto tecnico”.

READ  Lo stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina afferma che due terzi della 15a brigata meccanizzata russa sono diventati inservibili dopo i combattimenti

Ha negato le accuse riportate dalla stampa britannica sul “desiderio deliberato di punire gli inglesi”, aggiungendo che “molte famiglie francesi si guadagnano da vivere attraversando il canale… con uomini e donne marinai a terra”.

P&O Ferries ha chiesto ai passeggeri di concedere fino a quattro ore per superare i controlli di sicurezza a Dover sabato mattina.

Le relazioni tra Gran Bretagna e Francia sono diventate sempre più tese da quando la Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea, con i leader di entrambi i paesi coinvolti in disaccordi sui viaggi e sulle barche di migranti che attraversano la Manica.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply