La Voyager 1 della NASA viene finalmente realizzata dopo mesi di dirottamenti senza senso

La navicella spaziale Voyager 1 ha fornito dati utilizzabili per la prima volta in più di cinque mesi, dando speranza che la missione durata 46 anni possa finalmente riprendere le sue normali operazioni.

Sabato la sonda interstellare preferita della NASA ha inviato informazioni sulla salute e sullo stato dei suoi sistemi di ingegneria interni al controllo missione dell'agenzia spaziale. dichiarato. Questa è un'ottima notizia per la missione e il prossimo passo è che la Voyager 1 inizi a restituire dati scientifici.

Il 14 novembre 2023 la Voyager 1 ha trasmesso alla Terra gli ultimi dati scientifici e ingegneristici leggibili. Successivamente, la navicella spaziale ha ricevuto comandi, ma Risponde alla terra come una sciocchezza inutilizzabile. La navicella spaziale Stratos sta esplorando il bordo esterno del campo solare, combinando le sue osservazioni con i dati di nuove missioni per ottenere una migliore comprensione di come l'eliosfera interagisce con lo spazio interstellare.

Articolo correlato: La Voyager sonda un fenomeno precedentemente sconosciuto nello spazio profondo

A marzo, un team del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. Ha sottolineato il motivo dietro i dati sciocchi della Voyager 1: un chip responsabile della memorizzazione di una parte dell'area interessata della memoria FTS (Flight Data System) del veicolo spaziale.

FDS raccoglie dati dagli strumenti scientifici e dati ingegneristici della Voyager sulla salute del veicolo spaziale e li combina in un pacchetto che viene rispedito sulla Terra in codice binario. Tuttavia, dopo l'interruzione, l'attività invia i dati sotto forma di una sequenza di uno e zero.

La Voyager 1 è a 15,14 miliardi di miglia di distanza, il che rende le riparazioni più complicate. Gli ingegneri del JPL sapevano di non poter riparare il chip, ma potevano provare a inserire il codice interessato altrove nella memoria FDS.

READ  L'UE accetta di costringere Apple a utilizzare USB-C come caricabatterie standard per smartphone entro il 2024

I membri dell'equipaggio della Voyager festeggiano dopo aver ricevuto un segnale dalla Voyager 1 il 20 aprile.
Fotografia: NASA/JPL-Caltech

Invece di scegliere un'unica posizione in cui conservare tutto il codice interessato, il team ha ideato un piano per dividerlo in sezioni e archiviarle in posizioni diverse sull'FDS. Il 18 aprile, il team della missione ha isolato il codice responsabile dell'impacchettamento dei dati tecnici della navicella e lo ha inviato alla sua nuova posizione.

Due giorni dopo, gli ingegneri hanno ricevuto risposta dalla navicella spaziale Voyager 1. Occorrono circa 22,5 ore per inviare un segnale radio alla navicella spaziale e altre 22,5 ore per riceverlo.

Nelle prossime settimane, il team della Voyager 1 trasferirà altre parti interessate del software in diverse parti della memoria FDS, comprese le parti relative ai dati scientifici della missione.

La Voyager 1 venne lanciata nel 1977, meno di un mese dopo che la sua sonda gemella, Voyager 2, iniziò il suo viaggio nello spazio. La sonda è entrata nello spazio interstellare nell'agosto 2012, diventando la prima navicella spaziale a lasciare l'eliosfera. Le navette gemelle sono le missioni più longeve della storia e, a parte alcuni problemi di comunicazione, le due navi se la passano bene per la loro età.

Seguici per ulteriori viaggi nello spazio nella tua vita X E segnalibro dedicato di Gizmodo Pagina dei viaggi nello spazio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply