La Voyager 1 riprende a studiare la regione cosmica sconosciuta dopo un problema tecnico al computer

NASA/JPL-Caltech

La Voyager 1 della NASA è mostrata in un’illustrazione mentre la navicella spaziale viaggia attraverso lo spazio interstellare, o spazio interstellare.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

La navicella spaziale Voyager 1 sta inviando un flusso costante di dati scientifici da un territorio inesplorato per la prima volta da quando un problema tecnico al computer ha interrotto la storica missione della NASA sette mesi fa.

La Voyager 1, attualmente la navicella spaziale più lontana dalla Terra, ha smesso di comunicare in modo coerente con il controllo della missione nel novembre 2023. La sonda sembrava bloccata in uno scenario da “Ricomincio da capo”, poiché il modulo di modulazione della telemetria nel sistema di dati di volo inviava uno schema ripetitivo e incoerente. Codice decifrabile di miliardi. Lontano miglia.

Una riparazione creativa da parte del team della missione Voyager ha ripristinato il contatto con la navicella spaziale e sono iniziati i dati ingegneristici Ritorneranno al Mission Control ad aprileInformare il team sullo stato di salute e operativo del veicolo spaziale.

Tuttavia, i dati dei quattro strumenti scientifici della Voyager 1, che studiano le onde del plasma, i campi magnetici e le particelle, sono rimasti sfuggenti. Questa informazione è importante per mostrare agli scienziati come cambiano le particelle e i campi magnetici mentre la sonda vola via.

Il 19 maggio, il team della Voyager ha inviato un comando alla navicella spaziale per iniziare a restituire dati scientifici. Due dei dispositivi hanno risposto, ma il recupero dei dati dagli altri due ha richiesto tempo e gli strumenti hanno richiesto una ricalibrazione. Ora, secondo uno dei ricercatori, tutti e quattro gli strumenti trasmettono dati scientifici utilizzabili Aggiornamento condiviso dalla NASA il 13 giugno.

READ  Un buco nero supermassiccio divora una stella, facendo esplodere i suoi resti sulla Terra

Il sistema dati di volo della Voyager 1 è responsabile della raccolta di informazioni dagli strumenti scientifici della navicella e della loro combinazione con dati ingegneristici che riflettono lo stato di salute della sonda. Il Mission Control on Earth, situato presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA a Pasadena, in California, riceve tali dati sotto forma di codice binario o una stringa di uno e zero.

Ci sono voluti un po’ di tempo e alcune riflessioni non convenzionali perché gli specialisti della missione Voyager riuscissero a decifrare il codice confuso della navicella. Ma una volta fatto, hanno identificato la causa del problema: il 3% della memoria del sistema dei dati di volo era corrotto.

Un chip responsabile della memorizzazione di parte della memoria del sistema, inclusi alcuni codici di programmi del computer, non funzionava correttamente e la perdita del codice sul chip ha reso inutilizzabili i dati scientifici e ingegneristici della Voyager 1.

Poiché non c’era modo di riparare il chip, il team ha archiviato il codice interessato dal chip altrove nella memoria del sistema. Non sono riusciti a individuare una posizione abbastanza grande da contenere tutti i codici, quindi l’hanno divisa in sezioni e le hanno archiviate in luoghi diversi all’interno del sistema dei dati di volo.

Sono ancora necessarie correzioni minori per gestire gli effetti del problema iniziale.

“Tra gli altri compiti, gli ingegneri risincronizzeranno il software di cronometraggio nei tre computer a bordo della navicella spaziale in modo che possano eseguire i comandi in modo tempestivo”, secondo l’agenzia. “Il team eseguirà anche la manutenzione del registratore digitale, che registra alcuni dei dati per lo strumento a onde di plasma che viene inviato sulla Terra due volte l’anno.
(La maggior parte dei dati scientifici della Voyager vengono trasmessi direttamente alla Terra e non vengono registrati.)

READ  La più grande mappa cosmica potrebbe sconvolgere l’energia oscura e dimostrare che Einstein si sbagliava

Nel frattempo, la Voyager 1 è tornata a fare ciò che sa fare meglio: condividere idee dalle zone sconosciute del cosmo.

La navicella spaziale si trova attualmente a circa 15 miliardi di miglia (24 miliardi di km) dalla Terra, mentre il suo veicolo gemello, Voyager 2, ha percorso più di 12 miliardi di miglia (20 miliardi di km) dalla Terra. Le sonde gemelle furono lanciate a settimane di distanza nel 1977 e, dopo aver inizialmente sorvolato Giove, Saturno, Urano e Nettuno, la loro missione è durata 46 anni e oltre.

Entrambi si trovano nello spazio interstellare e l’unico veicolo spaziale opera al di fuori dell’eliosfera, la bolla di campi magnetici e particelle del Sole che si estende ben oltre l’orbita di Plutone.

Essendo l’unica estensione dell’umanità al di fuori della bolla protettiva dell’eliosfera, le due sonde sono sole nei loro viaggi cosmici mentre viaggiano in direzioni diverse.

Pensa ai pianeti del sistema solare terrestre come se esistessero su un unico piano. Il percorso della Voyager 1 l’ha portata su e giù dall’aereo dopo aver superato Saturno, mentre la Voyager 2 è passata sopra la cima di Nettuno e si è spostata giù e fuori dall’aereo, ha detto Susan Dodd, project manager della Voyager al JPL. aveva detto in precedenza alla CNN.

Le informazioni raccolte da queste longeve sonde, le uniche due navicelle spaziali ad aver campionato direttamente lo spazio interstellare con i loro strumenti, stanno aiutando gli scienziati a conoscere la forma cometaria dell’eliosfera e come protegge la Terra dalle particelle energetiche e dalle radiazioni nello spazio interstellare.

Nel corso del tempo, entrambi i veicoli spaziali hanno riscontrato problemi e interruzioni imprevisti, incluso un periodo di sette mesi nel 2020 in cui Voyager 2 non è stata in grado di comunicare con la Terra. Nell’agosto 2023, il team della missione ha utilizzato la tecnologia “urlo” a lungo raggio per ripristinare le comunicazioni con la Voyager 2 dopo che un comando ha inavvertitamente puntato l’antenna della navicella nella direzione sbagliata.

READ  SpaceX lancia un avanzato satellite GPS (Global Positioning System) per la US Space Force e fa un atterraggio

“Non sappiamo mai con certezza cosa accadrà alle Voyager, ma sono sempre stupito quando continuano ad andare avanti”, ha detto Dodd ad aprile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply