Le azioni crollano a causa del petrolio, i rendimenti toccano il 2024

Martedì Wedbush ha declassato le azioni di cinque titoli dell’edilizia residenziale, citando interventi stagionali in quello che ha definito un anno più “normale” per le tendenze immobiliari rispetto al 2019.

L’azienda ha declassato tutti e cinque i titoli portandoli a sottoperformare da neutrali, tagliando il target di prezzo su Century Communities (CCS) a 82 dollari da 92 dollari, LGI Homes (LGIH) a 74 dollari da 88 dollari, e Meritage Homes Corp. (MTH) a 148 dollari da 155 dollari. Le azioni di DR Horton (DHI) e Lennar (LEN) hanno obiettivi di prezzo invariati.

“Nessun anno nella costruzione di case segue una linea temporale precisa con un aumento della domanda in primavera, seguito da un normale calo stagionale della domanda in estate”, ha scritto l'analista di Wedbush Jay McCannless.

“Tuttavia, il 2024 rimane l'anno più 'normale' che abbiamo visto nel settore dell'edilizia abitativa dal 2019. Di conseguenza, riteniamo che questi nomi potrebbero registrare normali cali stagionali dei prezzi delle azioni in estate, soprattutto dopo le negoziazioni stagionali. La finestra si chiude ad aprile /Maggio.”

La società, in particolare, ha mantenuto invariate le stime degli utili per tutti e cinque i titoli.

La previsione ribassista arriva quando altri titoli dell’iShares US Home Construction ETF (ITB) hanno sottoperformato dall’inizio dell’anno, ad eccezione di Lennar.

“Se i costi di acquisizione e sviluppo dei terreni continuano ad aumentare e i prezzi del legname continuano ad aumentare, riteniamo che questa sottoperformance potrebbe peggiorare”, ha scritto McCanless.

I tassi di interesse a lungo termine e la mancanza di alloggi hanno permesso ai costruttori di concentrare la loro attenzione su un segmento sottoservito: l’acquirente entry-level. I costruttori hanno offerto riduzioni di prezzo e incentivi. Ma questa strategia ha esercitato pressioni negative sui margini lordi.

READ  Gorbaciov è stato un raro leader mondiale che se ne è pentito, ma alcuni sono ancora amareggiati

McCanless si aspetta che la stessa trama si ripeta nel secondo trimestre di quest’anno, quando i tassi ipotecari raggiungeranno i massimi del ciclo. Il prestito a tasso fisso a 30 anni è sceso al 6,79% dal 6,87% di una settimana fa. Secondo Freddie Mac.

Molti economisti domestici ritengono che i tassi ipotecari cadranno nel corso dell’anno quando la Federal Reserve taglierà i tassi di interesse. Ma McCannless non crede che la mossa sarà meccanica.

“Pensiamo che questa sia ancora l'opinione diffusa nel mercato, ma abbiamo il punto di vista opposto perché i creditori ipotecari (sia bancari che non bancari) non vogliono sopportare il rischio di un pagamento anticipato senza essere compensati per tale rischio”, ha osservato. .

McCanless nota inoltre che oggi lo spread tra un mutuo trentennale e un titolo del Tesoro decennale è “artificialmente ampio” per tenere conto del rischio di rifinanziamento.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply