Calo delle vendite di Tesla, segno del calo della sua presa sul mercato delle auto elettriche

Sembra che Tesla stia perdendo il controllo del mercato che ha effettivamente creato dopo aver riportato martedì uno straordinario calo delle vendite trimestrali, sollevando nuove domande sulla leadership dell'azienda da parte di Elon Musk.

Il calo delle vendite ha sorpreso gli investitori, con rivali come BYD cinese, Kia e Hyundai sudcoreana che hanno tutti segnalato aumenti nelle vendite di veicoli elettrici, suggerendo che il rallentamento della domanda complessiva di modelli alimentati a batteria non era l’unica spiegazione dei problemi di Tesla.

Tesla ha aperto la strada al mercato dei veicoli elettrici con la berlina Model 3 e il SUV Model Y, dimostrando che le auto alimentate a batteria potevano essere attraenti, pratiche e redditizie. Le automobili hanno rivoluzionato l’industria automobilistica e costretto le case automobilistiche esistenti a sviluppare i propri modelli elettrici.

Ma il mercato si sta evolvendo in modi che potrebbero non essere a favore di Tesla. A differenza dei primi utilizzatori che hanno contribuito all’ascesa di Tesla, gli acquirenti tradizionali potrebbero essere frustrati dal design non convenzionale dei veicoli, compresi gli interni minimalisti e la mancanza di pulsanti e interruttori. Quasi tutte le funzioni delle auto Tesla sono controllate tramite un grande schermo sul cruscotto.

Il sistema “rende piuttosto fastidioso regolare quasi qualsiasi cosa all'interno dell'auto durante la guida su strada”, ha scritto Consumer Reports in una recensione di martedì della nuova versione della Model 3.

Tesla, che vende automobili online e non ha molti showroom, è spesso bersaglio di lamentele per il servizio scadente. Ciò potrebbe fornire un vantaggio alle case automobilistiche affermate, come Ford Motor Co. e General Motors, che hanno estese reti di concessionari e stanno aumentando la produzione di veicoli elettrici.

Tesla sembra incapace di rispondere a queste sfide. È stato lento nel dare seguito al suo successo iniziale con nuovi modelli, e il signor Musk non sembra coinvolto. Martedì non ha risposto ai dati di vendita su X, la piattaforma di social media di cui è proprietario e su cui pubblica molto. Invece, si è scagliato contro i dirigenti della Walt Disney, accusandoli di essere “svegliati”. Tali dichiarazioni lo hanno reso un eroe per i conservatori, ma potrebbero allontanare da Tesla i liberali, che sono più propensi ad acquistare auto elettriche.

READ  Guadagno del terzo trimestre 2022 di Walgreens (WBA).

Tesla Egli ha detto Nel primo trimestre ha consegnato 387.000 veicoli in tutto il mondo, in calo dell'8,5% rispetto ai 423.000 veicoli dello stesso periodo dell'anno scorso. È stata la prima volta che le vendite trimestrali di Tesla sono diminuite anno su anno dal modesto calo all’inizio della pandemia nel 2020. I numeri delle vendite sono stati anche ben al di sotto delle stime degli analisti di Wall Street che si aspettavano un modesto aumento.

“Tesla non può stare ferma”, ha detto in una e-mail Ben Rose, presidente di Battle Road Research. “I veicoli elettrici cinesi stanno già prendendo piede in Europa e non è chiaro per quanto tempo sarà loro vietato l’ingresso negli Stati Uniti”.

Rose ha affermato che auto più convenienti aiuterebbero Tesla ad attrarre una gamma più ampia di acquirenti.

A dire il vero, parte del calo delle vendite potrebbe aver riflesso problemi di produzione al di fuori del controllo dell’azienda, incluso un incendio in una fabbrica Tesla vicino a Berlino che è stato il risultato di un incendio doloso.

Le auto dell'azienda hanno ancora molti fan. Spostando i controlli sulla Model 3, Consumer Reports ha affermato che l'ultima versione offre una guida migliore rispetto al suo predecessore e ha migliorato la manovrabilità.

Ma gli investitori sono chiaramente preoccupati. Le azioni di Tesla sono scese di oltre il 30% quest’anno – incluso un calo del 5% martedì – a causa della preoccupazione che la società abbia perso slancio.

In Cina, Tesla affronta BYD e dozzine di altri concorrenti con l’ambizione di espandersi in tutto il mondo. In Europa, case automobilistiche affermate come Volkswagen e BMW hanno introdotto modelli alimentati a batteria più interessanti. Negli Stati Uniti, le vendite di veicoli elettrici non crescono così rapidamente come un anno fa e molti acquirenti scelgono invece modelli ibridi che abbinano il motore a benzina a batterie e motori elettrici.

I concorrenti di Tesla hanno continuato a segnalare aumenti nelle vendite. BYD ha dichiarato martedì di aver venduto circa 300.000 veicoli elettrici, con un incremento del 13% rispetto all'anno precedente. Nel primo trimestre l'azienda ha inoltre venduto 324.000 veicoli ibridi, con un incremento del 15%.

READ  I problemi di Tesla si accumulano mentre Elon Musk è distratto su Twitter

BYD e altre case automobilistiche cinesi hanno introdotto rapidamente nuovi modelli, spesso sottoquotando il prezzo di Tesla. Queste aziende esportano sempre più automobili anche in Europa, Sud-Est asiatico e America Latina.

Kia, con sede in Corea del Sud, ha dichiarato martedì che le sue vendite di veicoli elettrici negli Stati Uniti sono più che raddoppiate nei primi tre mesi dell'anno rispetto all'anno precedente, dopo aver introdotto una nuova grande auto sportiva, l'EV9. Hyundai, la società sorella di Kia, ha dichiarato di aver venduto più di 10.000 veicoli elettrici nel primo trimestre negli Stati Uniti, con un incremento del 75%.

Toyota, la più grande casa automobilistica del mondo, non vende molte auto completamente elettriche. Ma la società ha affermato che le vendite negli Stati Uniti di veicoli elettrici, una categoria composta in gran parte da ibridi, con i marchi Toyota e Lexus, sono aumentate del 74% nel primo trimestre.

Tesla è stata un pioniere nei veicoli elettrici per il mercato di massa, ma la sua gamma di prodotti è obsoleta. L'unico nuovo modello dell'azienda dal 2020 è il Cybertruck, un pick-up futuristico messo in vendita in numero limitato lo scorso anno. La versione meno costosa che Tesla afferma di poter consegnare quest’anno parte da circa 80.000 dollari, rendendola inaccessibile per la maggior parte degli acquirenti di automobili.

Rivian, il cui camion R1 compete con il Cybertruck, ha affermato che le sue vendite, compreso il camion e gli altri due modelli, sono aumentate del 70% nel trimestre, raggiungendo 13.600 veicoli.

Tesla sta lavorando su un’auto elettrica che costerà circa 25.000 dollari, ma non si prevede che il modello sarà messo in vendita in quantità significative fino al 2026. Nel frattempo, Tesla rimane dipendente dal Model Y e dal Model 3 per la maggior parte delle sue vendite.

L'azienda ha ripetutamente tagliato i prezzi, ma gli analisti sostengono che la strategia ha ridotto i profitti senza fare abbastanza per stimolare le vendite. L'azienda ha recentemente aumentato leggermente i prezzi di alcune auto negli Stati Uniti e in Cina. Il modello Y parte da circa 45.000 dollari prima dei crediti d'imposta federali e statali, dopo un aumento di 1.000 dollari annunciato questa settimana.

READ  L'indice Dow Jones S&P 500 sale dopo una settimana volatile

I dati sulle vendite trimestrali mostrano che i manager di Tesla “hanno bisogno di una vera strategia di vendita e non possono fare affidamento solo sulla riduzione dei prezzi”, ha pubblicato su X Gary Black, socio amministratore di Future Fund, una società di investimento.

Musk, CEO di Tesla, non ha fornito una chiara indicazione su come l'azienda intende riprendere slancio. Allo stesso tempo, le sue dichiarazioni polarizzanti e l’appoggio alle teorie del complotto di destra hanno alienato molti clienti di sinistra che hanno maggiori probabilità di acquistare auto elettriche.

Rafael Cassens, residente a Los Angeles, ha rinunciato alla sua Tesla Model Y l'anno scorso e l'ha sostituita con un'auto elettrica a noleggio BMW i4. Ha detto che il signor Musk è stato uno dei motivi della sua conversione.

“Onestamente, non mi piace affatto come individuo”, ha detto Cassens, una democratica registrata ma che si descrive come apartitica. Ha anche detto di aver ricevuto un servizio scadente da parte dell'azienda. “La posizione dell’azienda riflette certamente quella del proprietario”, ha aggiunto Cassens.

Anche almeno un’altra grande casa automobilistica è alle prese con le vendite di veicoli elettrici. GM ha dichiarato martedì che le sue vendite negli Stati Uniti durante il primo trimestre sono diminuite dell’1,5%, in gran parte perché le consegne di veicoli alimentati a batteria sono diminuite di circa un quinto a circa 16.000 veicoli.

Il calo delle vendite di auto a batteria è stato il risultato di un forte calo delle vendite della Chevrolet Bolt, che GM smetterà di produrre alla fine del 2023. Le vendite di altri modelli elettrici che utilizzano la più recente tecnologia delle batterie GM sono aumentate, ma non abbastanza da compensare. Per la perdita della Bolt, che era una delle auto elettriche più convenienti degli Stati Uniti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply