L’esercito americano non è riuscito a riattaccare la Striscia di Gaza, affermando che la missione finirà presto

L’esercito americano non è riuscito a far attraccare nuovamente la sua nave umanitaria a Gaza, ha detto giovedì il Pentagono, e “cesserà immediatamente le operazioni” in un programma che è stato afflitto da sfide da quando il presidente Biden lo ha annunciato quattro mesi fa.

Il maggiore generale Patrick Ryder, un portavoce, ha detto in una dichiarazione che le truppe americane hanno tentato di raggiungere la nave a galla mercoledì ma non sono state in grado di farlo a causa di “problemi tecnici e legati alle condizioni meteorologiche”. La nave e le sue navi di supporto sono state rimorchiate al porto israeliano di Ashdod, dove sono rimaste in mezzo alle recenti onde agitate e rimarranno lì fino a nuovo avviso, ha detto Ryder.

“Il molo cesserà presto le operazioni e maggiori dettagli su tale processo e tempistica saranno disponibili nei prossimi giorni”, ha affermato.

La dichiarazione di Ryder non chiarisce se le forze americane cercheranno di riconquistare la nave per riportarla a riva a Gaza. Un alto funzionario della difesa statunitense, parlando a condizione di anonimato per un’operazione, ha detto che i comandanti hanno considerato di riprovare giovedì ma hanno deciso di non farlo a causa delle preoccupazioni sullo stato del mare.

I funzionari statunitensi hanno spostato l’edificio ad Ashdod alla fine del mese scorso, citando la preoccupazione che le onde agitate, che in precedenza avevano causato ingenti danni alla struttura, potessero nuovamente colpirla.

Funzionari della difesa hanno ripetutamente affermato che il dispiegamento della nave è temporaneo e dipende dal mare calmo per consentire la consegna degli aiuti, pur sottolineando che è probabile che le condizioni stagionali ottimali finiscano presto. Il sistema galleggiante è collegato alla terraferma da una strada rialzata in acciaio ed è limitato a funzionare con onde non più alte di un metro, secondo le stime passate pubblicate su riviste militari statunitensi.

READ  Xiao Jianhua è stato condannato a 13 anni di carcere per reati finanziari

L’operazione ha inviato a terra quasi 20 milioni di libbre di cibo da quando è iniziata il 17 maggio. Questo fa parte di ciò che dicono i gruppi umanitari, mentre i palestinesi coinvolti nel conflitto tra Israele e Hamas rischiano la fame e i funzionari israeliani resistono alle richieste statunitensi e internazionali. Maggiori aiuti a Gaza attraverso le vie terrestri.

E mentre le scioccanti vittime civili della guerra continuano ad aumentare, i timori dei gruppi umanitari per la sicurezza dei loro lavoratori hanno messo a dura prova i rifornimenti dalle navi. Fino a poco tempo fa, gli arrivi erano ammucchiati nell’arena sulla spiaggia. Un funzionario della difesa statunitense a conoscenza della questione, che ha parlato a condizione di anonimato per discutere gli ultimi sviluppi, ha affermato che una quantità significativa di tali aiuti è stata spostata altrove, facendo spazio a nuove forniture se la nave dovesse rimettersi in funzione.

L’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, che lavora in coordinamento con i gruppi umanitari che operano a Gaza, continuerà a utilizzare tutti i mezzi all’interno del confine per fornire cibo e medicine ai cittadini palestinesi, ha detto un funzionario. Questi gruppi hanno iniziato a utilizzare il porto di Ashdod, a nord di Gaza, per ulteriori consegne di aiuti, ha detto il funzionario.

La missione marittima, a intermittenza, è stata fonte di controversia nella polarizzata Washington, con funzionari dell’amministrazione che hanno difeso l’iniziativa nonostante diversi intoppi e altri democratici che hanno sottolineato l’incapacità del presidente Biden di costringere i leader israeliani a dare priorità alla sicurezza civile. e benessere.

Molti repubblicani hanno ripetutamente chiesto la rimozione permanente della nave, citando preoccupazioni per la sicurezza dei circa 1.000 soldati statunitensi in missione.

READ  Guida definitiva per acquistare una fotocamera subacquea economica nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Il piano è stato annunciato da Biden a marzo, con i funzionari dell’amministrazione che prevedevano che fino a 2 milioni di pasti al giorno sarebbero stati distribuiti ai palestinesi affamati. I funzionari prevedono che le consegne inizieranno all’inizio di maggio, ma un tema ricorrente sono le forti maree Modificato il piano, posticipando l’ancoraggio iniziale del molo a metà mese.

Il 25 maggio, pochi giorni dopo l’inizio dell’afflusso delle prime spedizioni, mare agitato e forti venti hanno scagliato quattro navi militari al largo della costa di Gaza, facendo a pezzi la nave e provocando la sospensione delle operazioni. I funzionari del Pentagono stimarono danni alla nave per almeno 22 milioni di dollari.

Le truppe americane lo riattaccarono ad Ashdod e lo rimorchiarono al suo posto l’8 giugno. È stato rimosso dopo sei giorni. Ancora una volta per problemi meteo. Prima del suo ultimo smantellamento a fine giugno, la nave ha garantito rifornimenti costanti per circa una settimana, portando a terra 10 milioni di sterline di aiuti, ha detto il Pentagono.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply