L’organismo antifrode dell’Ue accusa Marine Le Pen di appropriazione indebita | Francia

L’organismo antifrode dell’Unione Europea ha accusato Marine Le Pen e diversi membri del suo partito – incluso suo padre – di aver sottratto circa 620.000 euro mentre prestava servizio come membri del Parlamento europeo.

Sito investigativo francese Mediapart Ha pubblicato una sezione del nuovo rapporto di 116 rapporti in cui si afferma che i parlamentari europei hanno utilizzato in modo improprio i fondi dell’UE per scopi di parte nazionale.

Le accuse arrivano una settimana prima del secondo turno delle elezioni presidenziali, il 24 aprile, in cui Le Pen gareggerà con Emmanuel Macron.

Un portavoce del partito di estrema destra National Rally (National Rally) guidato da Le Pen ha messo in dubbio la tempistica delle accuse. L’avvocato di Le Pen, Rodolphe Posselot, ha detto all’AFP di essere “sconvolto dal modo in cui Olaf l’ha detto”. [the European anti-fraud office] recitazione.” Ha insistito sul fatto che alcuni dei rapporti riguardavano “fatti obsoleti di oltre 10 anni”.

“Marine Le Pen ha gareggiato in questo. E lo sta sfidando senza essere in grado di vedere i dettagli dell’accusa. È una manipolazione. Sfortunatamente, non sono sorpreso”, ha detto Posselot al canale francese BFMTV.

Secondo Mediapart, Olaf ha inviato il rapporto agli investigatori francesi a marzo. Le Pen è stata accusata di aver dirottato personalmente quasi 137.000 euro in fondi dell’UE durante il suo incarico di membro del Parlamento europeo tra il 2004 e il 2017. Louis Elliott, suo ex partner ed ex vicepresidente di RN, che ora è sindaco di Perpignan; E anche Bruno Gollnisch, un altro peso massimo del partito, è stato citato nel rapporto per aver abusato di denaro pubblico. Tutti hanno negato qualsiasi illecito.

READ  I russi a Chernobyl soffrono per gli effetti delle radiazioni: funzionario ucraino

In un incidente riportato da Mediapart, Marine Le Pen avrebbe presentato nel 2010 una richiesta di 5.000 euro per camere d’albergo per 13 membri del partito di estrema destra per partecipare a una conferenza intitolata Le regioni europee e la crisi finanziaria. Tuttavia, uno dei partecipanti avrebbe scritto al Parlamento europeo e affermato che l’incontro aveva lo scopo di discutere la leadership del partito. Il partecipante senza nome ha detto agli investigatori che Le Pen aveva appeso una bandiera europea per scattare foto, quindi ha ordinato ai suoi colleghi di “sbarazzarsi di quella merda”.

La procura di Parigi ha detto che il fascicolo era “in esame”.

Nessuno di quelli citati nel rapporto è stato accusato di profitto personale, ma di aver rivendicato fondi dell’UE per pagare invece il RN – ex Fronte Nazionale (FN) – e gli eventi. Le Pen ha detto di non essere a conoscenza di alcun illecito.

Le Pen è sotto inchiesta dal 2018 per accuse di “violazione della fiducia” e “uso improprio di fondi pubblici” per il presunto utilizzo di fondi dell’UE per gli assistenti parlamentari europei per finanziare gli stipendi del personale del partito. Nello stesso anno, un tribunale dell’UE ha stabilito che il blocco potrebbe recuperare più di 41.000 euro di fondi pubblici che Le Pen ha utilizzato per pagare la sua guardia del corpo, un ex paracadutista che ha protetto suo padre per 20 anni.

Boselot ha affermato che Le Pen “non è stato convocato da nessuna autorità giudiziaria francese” e ha accusato le autorità europee di non aver inviato a lui o a Le Pen il rapporto finale.

Ha detto che l’indagine di Olaf è stata aperta nel 2016 e ha interrogato Le Pen per iscritto nel marzo 2021.

L’ultimo sondaggio Ipsos per FranceInfo e Le Parisien suggerisce che Macron potrebbe vincere il ballottaggio la prossima settimana di 10 punti percentuali.

Entrambi i candidati Stanno cercando di conquistare i sostenitori del candidato della sinistra radicale Jean-Luc Melenchon, che non è riuscito a qualificarsi per il secondo turno. Domenica, Melenchon ha pubblicato il risultato della sua consultazione di 310.000 sostenitori pagati su come 7,7 milioni di persone hanno votato per lui la scorsa settimana la prossima domenica. Degli oltre 215.000 partecipanti, quasi il 38% ha dichiarato che avrebbe votato in bianco, mentre il 33,4% ha dichiarato che avrebbe votato per Macron e meno del 29% si sarebbe astenuto.

“L’esito di questa consultazione non è un’istruzione per nessuno. Si riferisce alle opinioni di 215.292 persone che hanno partecipato. Ognuno concluderà e voterà secondo la propria coscienza”, Lo ha detto il team della campagna di Melenchon in una nota.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply