“Punizione dura”: la Cina inizia due giorni di esercitazioni militari intorno a Taiwan | Notizie militari

Le esercitazioni iniziano tre giorni dopo che William Lai Cheng Te ha prestato giuramento come presidente dell’isola rivendicata dalla Cina.

Secondo i media statali cinesi, la Cina ha iniziato due giorni di esercitazioni militari nelle acque e nello spazio aereo attorno all’isola autogovernata di Taiwan.

L’agenzia di stampa statale cinese Xinhua ha affermato che il comando del teatro orientale dell’Esercito popolare di liberazione ha iniziato l’addestramento alle 7:45 (23:45 GMT) di giovedì nello Stretto di Taiwan e nel nord, sud e est di Taiwan, nonché nelle regioni. Intorno alle isole di Kinmen, Matsu, Wokyo e Donjin.

Il portavoce militare, colonnello Li Shi, ha affermato che le esercitazioni congiunte che coinvolgono l’esercito, la marina, l’aeronautica e la forza missilistica sono servite come “una dura punizione per le azioni separatiste delle forze indipendentiste di Taiwan e un severo avvertimento contro le interferenze e le provocazioni da parte di forze esterne”. In un post sulla piattaforma di messaggistica cinese Weibo.

La dimostrazione di forza, nome in codice “Common Sword 2024A”, arriva tre giorni dopo che il nuovo presidente di Taiwan, William Lai Ching-ti, ha prestato giuramento e ha invitato Pechino a fermare il suo “terrorismo” sull’isola, che la Cina rivendica come propria. regina.

Pechino non ha escluso l’uso della forza per raggiungere il suo obiettivo di unificazione, e ha reagito con rabbia all’insediamento di Lai, un uomo che considera un “piantagrane” e “separatista”.

Il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato di aver messo il suo esercito in “massima allerta” in risposta alle esercitazioni cinesi, che ha descritto come “provocazioni e azioni irrazionali che impediscono la pace e la stabilità regionale”.

READ  Schulz, Macron e Tusk si incontrano a Berlino per discutere delle divergenze sull'Ucraina - Politico

Bonnie Glaser, direttrice esecutiva del Programma Indo-Pacifico presso il German Marshall Fund degli Stati Uniti, ha osservato che la reazione di Pechino alla vittoria elettorale di Lai a gennaio è stata relativamente contenuta.

“È chiaro che la Repubblica popolare cinese ha deciso di aspettare fino al suo discorso inaugurale per poi determinare la sua risposta”, ha detto ad Al Jazeera, riferendosi alla Cina con le iniziali del suo nome ufficiale.

“È chiaro che Pechino si oppone fermamente a ciò che vede come un tentativo di sviluppare una narrazione globale di ‘indipendenza di Taiwan’ con l’obiettivo di cambiare la natura delle relazioni tra le due sponde dello Stretto. Mi aspetto che adottino una serie di misure militari e politiche e misure economiche nelle prossime settimane e mesi”.

Lunedì Lai ha prestato giuramento come nuovo presidente di Taiwan [Taiwan Presidential Office via AFP]

Nel suo primo discorso al pubblico dopo aver prestato giuramento, Lai ha affermato che “la Repubblica di Cina e Taiwan sono un paese sovrano e indipendente con la sovranità del popolo” e ha sottolineato che il suo governo non farà alcuna concessione alla sua democrazia e alle sue libertà. .

Ha invitato Pechino a “fermare la sua aggressione contro Taiwan” e cercare di “mantenere la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan e nella regione”.

“natura dominante”

Il giorno successivo, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha criticato.

Il ministero degli Esteri cinese ha citato le parole di Wang durante un incontro dei ministri degli Esteri dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai in Kazakistan: “Le brutte azioni di Lai Qing-ti e di altri che tradiscono la nazione e i loro antenati sono vergognose”.

Ha aggiunto che nulla può impedire alla Cina di raggiungere la “riunificazione” e di riportare Taiwan “alla madrepatria”. “Tutti i separatisti per l’indipendenza di Taiwan saranno inchiodati al pilastro della vergogna nella storia”.

READ  I residenti di Tucson si sono sparpagliati in Polonia per fornire assistenza ai rifugiati ucraini

In un editoriale di mercoledì, il Global Times, gestito dallo stato, ha descritto il primo discorso di Lai come presidente come un “comportamento spregevole” e ha affermato che il suo discorso era “pieno di ostilità, provocazione, bugie e inganni”.

La Cina ha intensificato le sue attività militari in tutta l’isola da quando Tsai Ing-wen, predecessore di Lai e anche lei membro del Partito Democratico Progressista, è stata eletta presidente nel 2016. Spesso ha intrapreso azioni più aggressive quando i funzionari taiwanesi si sono incontrati con politici degli Stati Uniti, il principale alleato di Taiwan, hanno condotto una serie di esercitazioni di guerra senza precedenti dopo che l’allora presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato l’isola nell’agosto 2022.

Il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato che tali azioni hanno causato “gravi danni alla pace e alla stabilità globale”.

Ha aggiunto che le recenti esercitazioni militari sono state condotte “sotto falsi pretesti” e ha evidenziato la “natura egemonica” della Cina.

Potrebbero essercene altre in arrivo, ha affermato Wen Tee Song, specialista di Taiwan e Cina e membro non residente presso il Global China Center dell’Atlantic Council.

Ha sottolineato: “Questo round di esercitazioni militari ha il nome in codice ‘Joint Sword-2024A’”. Il suffisso “A” indica la possibilità di futuri round “B” e forse round “C”. Pechino sta mostrando i muscoli sulla scia dell’insediamento di Lai come presidente per segnalare inequivocabilmente il dispiacere di Pechino. Ma questo è il “segnale”. La vera “punizione” deve ancora arrivare.

La Cina considera il Partito Democratico Progressista un “separatista” votato all’indipendenza. Tsai e Lai, la cui vittoria segna un terzo mandato storico per il Partito Democratico Progressista, sostengono che il popolo di Taiwan dovrebbe essere colui che sceglie il proprio futuro.

READ  Un embargo petrolifero russo in Europa potrebbe significare un nuovo ordine energetico mondiale

Con Erin Hill a Taiwan.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply